Crea sito
giu 10, 2019 - Senza categoria    No Comments

UNA PAGINA DELLA STORIA MUSICALE DI LOCOROTONDO:CATALDO CURRI – IL LIBRO DI DONATO FUMAROLA E DI GIUSEPPE TURSI PRESENTATO A LICATA

1 ok

Oggi, 7 giugno 2019, l’aula Falcone-Borsellino è stata teatro di un importante evento culturale.
Infatti, in questa sala, ospitata presso la Parrocchia di San Giuseppe Maria Tomasi, a Licata, la confraternita di San Girolamo della Misericordia ha organizzato questo evento per ricordare la figura umana e professionale del M° Cataldo Curri, insigne musicista e compositore di opere famose.
E’ stato presentato il libro “UNA PAGINA DELLA STORIA MUSICALE DI LOCOROTONDO: CATALDO CURRI” . degli autori Donato Fumarola e Giuseppe Tursi.

2 ok

2a ok

” Una pagina della storia musicale di Locorotondo: Cataldo Curri ” è il libro che racconta la biografia e la storia delle attività artistiche dell’insigne M° Cataldo Curri grazie al minuzioso lavoro di ricerca del prof. Donato Fumarola e del prof Giuseppe Tursi.
Nel testo è inserito il catalogo delle sue opere corredato da oltre 70 foto inedite. Insieme al libro sono allegate alcune foto in formato grande che documentano varie e importanti occasioni. Le appendici finali del volume narrano fatti inediti riguardanti la banda bianca e alcuni dei suoi componenti.
La presentazione del lbro è del M° Angelo Schirinzi, la copertina illustrata è del disegnatore e grafico pubblicitario Alberto Camarra. Il grazie per la pubblicazione del volume va all’Associazione culturale Santa famiglia della c.da Lamie di Olimpia, alla Banca Popolare di Bari e al gruppo Macomed per il loro contributo.
A sollecitare l’evento per la presentazione del libro è stato il rev.padre Totino Licata, parroco della Parrocchia di San Giuseppe Maria Tomasi e assistente spirituale della confraternita di San Girolamo della Misericordia.
Ha condotto i lavori il prof. Francesco Pira Delegato alla Cultura della Confraternita.
Sono intervenuti: il prof. Donato Fumarola e il dott. Angelo Gambino.

3 ok
Il tavolo dei relatori

Dax: Francesco Pira- Donato Fumarola, Angelo Gambino

Purtroppo era assente  Giuseppe Tursi, co-autore del libro assieme a Donato Fumarola perché improvvisamente è venuto a mancare il 6 maggio u.s.

CLICCA QUI

Ha introdotto i lavori il dott. Angelo Gambino, governatore della confraternita di San Girolamo della Misericordia, che, dopo il benvenuto e i cordiali saluti, ha ringraziato padre Totino Licata per l’ospitalità, i licatesi presenti e, soprattutto, l’autore del libro, il prof Donato Fumarola per essere giunto a Licata da Locorotondo per partecipare alla presentazione del suo libro sulla vita e le opere del M° Cataldo Curri. Ha affermato che ancora oggi i brani musicali del M° Curri sono eseguiti dalle bande locali durante le Celebrazioni del Venerdì Santo amministrate dalla stessa Confraternita.

4 ok
Padre Totino Licata, nel suo intervento, ha letto  il suo contributo al libro: “Ricordo il Maestro Curri, la sua tenacia e la sua affabilità, il suo modo discreto e perfettamente educato di relazionarsi con gli altri. La sua presenza a Licata ha contribuito ad una crescita culturale non indifferente. Insegnava musica. Non dobbiamo dimenticare che il corpo bandistico di Licata era divenuto Banda di Giro. Il Comune lo aveva assunto, dopo un regolare concorso, e la sua vita la spese per questa nostra città”.

5 ok

Durante la cerimonia della presentazione dl libro il prof. Francesco Pira ha ripetutamente stimolato il prof. Donato Fumarola a raccontare aneddoti del grande compositore e direttore d’orchestra Cataldo Curri. Come lui stesso ha affermato: ”E’ stata una bellissima conversazione sul grande Maestro”.

6 ok

Cordiale è stato il dialogo del prof Donato Fumarola. Le se parole: “A Licata, fra di voi,  mi sono sentito subito a casa per la calorosa accoglienza”. Quindi ha raccontato parte della sua storia privata. Ha citato la frase scritta dal professor Calogero Carità:”Durante i suoi quindici anni di permanenza a Licata il M° Curri educò la gente, anche gli strati più popolari, ad accostarsi all’attività concertistica esibendosi ogni sabato sera e domenica mattina con musiche in palco in piazza Progresso o alla villa Regina Elena alla presenza di un numeroso pubblico entusiasta”. Infine ha ringraziato: Don Totino Licata, Angelo Gambino, Francesco Pira, Pierangelo Timoneri Giuseppe Nogara e la grande Banda Musicale Bellini – Curri. Il ringraziamento più sentito è andato al carissimo amico Pinuccio Tursi, nonchè co-autore del libro su Cataldo Curri. Senza il suo apporto, e senza il sostegno dell’ass.ne Santa Famiglia di Lamie D’Olimpia e della Banca popolare di Bari questo progetto non sarebbe stato realizzato.

7 ok

Hanno dato la loro testimonianza sulla presenza del M° Curri a Licata: l’amico Pierangelo Timoneri,

8 ok

il poeta Lorenzo Peritore,

9 ok

 il musicista Angelo Onorio,

10 ok

  la signora Anna Dainotto,

11 ok

il dott. Angelo Gambino che hanno raccontato episodi della vita del M° Curri o vissuti personalmente o appresi dalle persone, padri e fratelli, che l’hanno conosciuto.

12 ok

 Riporto integralmente il discorso di Pierangelo Timoneri: “L’amicizia con Donato Fumarola nasce nell’estate del 2009 quando mi scrisse questo messaggio: <<Vorrei avere notizie sul M° Cataldo Curri. Un grazie di cuore da parte di tutti i locorotondesi per il tuo lavoro di ricerca>>. In quell’anno ero alla ricerca di marce di Curri e di autori di banda per la mostra fotografica sulla Settimana Santa a Licata. Da qui sono nati la corrispondenza con Fumarola e lo scambio di materiale su Curri. L’ho fatto mettere in contatto con don Totino Licata e con Giuseppe Nogara, capobanda della Bellini-Curri. Nel 2016, all’improvviso e inaspettatamente, Fumarola mi chiese di scrivere un capitolo sul suo libro, sulla presenza di Curri a Licata e sulle processioni, così sentite e partecipate nella nostra città. Ho accettato con qualche timore ed ecco che nel libro trovate un mio contributo. Non ho avuto modo di conoscere il M° Curri, ero piccolino quando per l’ultima volta diresse il concerto del Venerdì Santo a Licata, ma ho i ricordi di mio padre, amante della musica classica e della lirica, che me ne parlava e che faceva parte della filarmonica. Egli mi ha trasmesso questa passione. Con don Totino Licata nel 1994 e nel 1995 ho fatto parte del coro per il Venerdì Santo ed oggi faccio parte del coro polifonico “Luigi Cherubini” che quest’anno abbiamo ripreso i brani che venivano eseguiti dalla Filarmonica. Per questo evento della presentazione del libro ho realizzato la mostra fotografica e di documenti relativi al M° Curri. Concludo questo mio breve intervento con quanto ho scritto sul libro. <<Grato al carissimo Donato Fumarola per avermi invitato a scrivere un intervento sul suo libro dedicato al M° Curri>>. Concludo con il desiderio che si possa indicare il maestro come una persona che ha lasciato un segno tangibile nella storia delle due città, Licata e Locorotondo, ed in ogni luogo dove è stato chiamato per dirigere bande musicali. Importante in questo senso è conservarne e tramandarne la memoria attraverso valide iniziative. A Licata qualche anno fa gli è stata intitolata una via e una banda musicale ne porta il suo nome. Sarebbe interessante proporre all’Amministrazione Comunale di Licata la realizzazione di un busto o l’installazione di una lapide del maestro da collocare nella villa Regina Elena, luogo dei suoi concerti, per farlo conoscere agli alunni delle scuole e per dedicare al compianto maestro ogni iniziativa bandistica e musicale”.

Durante il convegno hanno dato prova della loro bravura i musici della Banda Bellini-Curri, diretti dal capobanda Giuseppe Nogara, che hanno suonato “La Dolente” e “Lacrime” opere del M° Cataldo Curri. La Banda Musicale Bellini- Curri, attraverso le parole del capobanda Giuseppe Nogara, ritenendosi onorata di partecipare all’evento organizzato dalla confraternita di San Girolamo della Misericordia per la presentazione del libro del prof. Donato Fumarola, ringrazia gli organizzatori.

12a ok

13 ok

14 ok

15 ok

16 ok

 

CLICCA QUI

 

La visita alla mostra delle fotografie e dei documenti relativi al M° Curri, curata dall’operatore culturale Pierangelo Timoneri, è stato un altro momento di arricchimento culturale.

23 ok

24 ok

29 ok

30 ok

31 ok

32 ok

34 ok

35 ok

La cerimonia ha suscitato grande interesse e gli applausi della platea sono stati calorosi e abbondanti.

36 ok

36a ok

37 ok

37a ok

Alla fine il prof. Donato Fumarola ha firmato la dedica al suo libro e ha salutato gli amici

38 ok

39 ok

40 ok

41 ok

CATALDO CURRI  nasce a Locorotondo (BA) il 17 gennaio 1892.

42 ok

Musicista e compositore, diplomatosi al Conservatorio di Napoli e completati gli studi divenne direttore di banda. Nel 1931 emigrò in Argentina dove si inserì a suonare il primo corno nell’orchestra diretta dal maestro Arturo Toscanini.
Alla fine della seconda guerra mondiale ritornò in Italia. Nel 1947 partecipò e vinse il concorso per maestro di banda musicale bandito dal Comune di Licata dove M° Curri rimase fino al 1962 da egregio direttore della banda musicale. Non solo fu un eccellente direttore della banda, ma seppe unire alla musica le voci di diverse persone amanti del canto per la costituzione della Filarmonica “Petrella” che ogni anno, nella ricorrenza del Venerdì Santo, si esibiva sul palco allestito in piazza Progresso la sera dopo la deposizione del Cristo che scende dalla Croce. Per questa ricorrenza Curri compose varie marce funebri, tra le quali: LACRIME, LA DOLENTE, ULTIMO GIORNO. Dopo essere andato in pensione, il M° Cataldo Curri si ritirò a Pistoia, nella casa della figlia, dove morì l’11 maggio 1978 e per suo desiderio fu sepolto nella sua città natale esprimendo il desiderio di accompagnare il suo feretro col  suono di “Lacrime”.

DONATO FUMAROLA, nato a Locorotondo, all’età di dieci anni ha iniziato gli studi musicali diplomandosi in seguito in Pianoforte, Musica Jazz e Didattica Della Musica presso i conservatori di Matera e Monopoli . Nel 1991vince il suo primo premio assoluto al VI Con.Naz.Pianistico “Città di Valentino” di Castellaneta (Ta) seguiranno altri cinque primi premi assoluti in altrettanti Conc. Naz. ed Internazionali con formazioni cameristiche. Nell’ estate 98 ottiene una borsa di studio I.S.M.E.Z. al Conc. Inter. di musica da camera “ Città di Gubbio”. Dopo aver praticato un lungo apprendistato e perfezionamento nei campi della musica classica, e contemporanea, in diversi Conservatori e Accademie Musicali italiane con i maestri tra i quali: R.Corlianò,R.Cognazzo, T.Lievitina, K.Bogino,C.Grante (pianoforte e musica da camera), S.Gorli, D.Ghezzo (composizione), S.Miceli F.Piersanti (musica per film) tappa fondamentale nella sua evoluzione artistica è stata l’immersione nell’improvvisazione totale, nel 1999, nell’ensemble“Labirinto” del M. Gianni Lenoci. Seguiranno numerosi seminari con Maestri e Performer quali: Bruno Tommaso, Jean Derome, Gerardo Iacoucci, Francesco de Grassi, Stefano Battaglia,Marco Fumo. Diverse sue composizioni, sono state eseguite in numerosi recital, festival e rassegne musicali nazionali quali: Bologna (Accademia Filarmonica 1997 e 2000), Bari (Dipartimento di musica contemporanea ’99 in collaborazione con la New York University), Otranto (Salento musica XXedizione ’99), Alberobello Jazz 2004, Monopoli (III, IV eV Meeting della Scuola di Didattica Della Musica 2007,2008e 2009). Le sue collaborazioni vanno dalla musica classica a quella contemporanea, dal jazz al tango, alla musica gospel, alla sonorizzazione di film muti. Una sua sonorizzazione del film Emak-Bakia (1926)di Man Ray è stata segnalata alla terza edizione del festival “Harlock 2001-Rimusicazioni Film Festival di Bolzano. Nel maggio 2008 il direttore del Cons. “Nino Rota” di Monopoli e il comitato scientifico del corso di Didattica Della Musica, gli hanno conferito un Diploma di Merito per le sue composizioni, molto intense sia dal punto di vista artistico, sia da quello dell’ impegno civile, morale e umano. Suoi lavori sono pubblicati presso la casa editrice Florestano di Bari. Insegna pianoforte presso la Carl Orff di Putignano e Alberobello.
Dal web:http://www.donatofumarola.com/

Dalla seconda di copertina del libro

43 donato ok

44 ok

  Dalla seconda di copertina del libro

GIUSEPPE TURSI

45 giuseppe ok

 

 

 

 

Print Friendly
giu 1, 2019 - Senza categoria    No Comments

L’ECBALLIUM ELATERIUM, IL COCOMERO ASININO

1 ok

Sono sicura che a nessuno di noi, attenti osservatori della Natura, è sfuggito l’incontro con questa pianta molto diffusa in Italia e in Sicilia. I suoi habitat sono molto estesi: dal piano alla zona submontana, sino a 800 m di quota, lungo i sentieri, ai margini dei coltivi, su terreni incolti, aridi e sassosi, sulle macerie, nelle zone costiere come le dune e lungo le spiagge. Non è raro incontrare questa pianta anche a
Mistretta e a Licata.
Sotto i marciapiedi di una palazzina vicina alla mia ho notato una pianta che mostrava contemporaneamente larghe foglie, bei fiori gialli e grossi frutti ovoidali.
Mi accostai ad essa e, per meglio fotografarla, m’inginocchiai accanto ad essa. Avevo appena iniziato la mia ispezione quando all’improvviso fui investita da un’emissione multipla di schizzi di liquido appiccicoso misto a corpuscoli scuri che centrarono la mia faccia e la macchina fotografica.
Gli occhi, fortunatamente, sono stati protetti dagli occhiali.
Mi sono arrabbiata veramente!
Il mio è soltanto un avvertimento per essere attenti, amici miei, a non calpestare, a non toccare, a non sfiorare questa pianta che, fra poco tempo, sarà presente e molto invadente.
In botanica il suo nome scientifico è: “Ecballium elaterium”.
E’ conosciuto con molti altri sinonimi italiani:Cocomero asinino, Elaterio, Schizzetti, Sputaveleno” perché nella polpa è contenuta una sostanza amarissima e molto tossica.  Da noi, in Sicilia è chiamato Citrulìcchiu”.
Etimologicamente il nome del genere “Ecballium” deriva dal verbo greco “έκ-βάλλω”,sbalzar fuori”, alludendo alla caratteristica del frutto che schizza i semi.  Il nome della specie“elaterium” deriva sempre dal greco “έλατήριος”, “chespinge, che allontana”.
L’Ecballium elaterium è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee. Originaria dalle regioni aride dell’Africa settentrionale, è diffusa in tutto il bacino del Mediterraneo.
E’ una pianta verrucoso-ispida, cespugliosa, alta sino a 50 cm, con fusti prostrati, succulenti, angolosi, ramosi e senza viticci.

2 ok

Le foglie, sostenute da lunghi piccioli, sono ovato-cuoriformi, con apice acuto e margine ondulato, molto spesse e di colore verde-grigio.

 3 ok

I fiori, piccoli, monoici, colorati di giallo chiaro e striati di verde, sia i femminili sia i maschili compaiono nell’ascella della stessa foglia, ma su peduncoli distinti.  Sia la corolla sia il calice sono divisi in 5 lobi. I fiori maschili sono riuniti in racemi; i fiori femminili sono solitari e saldati ai rami. L’antesi è molto lunga: da aprile ad ottobre.

4 ok

I fiori femminili, dopo la fecondazione, producono il frutto. Il peduncolo che lo sostiene è ripiegato ad uncino e quindi l’attaccatura del frutto è rivolta verso l’alto.
Il frutto, una bacca ovoide, dalle dimensioni di 3–4 cm, di colore verdastro, oblungo, ruvido-irsuto, pendente, a maturità si stacca dal peduncolo e dal foro lancia i semi a parecchi metri di distanza, anche oltre i 3 metri, alla velocità di circa 10 m/s.

5 ok

6 ok

All’interno del frutto si formano dei gas e dei liquidi che, a maturazione, aumentano di pressione. Basta sfiorare la pianta per provocare il distacco del frutto e la violenta fuoriuscita dal foro dell’attaccatura dei semi e del liquido nel quale sono immersi favorendo, così, la diffusione della specie. Il frutto, svuotato, è spinto in direzione opposta per il contraccolpo. Questo comportamento è accompagnato da un odore disgustoso. Il frutto non è buono da mangiare.
La sua polpa non solo è molto amara, ma contiene l’elaterina, una sostanza assolutamente tossica da cui il nome volgare di “Sputaveleno”.
Questo meccanismo di dispersione dei semi risponde ad una naturale esigenza della pianta ecologicamente aggressiva in habitat aridi: far crescere le piante figlie in zone lontane il più possibile dalla pianta madre per evitare competizioni tra di esse per l’occupazione del suolo, per il rifornimento dell’acqua e per estendere al massimo il controllo del territorio.
Il Cocomero asinino, oltre all’elaterina, include altri principi attivi: l’elaterinide, la cocurbitacina, gli alcalodi cinoglossina e consolicina, per cui possiede proprietà farmacologiche impiegate in campo terapeutico.
Nella medicina popolare, fin dai tempi antichi, la polpa dell’Ecballium fu impiegata dagli Egizi, dai Romani e dai Greci.
Il filosofo greco Teofrasto di Ereso consigliava l’uso della radice per combattere la scabbia delle pecore. In seguito la polpa del frutto fu impiegata anche dai medici arabi e in particolare da Avicenna che considerò l’elaterina fra i rimedi più utili e più efficaci.
Ippocrate raccomandava molta prudenza nella somministrazione dell’Elaterio, un miscuglio di sostanze estratte da vari frutti delle Cucurbitacee, dimostrando di conoscere esattamente non solo la sua attività terapeutica, ma anche gli inconvenienti che possono derivare da un uso incauto di questa droga.
I seguaci di Ippocrate utilizzavano le radici e le foglie.
Il Leclerc, in un suo articolo ricco di notizie storiche, scrisse che l’Ecballium può essere annoverato fra le droghe di più antico uso; <<Son emploi remonte à l’aurore de la Médecine>>.
Dioscoride diede un’esatta descrizione del metodo di preparazione dell’Elaterio estratto dal frutto dell’Ecballium, metodo che fondamentalmente corrisponde a quello impiegato anche attualmente.
L’elaterina, contenuta nella polpa del frutto, è una sostanza amarissima e altamente tossica.
Mangiare la polpa può causare fastidiose infiammazioni alla mucosa della bocca e seri disturbi gastrointestinali. L’elaterina è attiva già alla dose di pochi milligrammi.
Gli estratti della polpa del frutto dell’Ecballium attualmente sono impiegati in veterinaria per il loro effetto purgante.
Null’uomo sono utilizzati quasi esclusivamente per uso esterno.
Con la radice, prima macerata e poi bollita nell’aceto, si effettuavano massaggi che attenuavano i dolori reumatici e il gonfiore delle gambe. Infatti, il suo principio attivo, particolarmente idrosolubile,  aveva proprietà antinfiammatorie ed analgesiche.
Tuttavia sembra che questa pianta abbia proprietà terapeutiche che riescono a curare alcuni malanni quali la sinusite, gli stati emorroidari, le affezioni oculari, i dolori articolari, le ostruzioni delle vie biliari, le infezioni della pelle, in particolare quelle molto contagiose. In medicina si può usare il liquido essiccato come forte purgativo,ma ne è sconsigliato l’uso data l’elevatissima tossicità.
Infatti, per la sua alta tossicità bisogna usare la droga solo ed esclusivamente sotto lo stretto controllo del proprio medico.
Il quadro tossicologico, causato sia dall’ingestione sia dal contatto cutaneo con la pianta, è costituito dai sintomi di violenta gastroenterite, nausea, vomito e diarrea.
Dopo un lungo periodo durante il quale fu quasi completamente abbandonato, l’uso dell’elaterio fu ancora ripreso nel 1700 e nel 1800 da alcuni medici inglesi fra i quali il Sydenham e il Lister.

7 ok
Questa droga fu esaurientemente trattata in molti testi di Medicina e inscritta nelle farmacopee di quasi tutti i paesi d’Europa e d’America. La Farmacopea degli Stati Uniti ha registrato l’elaterio sino al 1813 e l’elaterina sino al 1916, mentre dell’elaterio e dell’elaterina si trova menzione nella Farmacopea inglese sino al 1914.
Attualmente l’uso dell’elaterio e dell’elaterina é di nuovo quasi completamente abbandonato.
Una buona droga, a contenuto fisso e controllato in elaterina, potrebbe sempre trovare utile impiego anche ai giorni nostri.

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly
mag 26, 2019 - Senza categoria    No Comments

“MONDO DI SILENZIO” POESIA TRATTA DAL LIBRO “SINTITI,SINTITI” DI CARMELO DE CARO

22 MAGGIO 2019.
Sono trascorsi 19 anni!
Il ricordo di te, carissimo Carmelo, è sempre vivo.
La morte altro non è che la naturale conclusione del ciclo vitale, breve o lungo, intenso o leggero.
Con la morte tu, come tutti i miei cari, non siete più vicini a me fisicamente, ma continuate ad esistere.
E’ la fede cristiana che crede nella vita eterna e nella speranza delle resurrezione dei morti.

ok ok

MONDO DI SILENZIO

Fresco di maestrale su per la collina

disseminata di bianche lapidi e marmi e croci e di eleganti frasi

fatte.

Da oggi un nuovo corpo spargerà i suoi umori sulla terra bruna.

Piangete donne, piangete.

Stormono i cipressi del mondo perduto,

rompono il silenzio degli avelli nel luogo dove tutti verremo.

Là dove riposa cullato dalle morbide ombre avvolgenti

del falso pepe il padre di mio padre, là anch’io sarò.

Una piccola foglia s’è staccata silenziosamente dal suo ramo, vola

sulle ali del vento.

Come è breve quel suo momento di libertà suprema!

Dopo aver sfiorato i riccioli del marmo bianco e freddo dell’angelo

è finita sull’osseo biancore d’una lapide.

Mondo di silenzio, mondo immobile, mondo di tutto e di nulla,

statico, rappreso, al di là del tempo, precluso ai viventi.

E’ lungo e diritto questo muro, non se ne vede la fine anche se so

che c’è.

Non voglio voltarmi a vedere l’inizio lontano sperduto tra le nebbie

del tempo

e proseguo lungo le pietre provate da mille intemperie.

Paesaggio monotono, avanzo. Un cancello nel muro, una speranza

che subito muore.

Chiuso.

E il ferro è rugginoso. Dopo, ancora il muro. Vecchia pietra insultata

dalle ingiurie del tempo, quando finirai?

Non posso vedere oltre il muro e cammino, cammino accanto a esso

anche se ora il mio progredire è duro e faticoso.

Avanzo lungo questo muro con la speranza o la delusione che un

giorno possa finire.                                                  Maggio 2000

Poesia tratta dal libro “Sintiti, Sintiti” di Carmelo De Caro

 

Print Friendly
mag 12, 2019 - Senza categoria    No Comments

BELLI SENZ’ANIMA IL LIBRO DEL DOTT. GIUSEPPE RAFFA PRESENTATO A LICATA

0 ok

Una giornata importante all’insegna dell’impegno sociale e dell’acquisizione di importanti contenuti sui bullismi è stata vissuta dagli alunni dell’IIS “E FERMI” di Licata sabato 11 maggio 2019 grazie all’instancabile attività professionale del pedagogista dott. Giuseppe Raffa.
Infatti, nell’accogliente sala dell’aula magna dell’Istituto “Ines Giganti Curella”, sito in via F.Re Grillo, in Contrada Cannelle, è stato presentato il libro dal titolo “ BELLI SENZ’ANIMA”. Autore è il pedagogo dott. Giuseppe Raffa con la prefazione del prof. Luca Bernardo.

0A ok

0b ok

0c ok

Il Dott. Luca Bernardo, che è stato da poco nominato consulente del Ministro della Pubblica Istruzione per il fenomeno del bullismo e del cyber bullismo, ha inserito il dott. Giuseppe Raffa nel comitato ristretto di 20 “saggi”, detto pensatoio, che supporteranno il Ministero in progetti antibullismi in tutte le scuole e nelle realtà giovanili italiane.
Responsabilità che lo inorgoglisce!
Il libro “Belli senz’Anima” è un compendio di pedagogia che aiuta a comprendere le cause del bullismo, un fenomeno molto frequente tra i giovani di oggi, del cyber bullismo e del sexting.
Esso è’ un prezioso scrigno di suggerimenti come guida dei rapporti educativi- comportamentali fra genitori e figli, fra docenti e discenti.
In questo libro il dott. Giuseppe Raffa ha messo in luce l’attività educativa di alcuni genitori di oggi che usano metodi educativi non adeguati ai tempi, che si sottraggono alle loro responsabilità genitoriali, che assumono comportamenti poco autoritari, anzi amichevoli, quasi alla pari, annullando l’autorità genitoriale verso i propri figli.
Già fin dalle ore 9:30 del mattino gli studenti delle 2° classi dell’IIS “E. FERMI” hanno incontrato il dott. Giuseppe Raffa per ascoltare e riflettere sul tema del fenomeno del bullismo. Gli interventi degli alunni sono stati molto numerosi, focalizzati ed efficaci.

0d ok

0e ok

0f ok

0g ok

La cerimonia di presentazione del libro è continuata alle ore 11:15 della stessa giornata alla quale hanno partecipato agli alunni, i loro genitori, i docenti della Scuola, i rappresentanti della Polizia di Stato, la presidente del Cusca ins. Cettina Greco, la poetessa Maria Pia Arena, il poeta Lorenzo Peritore.
Sono intervenuti: la prof.ssa Amelia Porrello, dirigente scolastica dell’Istituto, la prof.ssa Giuseppina Incorvaia, referente del fenomeno bullismo, il dott. Giuseppe Raffa, autore del libro.

2 TAVOLORELATORI ok

Il tavolo dei relatori Da sx: Amelia Porrello-Giuseppina Incorvaia-Giuseppe Raffa

60123974_10205606408716017_8488200977264934912_nokk

Ha aperto i lavori la prof.ssa Amelia Porrello che, dopo aver dato il saluto di benvenuto a tutti i presenti, ha spiegato di aver voluto che questo evento avvenisse a Licata, nella sua Scuola, a conclusione di una serie di appuntamenti col dott. Giuseppe Raffa, che conosce da tanti anni, per discutere su un argomento così importante qual è il fenomeno del bullismo.

3 AMELIA ok

 Il Dott. Giuseppe Raffa, nato a Vittoria il 14 agosto 1961, laureato in Pedagogia al Magistero di Catania nel 1987, è coordinatore dell’ambulatorio antibullismi della ASP di Ragusa, è responsabile per il Sud Italia del Co.Na.Cy (coordinamento nazionale cyberbullismi) e componente dell’osservatorio nazionale sui bullismi del Club service Kiwanis, Distretto Italia – San Marino.
Da molto tempo collabora con il Dott. Luca Bernardo, il “gotha” del settore, di recente nominato consulente del Ministro della Pubblica Istruzione per il fenomeno del bullismo e del cyber bullismo.
Possiede una grande preparazione culturale e soprattutto umana, sul fenomeno della diffusione del bullismo in Italia e nel mondo. Instancabile a incontrare i ragazzi di tutte le età nelle scuole, nelle piazze, nei parchi per parlare con loro, per cercare di capire le loro problematiche, nel partecipare a conferenze e a convegni, nel pubblicare molti lavori per i giovani e per le loro famiglie.
La prof.ssa Giuseppina Incorvaia, referente per il fenomeno del bullismo e che ha curato scrupolosamente l’incontro con interventi mirati, inoltre, in qualità anche di docente, ha esposto le problematiche e gli interventi di cui ha bisogno il mondo dei giovani.
Le sue parole: “E’ nata la legge N° 71 del 2017, una legge che sancisse precise azioni di carattere giuridico e non solo su come prevenire, gestire e monitorare il bullismo.  In base a questa legge sono previsti provvedimenti molto importanti proprio per monitorare, prevenire e curare azioni di bullismo. Si parla di registri di bullismo, di edizione di un regolamento interno della scuola, di documenti che dovranno mettere i docenti in condizioni di monitorare, di attenzionare il problema.
Sono necessari nuove realtà, nuovi genitori. “Belli senz’Anima” non è un libro sul bullismo, ma un libro che studia le cause del fenomeno ormai degenerato in un malessere sociale che coinvolge tutte le comunità: la famiglia, la scuola, la società in genere. Parlavo della particolarità di questo nostro incontro
perché lo si studia attraverso una visione personale del dott. Giuseppe Raffa sulle cause che lo hanno generato.
La nostra visione oggi si arricchisce, attraverso la lettura del libro, di spunti di approfondimento, di riflessioni su quali potrebbero essere i motivi per i quali un ragazzo diventa violento
”.Ancora ha parlato delle varie tipologie di bullismo spiegandone il significato.

4 GIUSEPPINA ok

5  ok

Il monologo, letto dal giovane Carmelo Cantavenera, alunno della 2° classe dell’Istituto “Ines Giganti Curella”, è stato molto interessante perché ha descritto il rapporto amichevole tra il papà Marco, il papà migliore del mondo, e suo figlio Tony.

6 ok

Nel suo intervento conclusivo il dott. Giuseppe Raffa ha posto l’attenzione sul difficile ruolo della genitorialità nella prevenzione di varie forme di bullismo e di violenza. Ha affermato: “Sono genitori che non hanno l’anima, ovvero quel non luogo a destra del cuore che custodiva nei genitori di una volta i valori, i riferimenti, l’esempio educativo, il principio di autorità e di giustizia, l’educazione ai sentimenti.
Oggi il genitore moderno è chiamato col proprio nome di battesimo, gli si dà del tu. Ecco, molti di loro, non tutti,  sono <<belli senz’anima>>.
Le conseguenze della cattiva educazione dei figli sono: la mancanza di osservanza dei valori umani, la disobbedienza agli insegnamenti educativi, l’aumento delle azioni di bullismo, la diffusione della violenza incivile tra loro giovani, fra compagni di scuola e di gioco e verso le persone più deboli.
I giovani di oggi sono <<nuovi adolescenti>> non solo adolescenti, con un cervello diverso da quello delle passate generazioni a causa delle tecnologie che hanno causato un’autentica rivoluzione che noi adulti non abbiamo ben compreso. Il loro pensiero è sintetico, non più selettivo e analogico, è un pensiero digitale, pensano, si muovono ed agiscono con il telefonino in mano. Sono i nativi digitali, quelli che vanno dal 2000 ad oggi.
Se non capiamo il problema non riusciremo mai ad accudirli e ad affrontarli”.
Ha parlato della legge 71 sul cyber bullismo il cui iter scritto e approvato all’unanimità dal Parlamento e che individua il fenomeno come reato. Le sue parole: ” Siamo tra i primi Stati in Europa ad avere una legge simile che, tuttavia, non è completa in quanto non tiene conto del supporto ai genitori.
La legge non considera le famiglie che invece hanno più bisogno di aiuto dei ragazzi. Occorre Intervenire sui genitori e sostenerli”
.
Ha parlato anche di altre forme di bullismo quale il “cyber bullismo”, ossia il “bullismo online” che è il termine che indica l’attacco continuo, aggressivo, prevaricante,  ripetuto, offensivo, sistematico compiuto tramite strumenti telematici (sms, e-mail, siti web, chat, ecc, e del sexting”, ossia la trasmissione di foto intime in rete, senza il consenso dell’intessato/a, un fatto gravissimo che ha portato anche al suicidio chi ne è rimasto vittima.

7 ok

L’attenta analisi del dott.Giuseppe Raffa sul bullismo, sulle cause e sulle conseguenze, è scaturita da una ventennale sua esperienza sulle tematiche giovanili. Pertanto il dott. Giuseppe Raffa ha offerto ai genitori e agli educatori scolastici suggerimenti utili per adottare nuovi parametri educativi e tecnologici necessari ad affrontare nel migliore dei modi le emergenze e le necessità dei nuovi adolescenti.
Il dott. Giuseppe Raffa ha parlato usando un tono cordiale, sicuro e determinato utilizzando un linguaggio chiaro e comprensibile da tutti i presenti.  Dalle sue parole traspare la grande passione che lo spinge e lo motiva allo stesso tempo.
Il dott. Giuseppe Raffa ha affermato che il suo lavoro “Belli senz’animanon è un libro sul bullismo in quanto tale, ma è un libro discorsivo essenzialmente rivolto ai genitori e ai loro errori educativi, a chi ha il dovere di educare. Spiega perché molti giovani di oggi sono violenti senza apparente motivo, si comportano male a scuola, sono anaffettivi, assumono atteggiamenti omofobici e razziali.
Infine il dott. Giuseppe Raffa ha concluso l’incontro indirizzando il suo grazie ai relatori, agli alunni e a tutti i presenti per la calorosa accoglienza.
Gli applausi sono stati abbondantissimi, sinceri e calorosi a testimonianza della gradita e riuscita manifestazione.

7a ok

7b ok

7c ok

Siamo stati tutti partecipi all’incontro guardando il filmato cliccando su

 

CLICCA QUI

 

Ascoltare il discorso del dott. Giuseppe Raffa sul bullismo scolastico sociale e tecnologico ha avuto un alto valore pedagogico ed è stato un momento di grande importanza.  Ci deve essere uno sforzo comune con il coinvolgimento di tutte le istituzioni: la scuola, la famiglia, gli organi competenti consapevoli che il bullismo comincia proprio all’interno della famiglia.

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly
apr 30, 2019 - Senza categoria    No Comments

RAPPRESENTAZIONE DEL DRAMMA “L’IMPENITENZA DI GIUDA E L’AMORE DI GESU’ . DIALOGO DI CARITA’ E DI MISERICORDIA ” TRATTO DAL LIBRO DEL PROF. VINCENZO SCUDERI.

 a ok

Sabato, 27 aprile 2019, l’accogliente  teatro “Re Grillo” di  Licata  è stato il  luogo prescelto per la rappresentazione dell’ importante avvenimento religioso: la rappresentazione del dramma: “L’impenitenza di Giuda e l’amore di Gesù. Dialogo della carità e della misericordia” tratto dal libro omonimo del prof. Vincenzo Scuderi edito da Youcanprint.

b ok

c ok

d ok

Veramente Vincenzo Scuderi nella chiesa Santuario di Sant’Angelo, sita nell’omonima piazza a Licata, aveva già messo in scena il “Dialogo d’amore infinito tra Maria, madre, Vergine e Gesù in Croce” tratto dal libro“Comunione d’Amore fra Maria e Giuseppe Sposi di Dio - Benedictus fructus ventris tui”.
Ha iniziato l’evento la signora Maria Bernasconi, che ha ampiamente illustrato il significato della rappresentazione e la personalità sensibile e creativa dell’autore.

d1 ok

Ha portato i saluti dell’Amministrazione comunale il vicesindaco e  l’Assessore allo Sport Turismo e Spettacolo Angelo Vincenti  elogiando il prof. Scuderi per avere saputo trasmettere, attraverso la lettura del sul libro, sentimenti di umanità.

ANGELO vINCENTI

La dott.ssa Maria Grazia Cimino e il prof. Gaetano Truisi hanno introdotto la scena del dialogo con la lettura delle loro riflessioni.

d2 ok

Bravissimi gli attori che hanno dato la voce: Ireneo Moscato, che ha rappresentato Gesù,  Marco Bernasconi, che ha rappresentato Giuda, Enzo Rapisarda che ha rappresentato il Maligno.

e ok

Da sx: Ireneo Moscato-Marco Bernasconi-Enzo Rapisarda

Regista attento è stato Vincenzo Scuderi, che aveva invitato i licatesi e non solo loro a partecipare alla rappresentazione poiché il tema offre spunti di riflessione e interrogativi di vita.
Vincenzo Scuderi nel suo libro spiega la motivazione del tema trattato :”Se mi guardassi allo specchio, di certo, non vedrei in quell’immagine la figura di Giuda, però se per un attimo voltassi le mie spalle, può darsi la ritroverei dietro di me, in me. Quanto volte al giorno ho rinnegato, tradito Dio. Mille volte. A me è concesso il tempo per la riconciliazione con Dio, così spero nell’ultima ora, invece Giuda, questo momento non l’ha ricevuto, o forse non l’ha voluto, non l’ha cercato. Eppure, proprio lui ha avuto il privilegio di vedere il volto del figlio di Dio, della Santissima Trinità; di stargli accanto, poterlo sfiorare. Per questo, non posso immaginare Giuda eternamente perduto. Quante volte avrà stretto Gesù, sfiorato la mano, abbracciato, salutato e baciato. Eppure i benefici di quei contatti divini non sono bastati a salvarlo? Non fu quella donna, l’emorroissa, che gli toccò appena il lembo del mantello e subito guarì! E Gesù si voltò e disse: «Coraggio, figlia, la tua fede ti ha salvato». E da quell’istante la donna fu guarita. (Mt 9, 20-22). Ecco l’importanza della Misericordia di Dio. Di fede per la redenzione ne sarebbe bastata quanto un granello di senape.
La grande sala del teatro era gremita di gente che, in religioso silenzio, ha ascoltato il dialogo manifestando grande apprezzamento per la scelta del contenuto, in tema col periodo  della Settimana Santa a Licata,  e per la sublime rappresentazione dell’evento da parte degli attori, che attori di certo non sono di professione.

e1 ok

Per questo motivo la loro rappresentazione è stata molto ammirata con espressa gratitudine con gli applausi molto calorosi.
Visibilmente commosso ma compiaciuto, era il prof. Vincenzo Scuderi che ha ringraziato i presenti per i complimenti e per gli abbracci affettuosi.

VINCENZO SCUDERI

Anche noi possiamo essere presenti alla rappresentazione cliccando

 

CLICCA QUI

Molto eloquente è il commento della prof.ssa Giuseppina Incorvaia eche riporto integralmente: “Bellissimo evento ieri sera al Teatro Re Grillo di Licata dove è stato messo in scena il dramma “L’impenitenza di Giuda e l’amore di Gesù. Dialogo della Carità e della Misericordia”, opera dello scrittore licatese prof.Vincenzo Scuderi. Marco Bernasconi ha dato la voce a Giuda, Ireneo Moscato a Gesù ed Enzo Rapisarda al Maligno. Ha presentato Maria Bernasconi ed ha portato i saluti dell’Amministrazione comunale il vicesindaco e assessore allo Sport Turismo e Spettacolo  Antonio Angelo Vincenti. Hanno introdotto il dramma: Gaetano Truisi e Maria Grazia Cimino, le cui parole hanno creato subito un’atmosfera di attesa e di condivisa emozione. Essenziale la scenografia, quasi a voler dare risalto al pathos dei dialoghi. Veramente bravi gli attori  nella cui recitazione, vibrante e commovente, carica di un intenso pathos, hanno saputo sapientemente dosare timbro di voce e gestualità composta in un sottofondo di spiritualità che in diversi momenti della rappresentazione ha commosso. Nuova ed originale, stimolo per profonde riflessioni, la chiave di lettura che Vincenzo Scuderi ha dato del dramma del traditore di Cristo, giudice e carnefice di se stesso, disperato ma impenitente, pieno di una rabbia che non trova conforto nelle parole di perdono di Gesù, perché non è il perdono che Giuda cerca, ma la risposta alla domanda <<Perchè hai lasciato che ti tradissi?>>. Giuda, negligente nel combattere la sua avidità, diventa refrattario alla grazia e, lasciato da Dio nella condizione di peccatore, si riscopre pedina di un progetto di salvazione dell’umanità. Il Giuda del dramma di Scuderi non è sé e la sua accidia che incolpa, ma Dio, che lo ha abbandonato, che non l’ha perdonato come ha fatto con Pietro, che per tre volte lo ha rinnegato, e con gli apostoli che non erano sotto la sua croce. Perciò, abbraccia il Maligno, che riempie di tenebre e orrori la sua fantasia, per dargli l’ultimo scossone e per farlo precipitare nell’impenitenza finale. Solo un Cristo che si fa crocifiggere di nuovo può redimere il peccatore Giuda. La rappresentazione del dramma ha emozionato il pubblico attento ed emotivamente coinvolto”.

Il prof. Vincenzo Scuderi, nato a Ramacca il 15/08/1946, risiede a Licata da molti anni dove ha svolto il suo lavoro di Docente presso L’ITC.  Inoltre, dottore commercialista e revisore contabile, oggi si dedica ad altre attività godendosi la sua meritata pensione.

f ok

E’autore di numerose opere letterarie conosciute in varie città della Sicilia, dell’Italia, dell’Europa e anche di terre straniere. La sua produzione comprende: romanzi, novelle, fiabe, filastrocche.
Ha pubblicato articoli su Riviste per professionisti di contenuto giuridico-contabile-fiscale. Amante dell’arte e della pittura, ha organizzato quattro mostre personali esponendo le sue preziose opere.
L’amico Vincenzo è una persona aperta, socievole, detentore di molti valori umani e sociali che io, personalmente, stimo molto.
Grazie Vincenzo!

Print Friendly
apr 16, 2019 - Senza categoria    No Comments

PIRATERIE. RIFLESSIONI BREVI DI VITA SOCIAL-IL LIBRO DEL PROF. FRANCESCO PIRA PRESENTATO A LICATA

1 ok

Un pomeriggio importante all’insegna della cultura e della socialità è stato vissuto dai licatesi e, soprattutto, dagli alunni dell’IIS “E FERMI” di Licata mercoledì 10 aprile 2019 grazie all’instancabile attività giornalistica del professore Francesco Pira.
Infatti, nell’accogliente sala dell’aula magna dell’Iedificio “Ines Giganti Curella”, sito in via F.Re Grillo, in Contrada Cannelle, è stato presentato il libro dal titolo “PIRATERIE. RIFLESSIONI BREVI DI VITA SOCIAL”. Autore è il prof. Francesco Pira.

ok

2 ok

3 ok

 

CLICCA QUI

 

 La prefazione è del giornalista Antonello Piraneo, direttore del giornale La Sicilia. La postfazione è della giornalista e docente di Lettere prof.ssaCristina Graziano.
Il giornalista Antonello Piraneo sottolinea l’importanza di questo volume che rappresenta non solo la certosina raccolta dei contenuti di un anno di PIRAterie, ma, soprattutto, dà risalto al momento di sintesi di un percorso intellettuale ed umano nel quale il lettore si sente pienamente coinvolto.
La giornalista Cristina Graziano scrive: “Il fatto di cronaca, il dato scientifico, una ricerca condotta in qualsiasi parte del mondo sono stati “vissuti” quali occasioni di approfondimento sociologico da restituire alle “masse” con un piglio giornalistico di effetto grazie ad un uso fluido della scrittura e ad un tono a tratti scanzonato che, costruendo con padronanza situazioni comunicative leggere, porta il lettore, pure quello distratto, a riflettere. E così il professore Pira, da novello Orazio, “denuncia” i vizi umani con l’obiettivo di concorrere a sviluppare un nuovo ispirato ai criteri dell’equilibrio e della misura nell’impiego delle nuove tecnologie. D’altronde «In medio stat virtus» sostenevano già i latini e la propensione a guardare avanti, dettata dal progresso e dall’individualismo, talora ci induce a perdere il nostro «essere umano»”.
Editrice è la “Medinova”, la casa editrice di Favara presieduta da Antonio Liotta.
La nota editoriale è invece firmata dalla giornalista Daniela Spalanca, Responsabile Comunicazione di Medinova che scrive: “Il lettore è guidato, automaticamente e quasi inconsapevolmente, verso un percorso comunicativo rivoluzionario che porta, però, senza un’attenta analisi ed una necessaria ironia, ad una involuzione del pensiero risucchiato, suo malgrado, in una centrifuga omologante che è la “società”.
Il manuale comprende 81 articoli distribuiti in 12 sezioni, che descrivono la vita dei social media. Sono aneddoti e racconti che analizzano e sottolineano i tratti salienti del cambiamenti sociali in continua evoluzione. Gli articoli offrono, per ogni macroarea, una chiave di lettura per mezzo della quale il lettore è spinto a riflettere sui suoi comportamenti e ad affrontare criticamente le nuove tecnologie.
 Gli articoli sono stati pubblicati sul quotidiano “La Sicilia” in una rubrica, denominata PIRAterie, dal 17 gennaio 2017 al 16 settembre 2018.
Nella copertina del libro il pittore Nicolo’ D’Alessandro, palermitano e collaboratore di Repubblica, ha disegnato la faccia di un PIRA..TA, forse quella dell’autore, giocando col suo nome.
Gli occhi sono: uno aperto, per essere vigile, l’altro bendato, per non vendere le cose brutte dell’essere umano. Da notare il simbolo della morte sulla tesa del cappello.
L’evento è stato di grandissima importanza sia per la trattazione degli argomenti, sia per le originali e particolari animazioni realizzate dagli studenti guidati dalle professoresse Tiziana Denicolò e Antonietta Cammilleri.
Hanno relazionato: la prof.ssa Amelia Porrello, dirigente scolastica dell’Istituto, la prof.ssa Tiziana Denicolò e la prof.ssa Antonella Cammilleri.

4 tavolo dei relatori ok

Il tavolo dei relatori

Dx: Tiziana Denicolò, Francesco Pira,  Amelia Porrello, Antonella Cammilleri

Ha aperto i lavori la prof.ssa Amelia Porrello che, dopo aver dato il saluto e il benvenuto a tutti i presenti, ha illustrato ampiamente la figura umana e culturale del prof. Francesco Pira, sociologo e docente di Comunicazione dell’Università degli Studi di Messina.Ha sottolineato che noi licatesi possediamo dei valori immateriali riferiti ai nostri concittadini illustri che hanno dato e danno notorietà a Licata per aver ricevuto riconoscimenti non solo in Sicilia e in Italia, ma anche all’estero e di cui dovremmo essere orgogliosi.
A Licata il prof. Francesco Pira è stato cofondatore del mensile “La Vedetta” per il quale ha scritto e collaborato per vari anni e direttore del telegiornale dell’emittente televisiva “Video Faro”.

5 amelia ok

 Successivamente ha preso la parola la bravissima e spigliata prof.ssa Tiziana Denicolò che brillantemente coordinato i lavori.
Ha raccontato che nel libro “PIRATERIE. RIFLESSIONI BREVI DI VITA SOCIAL” l’autore si è occupato di nuovi codici e di nuovi linguaggi che hanno rivoluzionato le nostre vite. Il libro è un saggio in cui viene effettuata un’attentissima analisi sociologica su quanto sta accadendo nella nostra società e,soprattutto, è un’indagine molto attenta che consente di riflettere sul rapporto instaurato tra il smartphone e la rete e quindi con la nuova tecnologia.
Internet, Facebook, Instagram, i Social forniscono quotidianamente nuove norme, nuove informazioni, nuovi linguaggi impostando la comunicazione su ritmi che prima di adesso erano impensabili e favorendo relazioni su norme di reciprocità, anche sconsiderate e irriflessive, dettate dal fatto che si vuole conoscere e possedere tutto e subito.

6 ok

La prof.ssa Antonietta Cammilleri insiste sul concetto che i contenuti descritti negli articoli del libro del prof. Francesco Pira rappresentano non solo un’attenta analisi sociologica, ma anche una sorta di “manuale d’istruzione” sul comportamento della vita sociale da adeguare ai tempi e da recepire con i suoi codici. L’appuntamento col Prof. Pira è stato la conclusione di un percorso che ha visto il prof. Pira incontrare studenti, docenti e anche i genitori.

7  antonella ok

Il prof. Francesco Pira, nel suo breve intervento,  ha affermato che le nuove tecnologie sono la contemporaneità e ormai fanno parte di noi. Nella quotidianità individuale esse condizionano i comportamenti, influenzano le relazioni interpersonali, accompagnano l’esistenza non solo dei singoli individui, ma di tutta la società. Ha suggerito alcune valide motivazioni sull’uso delle moderne tecnologie sulle quali riflettere e su quanto esse possono effettivamente condizionare e o modificare la vita di ognuno.

8 ok

 A seguire è stata molto gradevole la lettura del monologo da parte della studentessa Maria Pia Marino.

9 maria pia ok

L’autore, molto compiaciuto dell’interesse che ha suscitato la descrizione del suo testo, ha risposto esaurientemente alle incalzanti domande rivolte dai tecnologici studenti. Ha raccontato alcuni episodi descritti negli articoli del suo libro, ha suggerito  un uso corretto e consapevole delle nuove tecnologie.

10 ok

11 ok

Fra una domanda e la successiva, i ragazzi hanno intercalato l’interpretazione scenica dell’argomento trattato sotto l’eccellente regia delle prof.sse Cammilleri e Denicolò.  I veri protagonisti della cerimonia sono stati loro: gli studenti dell’Istituto E Fremi di Licata!

11A OK

11B OK

Il prof. Francesco Pira ha concluso l’evento con queste parole: ” Questi alunni dell’Istituto mi hanno regalato tante emozioni. Desidero ringraziarli singolarmente. Grazie a Carolina Alesci, a Carmen Amato, ad Angelo Aronica, a Filippo Ballacchino, a Samuele Biancolilla, a Marika Bonvissuto, a Matteo Caico, a Lorenzo Capace, ad Angelo Castrogiovanni, a Salvatore Consagra, a Viviana Consagra, a Giada Cuttitta, a Isabella D’Errico, a Salvatore Fontana, a Kevin Incorvaia, a Maria Pia Marino, a Jasmine Marotta, a Grace Minio, a Davide Pintacorona, a Federica Pira, a Luigi Profeta, a Asia Schembri, a Giulia Territo.

12 ok

Infine ha indirizzato il suo caloroso grazie ai relatori e a tutti i presenti. Gli applausi dei presenti, molti numerosi e che hanno occupato tutti i posti del grande auditorium dell’Istituto,   sono stati abbondantissimi, sinceri e calorosi a testimonianza della gradita e riuscita manifestazione.

13 ok

14 ok

Inoltre ha dichiarato di devolvere i diritti d’autore del libro “PIRATERIE. RIFLESSIONI BREVI DI VITA SOCIAL alla LCIF – Fondazione del Lions Clubs International – per l’acquisto di vaccini contro il morbillo per i bambini del terzo mondo.
Ogni alunno-attore ha ricevuto l’attestato ricordo.

15 ok

Anche il prof. Francesco Pira, che ha ricevuto l’attestato ricordo, ha asserito: ”Della splendida esperienza di oggi pomeriggio all’istituto Fermi di Licata mi rimane anche questa bellissima targa con su scritto “AMICO“.

15a ok

Grazie ancora al Dirigente Scolastico professoressa Amelia Porrello, alle professoresse Antonella Cammilleri e Tiziana Denicolò e alla studentessa Marta Gueli.

16 ok

17 ok

Questa foto rappresenta il risultato di una ineccepibile serietà e di una grande responsabilità dei nostri studenti. È stato un lavoro faticoso ma, se la conclusione é stato un pomeriggio intenso di emozioni, ben venga l’impegno profuso.

18 ok

L’autore autografa le copie del volume.

19 ok

20 ok

Francesco Pira, nato il 9 agosto del 1965 a Licata, laureato in Sociologia presso l’Università “Gabriele D’Annunzio”, è professore di comunicazione e giornalismo presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina dove è Coordinatore Didattico del Master in “Manager della Comunicazione Pubblica”  e docente di comunicazione pubblica e d’impresa presso lo IUSVE l’Università Salesiana di Venezia e Verona.

21 ok

Svolge attività di ricerca nell’ambito della sociologia dei processi culturali e comunicativi. Saggista e giornalista, è autore di numerosi articoli e pubblicazioni scientifiche.
Opinionista del quotidiano americano La Voce di New York, del quindicinale + Europei, del quotidiano on line Affari Italiani e del magazine Spot and Web, è Direttore Editoriale del giornale Scrivo Libero e autore della Rubrica PIRATERIE per le pagine culturali del quotidiano LA SICILIA, collabora con il giornale Malgrado Tutto.
E’ Direttore Responsabile della Rivista Lion Sicilia. E’ Componente del Comitato Promotore dell’Associazione nazionale  Social PA.
Scrive per riviste scientifiche Humanities, IUSVE Education e specializzate come PedagogiKa. Ha svolto e svolge attività di formazione e consulenza per Pubbliche Amministrazioni e Imprese ed è stato direttore generale  della società di Comunicazione Ultima Srl.
E’ stato Dirigente dell’Assessorato alla Comunicazione nella legislatura 1995-2000 della Regione Toscana.
E’ stato Consigliere Nazionale dell’Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e ha partecipato in Italia e all’Estero ad importanti convegni sulla comunicazione. Si è occupato anche di comunicazione sociale.
E’ componente del Comitato Scientifico della Fondazione dell’Avis Regionale Calabria, della Fondazione “Marzio Tricoli”.
E’ stato relatore in convegni internazionali e conferenze in India, Thailandia, Grecia, Danimarca, Francia, Croazia, Slovenia, Spagna Portogallo e Belgio. Nel 2010 e nel 2011 è stato coordinatore scientifico e moderatore dell’International Communication Summit che ha visto la presenza di Alastair Campbell, ex portavoce di Tony Blair e di Zygmunt Bauman, uno dei più noti sociologi e influenti pensatori contemporanei.
E’ Membro Ordinario del Comitato Scientifico di Eliea- Istituto Italiano di Ricerca e Studi Criminologico-Forensi.
Fa parte della Commissione Cultura dell’AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport) sezione di Agrigento.
Da giornalista, ha lavorato in Sicilia nei maggiori quotidiani e collaborato con emittenti regionali.
E’ stato redattore del Telegiornale e Capo dell’Ufficio Stampa dell’emittente nazionale Video Music (Gruppo Marcucci). Per questa emittente ha realizzato nel 1992 un Reportage in Iraq. Ha diretto tv e giornali locali.
Nel giugno 2008 per l’attività di ricerca e saggistica è stato insignito dal Capo dello Stato, on. Giorgio Napolitano, dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.
E’ Presidente Onorario della Sezione Provinciale di Agrigento dell’ANCRI (Associazione Italiana del Cavalieri dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana).
Nel maggio 2012 con il saggio inedito “Legalità e Pubblica Amministrazione più trasparenza con le nuove tecnologie” è risultato vincitore del Premio Letterario Nazionale delle Acli sulla Cultura della Legalità.
Nel settembre 2012 ha ricevuto il Premio Scorsetti (dedicato alla letteratura sportiva), nel dicembre 2012 l’Oscar d’Autore nell’ambito del Premio Oscar del Calcio Siciliano a Vittoria (Ragusa) e a settembre 2013 il Premio Sportivamente Palma (Comune di Palma di Montechiaro – Assessorato allo Sport) come coautore del libro “Bruno Pizzul. Una voce Nazionale” (scritto con Matteo Femia- Fausto Lupetti Editore), i cui diritti d’autore sono stati donati alla Fondazione Stefano Borgonovo che si occupa dei malati di SLA.
Nel dicembre 2013 ha ricevuto il Premio “A Licata c’è” nella sua città d’origine, Licata. Nel luglio 2014 gli è stato conferito il Premio Internazionale “Pergamene Pirandello”. Nell’agosto 2015 ha ricevuto il Premio Nazionale “Soccorso sotto le Stelle” a Gualtieri Sicaminò (Messina) “come Siciliano che dà lustro alla Regione nel mondo”, nell’agosto 2016 il Premio Internazionale Barocco a Ragusa, per l’attività di ricerca, e nel dicembre dello stesso anno per la sezione Comunicazione il Premio “Ignazio Buttitta” a Favara.
Nel giugno 2018 il Premio “Penna Maestra” per l’attività di formazione ai giornalisti , nell’agosto 2018 il Premio Sipario d’Oro a Joppolo Giancaxio per l’attività di ricerca e divulgazione scientifica e nel settembre 2018 il Premio Nazionale “Solidarietas 2018” per l’attività di formazione contro il cyberbullismo.
Nel corso della sua vita professionale gli sono stati attribuiti tra gli altri i Premi: “Master per la Comunicazione”, “Euromediterraneo”, “Fidas-Amico per la comunicazione”, “Penne-Pulite Sarteano”, Athena-Aurea”, “Teleacras-Puntofermo”, “Amico del Teatro” e “Rosa Balistreri”.

http://www.unime.it/it/persona/francesco-pira

 

Print Friendly
mar 27, 2019 - Senza categoria    No Comments

L’ANTICA OFFICINA ELETTRICA A MISTRETTA

1 carolina  ok

L’antica Officina Elettrica Comunale è un edificio che si trova all’ingresso del paese, a Mistretta, alle spalle della chiesa di Santa Rosalia, in Corso Umberto I.
Fu costruita su un’area, libera da altre costruzioni, lungo la variante stradale che collegherà Santo Stefano di Camastra a Mistretta.
Protetta da una recinzione, fu la prima struttura che ospitava la macchina a vapore, le turbine e i generatori.
Sul lato destro della facciata principale fu attrezzato anche un giardinetto con aiuole, vialetti e una vasca, di forma circolare, con i pesciolini.

IMG_20180813_102501 ok

IMG_20180813_102519 ok

La prima centrale elettrica fu impiantata a  Messina, la seconda a Mistretta.
E’ una delle prime 100 in tutta Italia.

2 ok

L’Officina Elettrica Comunale nacque dall’interessamento dell’on.Vincenzo Salamone, ricco possidente del luogo e personaggio pubblico avendo ricoperto più volte la carica di Sindaco fino a diventare deputato del Regno negli anni 1909-1913.

IMG_20180725_190133 OK

Epigrafe commemorativa in onore dell’on. Vincenzo Salamone.

4 ok

Il Comune di Mistretta nel 1906, contraendo un mutuo di 200.000 lire, ha realizzato la costruzione di una “centrale elettrica alimentata a carbone” che forniva energia elettrica continua e, successivamente, la relativa rete interna per l’illuminazione pubblica.
In seguito, anche le piccole attività commerciali hanno goduto di questo enorme bene.
L’inaugurazione è avvenuta l’8 dicembre del 1907.
La struttura, che produceva autonomamente l’energia elettrica, divenne l’orgoglio di Mistretta, la capitale dei Nebrodi!

5 ok

La disponibilità dell’illuminazione avrebbe rappresentato un fattore determinante per l’evoluzione socio-economica del paese.
Così, con la luce elettrica la città di Mistretta ha acquisito un bene inestimabile ed ha sostituito i vecchi lampioni a petrolio.
La luce, simbolo di progresso e di tecnologia del nuovo secolo, in seguito illuminò anche l’interno delle case mandando a riposo il lume di ottone alimentato a petrolio.
Mia madre mi raccontava che la mia madrina di cresima, la prof.ssa Lia Cuva, per la sua grande volontà di studiare, sporgeva il libro attraverso “u purtieddu” della sua casa sita alla fine della via San Nicolò, di fronte al campanile prima della curva, per rubare un po’ di luce e combattere l’oscurità della sera.
La realizzazione dell’edificio della centrale elettrica fu affidata al maestro Raimondo Macina che l’avrebbe completato in poco più di un anno. L’Officina Elettrica Comunale era costituita da un insieme di diversi saloni più o meno ampi che accoglievano le turbine a vapore alimentate con combustibili fossili e anche a legna, in caso di bisogno.

6 ok

3

4

L’Officina è rimasta attiva fino agli anni ’40 del secolo scorso, poi fu dismessa, gli impianti eliminati e completamente sostituiti da attrezzature più moderne e più sicure.
La corrente elettrica si trasformò da corrente continua a corrente alternata intorno agli anni ’50.
L’edificio, dopo alcuni interventi, fu trasformato in caserma dei Carabinieri nel 1967.
Dal 1975 è la sede del Liceo Scientifico annesso al Liceo-Ginnasio “Alessandro Manzoni” di Mistretta.

2

1

I grandi saloni sono stati ridotti a piccole stanze e trasformati in aule scolastiche e in aule di laboratorio.
Gli esterni dell’edificio sono rimasti sostanzialmente inalterati con i fornici che aeravano gli ambienti delle turbine e i cantonali marcati da vigorose cornici a bugnato liscio.
L’ampia copertura a falde è stata più volte rifatta e trasformata in terrazze.

7  Uno dei fornici dell'originaria 'sala macchine' ok

8ok

Le foto antiche sono del prof. Mariano Bascì tratte da suo libro “SALUTI DA MISTRETTA”

9 ok

10 ok

11ok

12 ok

Uno degli impiegati della Centrale Elettrica fu il signor Peppino, il papà del prof. Lucio Bartolotta.
Era un uomo molto alto e magro, che si arrampicava sulle scale per cambiare la lampadina fulminata posta in cima ai pali elettrici.
Frequentavo da bambina la sua casa perché mia mamma, la signora  Maria Grazia Lorello, e sua moglie, la signora Marietta “zitina” erano legate da una fraterna amicizia.
Io la chiamavo “zà Marietta”.
La singora Marietta aveva una sorella di nome Annetta zitina, trasferitasi in America.
Sollecitata da mia madre, il mio compito era quello di intrattenere i rapporti epistolari fra lei e la sua amica fra l’Italia e l’America.

Print Friendly
mar 13, 2019 - Senza categoria    No Comments

IN MEMORIA DEL PROF. SEBASTIANO TUSA IL RICORDO DEGLI AMICI DI MISTRETTA E DI LICATA

OKOOOOO

10 Marzo 2019. Giorno funesto!
L’aereo dell’Ethiopian Airlines, un Boeing 737-8 Max partito da Addis Abeba e diretto in Kenya, è precipitato 6 minuti dopo il decollo trascinando il suo carico di 157 vite umane formato da 149 passeggeri e da 8 membri dell’equipaggio.
L’emerito prof. Sebastiano Tusa è, purtroppo, una delle vittime del disastro aereo.

2

Era diretto in Kenia per coordinare un congresso nternazionale organizzato dall’UNESCO a Malindi su un progetto avviato precedentemente nel periodo del Natale del 2018. L’Unesco ha espresso interesse a fare campo a Malindi per creare un centro di interesse storico e di recupero delle tradizioni e della cultura del Kenya.
Il professor Sebastiano Tusa era stato chiamato proprio perché molto competente nel settore dell’archeologia marina.
Le ricerche del prof. Tusa e del suo staff, di concerto con il direttore del Museo Nazionale di Malindi, il prof. Caesar Bita, avevano evidenziato notevoli potenzialità nell’ambito dei ritrovamenti sotto la superficie dell’oceano indiano, al largo di Malindi.
Le altre 7 vittime del disastro aereo erano italiane, persone appartenenti a organizzazioni impegnate nel volontariato e nella cooperazione internazionale italiana.
Non è facile parlare del prof. Sebastiano Tusa, una personalità molto conosciuta, mio compaesano.
Sulla sua biografia sono stati scritti fiumi di parole sia sul Web, sia sulle testate giornalistiche di questi ultimi giorni.
Quindi non vorrei essere ripetitiva.
Vorrei solamente condividere il ricordo dei mistrettesi e dei licatesi di Sebastiano Tusa perché possa essere di conforto alla moglie, la signora Valeria Patrizia Li Vigni, e ai figli Vincenzo e Andrea, che stringo calorosamente in un unico e caloroso abbraccio, e a tutti gli altri familiari.

3 OK

Sebastiano Tusa era nato a Palermo il 2 agosto 1952 dal papà Vincenzo, di Mistretta, il famoso archeologo, e dalla mamma signora Aldina Cutroni Tusa, già docente di numismatica nell’ateneo palermitano.
Conseguita la laurea in lettere, Sebastiano si specializzò in Paleontologia. Acquisì una notevole competenza nell’ambito dell’archeologia.
Ha ottenuto, inoltre, diversi e prestigiosi incarichi in tanti campi della cultura.

4 OK

Uomo cordiale, affabile, coerente, competente, si esprimeva con parole pacate, essenziali, mai banali.
Possedeva una sapiente capacità di astrazione e di concretezza, rispettoso della storia, delle tradizioni, ma attento e disponibile al nuovo: al contemporaneo.
Purtroppo la sua vita è stata interrotta prematuramente e tragicamente il 10 marzo 2019 a Bishoftu in Etiopia.
Atropo, la Parca della mitologia greca, una delle tre Moire, figlia di Zeus e di Temi, che decreta la morte, ha ritenuto che era giunto il momento di tagliare il filo della vita di Sebastiano Tusa, che era stato tessuto da Clòto e da Làchesi, lasciando sconforto, tristezza, rimpianto, ma anche rilevata memoria per essere stata una figura di spicco per la valorizzazione dei beni culturali della Regione Siciliana.
Scrisse il prof. Leandro Janni, Presidente Consiglio Regionale Italia Nostra Sicilia: ”Una vita comunque spesa bene nell’amore, nella conoscenza e nella libertà”.
Archeologo di fama internazionale, il prof. Sebastiano Tusa aveva una viva passione per il mare dove aveva scorto le enormi potenzialità dei fondali siciliani. Durante la sua intensa attività di ricerca aveva trovato pezzi pregiatissimi del tesoro archeologico siciliano.
Nell’intervista, realizzata nel 2012 presso la Soprintendenza di Siracusa nell’ambito della giornata di studi e della conseguente mostra “I Pionieri dell’archeologia sottomarina: Siracusa e Marsala, dalla Sicilia al Mediterraneo”, il prof. Sebastiano Tusa ha espresso questa sua opinione: “Quello dell’archeologo è un mestiere che si deve fare con passione. Se si fa in maniera svogliata è meglio lasciare perdere“.
L’evento è stato organizzato dall’Assessorato Regionale per i Beni Culturali e l’Identità Siciliana, dalla Soprintendenza ai Beni Culturali di Siracusa, con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana UNESCO e della Nautical Archaeology Society (NAS), in sinergia con Marevivo e l’Area Marina Protetta del Plemmirio e con la partecipazione delle Soprintendenze del Mare di Trapani e con i Servizi Parco delle Isole Eolie e Parco di Marsala.

a copia

Il prof. Sebastiano Tusa fu anche l’ideatore e il creatore della Sovrintendenza del Mare, una struttura dedicata alla ricerca e alla valorizzazione dei reperti nelle acque siciliane e che ha guidato a partire dal 2004, in un’ottica multidisciplinare di motore di ricerca e di tutela delle risorse archeologiche sottomarine.
Queste le sue parole: “Pensare il Mediterraneo, mare complesso e policentrico, diviso e, a tratti, radicalmente polarizzato (…), che rinasce costantemente nella realtà, ma anche in noi stessi che abbiamo il privilegio di sentirlo scorrere nelle nostre vene spirituali”.
Dagli anni 2000 è stato docente di Archeologia Marina nel corso di laurea triennale in Biologia Marina, con sede a Trapani, dell’Università degli Studi di Palermo.
È stato, inoltre, professore di Paletnologia presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e docente a contratto alla Scuola di Lettere e Beni culturali dell’Università degli studi di Bologna. Nell’anno accademico 2015-2016 è stato docente a contratto presso l’Università Philipps di Marburgo, in Germania.
Tra i suoi numerosissimi impegni annoverava anche la presidenza dell’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee fondata da Lucio Messina. L’istituzione accoglie persone insignite ogni anno del Tridente d’Oro, il «Nobel del Mare» che, sin dal 1960, riconosce tutti coloro che valorizzano nel mondo la risorsa «MARE».
Anche Sebastiano Tusa, sin dal 2005, fu un “Tridente d’Oro” per le sue preziose ricerche di archeologia subacquea.
Nel mese di gennaio 2010 era stato nominato Socio onorario dell’Associazione Nazionale Archeologi.
Nel 2018, nominato Assessore ai Beni Culturali della Regione Siciliana dal presidente Nello Musumeci, non aveva perso il suo stile schietto che non lasciava spazio a equivoci.
In un’intervista, rilasciata al Giornale di Sicilia alcune settimane fa, aveva detto chiaramente di non avere risorse finanziarie sufficienti per realizzare tutti i progetti che frullavano nella sua mente per la Regione Siciliana.
Le sue parole: “Non mi resta che chiedere aiuto a sponsor privati”.
Questi sono soltanto alcuni degli innumerevoli impegni che il prof. Sebastiano Tusa adempieva con responsabilità e competenza.
Moltissime sono state le testimonianze di stima e di cordoglio per la sua prematura scomparsa da parte di studiosi, di politici, di  ambientalisti, di giornalisti, di gente comune come dimostrano i messaggi che ho letto su Facebook e di cui riporto integralmente alcuni testi.
Il divulgatore scientifico Alberto Angela in un’intervista a Repubblica ha ricordato Sebastiano Tusa: “La sua scomparsa mi addolora, è una tragedia che colpisce tutti noi. Ricordo di aver incontrato il prof.Tusa in diverse occasioni. Avevamo fatto un’immersione insieme alla scoperta di un relitto romano a 35 metri di profondità a Levanzo, nelle Egadi.
Il prof.Tusa era certamente una delle figure più luminose dell’archeologia: direi che si è spenta una luce.
Mi avevano sempre colpito la sua grande professionalità, il suo entusiasmo, la sua capacità di organizzare la ricerca e le scoperte.
Sono molto vicino ai suoi cari, che sono stati così duramente colpiti da questa tragedia. Penso anche a quanto ci mancherà la sua capacità di viaggiare nel passato e anche la sua umanità. Era una persona straordinaria
”.

5 OK

Il prof.Francesco Giambrone ha scritto: “All’Oratorio di San Lorenzo hanno scritto le parole giuste per ricordare l’uomo, lo studioso e l’amministratore pubblico.
Sebastiano Tusa era un uomo gentile che ha amato sempre la bellezza e che ha dedicato la sua vita alla ricerca, con passione e con competenze rare. È giusto ricordarlo come merita, con affetto e con riconoscenza
”.

6 OK

IBAM CNR – Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali ha scritto: ” La Sicilia e la comunità archeologica siciliana, nazionale e internazionale perdono oggi una delle sue menti più brillanti e vivaci. Archeologo esperto, capace, profondo conoscitore dell’archeologia siciliana, ha dato con i suoi lavori un contributo fondamentale per la crescita di conoscenze nel settore. Da qualche anno, da esperto conoscitore della macchina regionale, aveva deciso di affacciarsi alla politica andando a guidare uno degli assessorati più importanti della Sicilia, quello dei beni culturali.
Guidare un assessorato di quel tipo può avvenire solo se si è capaci di abbinare competenze scientifiche a capacità gestionali e di indirizzo. Sebastiano Tusa possedeva tutto questo.
La ricerca siciliana, quella di chi opera nella interazione tra saperi multidisciplinari cui Sebastiano credeva molto, perde un saldo punto di riferimento.
Il direttore Daniele Malfitana e tutto il personale dell’Istituto IBAM CNR sono addolorati e vicini alla famiglia
”.

La Soprintendenza del mare ha scritto: “ Abbiamo appreso con sgomento la notizia della morte di Sebastiano Tusa, da circa un anno assessore regionale ai Beni culturali.
Ma, al di là della carica politica, per noi è rimasto il Soprintendente del Mare, struttura da lui creata dopo aver dato vita al GIASS (Gruppo Intervento Archeologia Subacquea Sicilia) e successivamente allo SCRAS (Servizio Coordinamento Ricerche Archeologiche Sottomarine).
A Sebastiano ci legano ricordi bellissimi, un lungo impegno quasi a inseguire, tra mille difficoltà, il sogno di una Sicilia diversa e bellissima. Per lui, che aveva il cuore rivolto al passato, ma la mente proiettata al futuro, il lavoro era una forma di impegno civile e totale a cui si dedicava interamente senza mai fermarsi o abbattersi.
Con un entusiasmo che non cessava mai di colpirti e di coinvolgerti.
Sebastiano Tusa ci lascia il 10 marzo del 2019, il giorno in cui la storia ricorda come la data della celebre Battaglia delle Egadi che, tra tutte le scoperte della sua lunga carriera, era quella di cui andava più orgoglioso: avere ricostruito con precisione lo svolgersi della giornata e il luogo preciso dove avvenne lo scontro fino ad allora ancora incerto
.
Molti l’hanno conosciuto come archeologo preistorico, settore a cui ha dedicato buona parte della sua vita.
Indimenticabile il suo libro “La Sicilia nella preistoria”, scritto quando aveva appena trent’anni.
Alla luce delle sue ricerche, i suoi studi in vari siti dell’Isola, la sua visione innovativa dell’evoluzione delle prime comunità di cacciatori e raccoglitori che popolavano la Sicilia, si può affermare che con lui scompare anche l’ultimo grande maestro della preistoria siciliana.
Con la sua morte si annulla uno studioso di fama internazionale, che dava prestigio alla Sicilia e rappresentava l’anima più bella della nostra terra, che sapeva mettere al centro il recupero della memoria storica e l’orgoglio delle sue radici, pur sentendosi contemporaneamente e con lucidità cittadino del mondo.
Per noi è stato un grande onore conoscerlo, averlo vicino, lavorare fianco a fianco.
A tanti mancherà lo studioso prestigioso, il ricercatore instancabile, il funzionario brillante.
A noi mancherà il carissimo amico, il fratello maggiore con cui abbiamo condiviso anni di passione e di lavoro, avendo insieme nel cuore una speranza per una Sicilia più bella e più giusta.
L’auspicio è che si possa fare tesoro della sua eccezionale conoscenza, del suo stile, della sua competenza, del suo entusiasmo, della sua umiltà: un modello da seguire e da imitare.
Solo in questa maniera può trovare senso una tragedia incomprensibile e una scomparsa inaccettabile”.

I mistrettesi ricordano il prof. Sebastiano Tusa, il nobile, il famoso paesano con questi attestati:
Cambia Mistretta: “La Città di Mistretta apprende, con costernazione e incredulità, la notizia dell’enorme tragedia in cui ha perso la vita, tra gli altri, il Prof. Sebastiano Tusa, archeologo di fama internazionale – attuale Assessore Regionale ai beni culturali. Il Sindaco, l’avv. Liborio Porracciolo, in nome di tutti gli Amastratini, si unisce al dolore dei familiari del compianto Prof. Sebastiano Tusa esternando il più sincero sentimento di gratitudine per il prestigio che lo stesso ha dato alla Città delle sue origini. Preannuncia Il lutto cittadino per la giornata in cui saranno celebrati i funerali”.

L’Assessore Lorenzo Cocilovo: ” Era un professionista molto stimato e prestato temporaneamente alla politica. E’ stata una grave perdita per la cultura siciliana. Gli sia lieve la terra”.

L’amico Nino Davì: “ Ciao Sebastiano, Sara ed io vogliamo ricordarti così sereno e rilassato…..in campagna da noi, a Rubini a Mistretta.
Una grande e leale amicizia, un notevole rapporto di studio e di lavoro univa Nino Davì e Sara (Rosaria) Di Salvo.

???????????????????????????????

Da sx: la moglie Valeria Li Vigni, la sorella Lidia, Sara ,la madre Aldina Cutrone, Sebastiano Tusa

Nino Davì afferma:” Finalmente la Regione Siciliana aveva un assessore giusto al posto giusto non il solito politicante di turno. Un uomo di grande cultura e soprattutto conosciutissimo in tutto il mondo scientifico e archeologico.
Sara aveva lavorato tanto con lui e avevano fatto numerose pubblicazioni
.”

8 OK

9 OK

Per le conoscenze e le competenze acquisite, la prof.ssa Sara Di Salvo, laureata in Scienze Biologiche, e il prof. Sebastiano Tusa spesso lavoravano insieme.
Per la specifica preparazione nel settore dell’Antropologia fisica e della Bio-archeologia la prof.ssa Sara Di Salvo ha partecipato a numerose campagne di scavi archeologici per il recupero e l’analisi antropologica e paleopatologica dei resti scheletrici umani, inumati e incinerati.
In qualità di responsabile del laboratorio osteologico ha coordinato tutte le attività di ricerca e di analisi dei reperti scheletrici; ha fornito consulenza e collaborazione scientifica per le analisi antropologiche ad Istituti Universitari italiani e stranieri, alle Soprintendenze di Palermo, di Trapani e di Caltanissetta e alla Soprintendenza del Mare.
Ha collaborato all’organizzazione di numerose mostre ed ha svolto attività didattica museale nell’ambito dell’Antropologia fisica.
Ha svolto, in qualità di professore a contratto dall’anno accademico 2003 al 2009, l’insegnamento di “Antropologia” per il Corso di Laurea in Beni Archivistici e Librari presso l’Università degli Studi di Palermo – sede di Agrigento.
Collabora dal 2006 con Deparment of Human Evolution, Max Planck Institute for  Evolutionary Anthropology- Leipzig, Germany – per esami di isotopi stabili e datazioni assolute su reperti scheletrici rinvenuti durante gli scavi archeologici e custoditi nel laboratorio osteologico del Museo A.Salinas.

10 Sara e Sebastiano Tusa a Partanna OK

11Sara e Sebastiano Tusa a Partanna OK

Il 1° è Sebastiano Tusa, la 4° è Sara Di Salvo

Nella Seminara: “Carissimo Nino sono molto dispiaciuta per la prematura morte di Sebastiano Tusa.
Abbiamo perso un grande studioso di archeologia subacquea e, soprattutto, un amico affettuoso.
Ho conosciuto il prof. Sebastiano Tusa tanti anni fa quando veniva a Licata per incontrare i giovani sommozzatori del CAS (Centro Attività Subacquee), il circolo gestito dal presidente, il prof. Carmelo De Caro, e di cui facevo parte anch’io, che collaboravano nelle ricerche di reperti archeologici marini nel mare di Licata”.

Padre Damiano Amato: “ Noi MISTRETTESI dobbiamo essere orgogliosi del galantuomo Sebastiano Tusa. A Mistretta suo papà, altro grande uomo, è nato”.

Il poeta Filippo Giordano: “Purtroppo, fra i 157 passeggeri che si trovavano sul Boeing 737 dell’Ethiopian Airlines decollato da Nairobi e precipitato stamattina vicino ad Addis Abeba c’era anche l’assessore ai Beni Culturali della Regione Siciliana Sebastiano Tusa, archeologo, Sovrintendente del Mare della Regione, il quale era figlio del mistrettese Vincenzo Tusa, anche egli archeologo, deceduto circa sei anni fa. Fonti giornalistiche asseriscono che Sebastiano Tusa era diretto in Kenya per partecipare a una conferenza di archeologia subacquea dell’Unesco.
Sebastiano Tusa ovviamente conosceva bene Mistretta fin da piccolo in quanto suo papà Vincenzo, quand’era in vita, soleva spesso trascorrere le sue vacanze estive a Mistretta.
Negli ultimi anni le visite di Sebastiano Tusa a Mistretta si erano rarefatte a causa dei suoi molteplici impegni professionali e tuttavia, proprio qualche paio di mesi fa, a un nostro amico mistrettese, che lo aveva contattato a chiusura di un evento culturale tenutosi in un paese della cintura etnea, aveva dato appuntamento proprio a Mistretta dove contava di trascorrere alcuni giorni.
Con lui Mistretta perde un ulteriore spiraglio di crescita e di lucida eco
”.

12 OK

La prof.ssa Marisa Antoci : “Notizia Incredibile e assurda. Assurda come la vita, a volte. È morto il prof. Sebastiano Tusa, soprintendente del mare e assessore regionale.
Persona umile, amabile, un grande studioso e archeologo del mare. Un illustre amastratino che abbiamo avuto l’onore di incontrare l’anno scorso
”.

13 OK

Da sx: i prof. Graziella Ribaudo, Sebastiano Tusa, Marisa Antoci

La prof.ssa Graziella Ribaudo: “ Grave perdita per la cultura, senza confini, come il Mediterraneo che conosceva fin negli abissi e che ci ha fatto amare di più illustrandolo come origine di civiltà e scrigno inesauribile di tesori. R. I. P. Professore Sebastiano Tusa”.

Gli Alunni del triennio dei Licei incontrano il Prof. Sebastiano Tusa soprintendente del Mare della Regione siciliana: ” Persona umile, amabile, un grande studioso e archeologo del mare. << pensare il Mediterraneo, mare complesso e policentrico, diviso e a tratti radicalmente polarizzato….(….) ….che rinasce costantemente nella Realtà ma anche in noi stessi che abbiamo il privilegio di sentirlo scorrere nelle nostre vene spirituali” 24.01.2017

14 OK

Giuseppe Ciccia: “Appresa la notizia del TGR Sicilia della morte del  prof. Sebastiano Tusa, sono rimasto grandemente addolorato e commosso sia per la personale amicizia, sia per il valore dell’uomo che dell’archeologo. Le mie più sentite condoglianze unite a quelle dell’Associazione Progetto Mistretta  e del suo presidente Nino Testa grossa“.

Custode Angelo Porrazzo: “ Apprendo con dispiacere e costernazione la triste notizia della morte del prof. Sebastiano Tusa, insigne archeologo di origini mistrettesi , ma anche uno degli assessori più competenti e onesti che hanno calcato le soglie del Palazzo d’Orleans. A nome mio personale e per conto  dell’Associazione Kermesse d’Arte ci uniamo al dolore dei familiari“.

Stena Gulisano: “ R. I. P. Grande uomo di cultura e di umanità’”.

Marianna Tita: “ Mi dispiace tanto”.

Il dott. Luciano Catania,  segretario comunale e giudice tributario : “ Raramente per la morte di un politico si registra un dolore così diffuso. Sarà per il modo con cui è scomparso o sarà perché la cultura, la serietà, la preparazione e la correttezza non sono valori da archeologia”.

Salvatore Timpanaro: ”Attonito, costernato e incredulo, mi associo al dolore dei familiari e di tutti i rotariani per la perdita improvvisa dell’amico Sebastiano Tusa. Ciao Sebastiano, grande uomo, insigne studioso, illustre figlio di Sicilia, amastratino iure sanguinis (come me) e Rotariano autentico. Tibi terra levis sit. Che la terra ti sia lieve, amico mio”.

Il dott. Mario Salamone: “ Attonito, esprimo le più sentite condoglianze a tutti i familiari del prof. Sebastiano Tusa che ho avuto il piacere di conoscere al Circolo Unione di Mistretta in occasione della premiazione del padre Vincenzo (premio Maria Messina) anche lui archeologo di fama internazionale”.

Vincenza Elmo: “Non appena ho sentito il nome ho capito che parlavano del nostro compaesano mi dispiace tanto, condoglianze alla famiglia”.

L’insegnante Lucia Canuto: “ Io ho avuto un presentimento, l’ho capito dal nome e dal cognome, è stato un sesto senso, sono andata a cercare su wikipedia ed ho scoperto che il prof. Sebastiano Tusa ha origini di Mistretta, sono scioccata e dispiaciuta”.
Anche i messaggi degli amici di Licata sono stati tantissimi:

Il dott. Pino Galanti, Sindaco di Licata: “Sono profondamente addolorato per la terribile notizia dell’inattesa scomparsa dell’Assessore Tusa. La Sicilia perde un uomo ed un professionista che l’ha amata e servita come pochi altri, un fine conoscitore della sua bellezza e del suo patrimonio artistico-culturale.
Sebastiano Tusa, in questi mesi di mandato, aveva dimostrato di apprezzare anche la nostra Licata.
È per uomini come lui che, ancor di più, dobbiamo dare prova di amare la nostra Città. Riposa in pace Sebastiano!

Il Sindaco Pino Galanti e la Giunta comunale porgono le più sentite condoglianze alla famiglia del Prof. Tusa”.

14a OK

15 OK

Da sx: Carmelo Pullara, Giuseppe Galanti, Sebastiano Tusa

L’on.le Carmelo Pullara, capogruppo di Autonomisti e Popolari all’Ars: “Persona perbene e dignitosa, che ha sempre mantenuto un profilo basso nel suo lavoro, ma di grande sostanza e concretezza. Essere stati a contatto con lui è stata una crescita umana sotto tutti i punti di vista. Sono veramente addolorato per la morte dell’assessore regionale ai Beni Culturali Sebastiano Tusa.
Una tragedia immane, stento ancora a crederci.
La Sicilia, la nostra terra, perde una grande risorsa.
Esprimo, insieme a tutti i componenti del gruppo parlamentare, le più sincere e sentite condoglianze alla famiglia
”.

L’ archeologo dott. Fabio Amato, a LICATA NET : “Una notizia difficile da digerire ma è la triste realtà.
Oggi se ne è andato un grande archeologo, un grande uomo, un sognatore e al contempo un esemplare padre di famiglia.
Sebastiano Tusa ci ha lasciati dopo aver offerto la sua vita alla cultura, allo studio dell’antichità e dell’archeologia.
Lo conobbi grazie ad Alberto Scuderi e alla nostra passione comune per la preistoria siciliana e per l’archeologia subacquea.
Per me, giovane laureato in archeologia, rappresentava un esempio da seguire.
Insieme, dopo tanti anni, avevamo ripreso le indagini archeologiche subacquee nel mare di Licata con il sogno comune di ritrovare le navi puniche e romane affondate durante la battaglia di capo Eknomos.
La paura di perderlo l’avevo già provata qualche anno fa, quando mi dissero che per lui non ci sarebbe stato più niente da fare.
Addio Grande Amico e Collega.
Sei passato ad altro mondo il 10 Marzo del 2019, nel giorno in cui ricorre l’anniversario della battaglia delle Egadi del 241 a.C.
Un strana coincidenza con un significato ben preciso ma che, per noi di questo mondo, assolutamente non comprensibile.
Non potrò mai scordare i suoi consigli; uno in particolare: <<passaci su caro Fabio, ma senza dimenticare>>.
Ho sempre seguito il tuo consiglio e lo seguirò anche in questa occasione.
Anche se sarà difficile passarci su con facilità, ti assicuro che né io né chi ti ha conosciuto potrà mai dimenticarti
”.
In un suo post su Facebook, datato 18 marzo 2019, il dott Fabio Amato scrisse: “Nel 2013 comunicai al Prof. Sebastiano Tusa di aver individuato il primo reperto archeologico presso la secca della Poliscia di Licata.
Organizzammo in un baleno il recupero del ceppo d’ancora litico datato a 2600 anni fa coinvolgendo la Soprintendenza del Mare, la Soprintendenza di Agrigento, la Guardia di Finanza, il comune di Licata, la Lega Navale, i Gruppi Archeologici d’Italia.
Al recupero partecipò lo stesso PROF.Sebastiano Tusa e quella fu per lui la prima e l’ultima immersione nel sito archeologico subacqueo della Poliscia.
Fu l’inizio di un bellissimo periodo di ricerca durato 6 anni in cui sono cresciuto professionalmente grazie alla collaborazione avviata col prof. Tusa.
Sei anni di ricerche scandite da tre convegni   e da tre mostre ai quali il Prof. TUSA non è mai mancato.
Grazie alla sua grande disponibilità, al suo pensiero liberale, alla sua grande cultura e, al tempo stesso, alla sua grande umiltà, ha fatto sì che si concretizzasse il mio sogno: costituire il Museo del Mare a Licata.
Oggi sarei felicissimo se il piccolo Museo del Chiostro Sant’Angelo fosse intitolato al caro Sebastiano Tusa, scomparso una settimana fa in un incidente aereo.
Purtroppo con Tusa non siamo riusciti a concludere alcuni progetti. Uno di questi riguardava l’ampliamento del Museo del Mare con i reperti recuperati negli anni ‘80 dalla Soprintendenza di Agrigento, oggi finiti nei magazzini della Badia.
Mi permetto di suggerire all’Amministrazione Comunale di Licata di sollecitare il nuovo Soprintendente di Agrigento al prestito di quei reperti e di procedere all’intitolazione del museo al prof. Sebastiano Tusa, possibilmente in occasione dell’ampliamento museale”.

16 OK

17 OK

Sebastiano Tusa – Fabio Amato

19 OK

oo

Il giovane Pierangelo Timoneri, componente della Pro Loco di Licata: ” Grazie al Gruppo Archeologico Finziade e a Fabio Amato ho avuto l’onore di conoscere il prof. SEbastiano Tusa, al quale avevo espresso il rammarico sulla difficile fruizione dei siti culturali di Licata, in occasione dell’incontro avuto al Comune di Licata qualche mese fa. Una grandissima personalità che sapeva ascoltare, profondamente appassionato e impegnato nei beni culturali.
Diverse volte era venuto a Licata.
Si è tanto interessato alla costituzione del Museo del Mare. Lo rimpiangeremo, ma seguiremo le sue orme
”.

L’intervista del prof. Francesco Pira al prof. Sebastiano Tusa: “ Mi piace ricordarlo cosi Sebastiano Tusa, con le sue parole durante una nostra conversazione per Scrivo Libero.
Abbiamo parlato del mare, della nostra Sicilia e della cultura.
L’intervista –Francesco Pira- Sebastiano Tusa: “A mare non c’è burocrazia ed è tutto più semplice e meno noioso!”
Un giorno Angelo Mazzotta, simpaticissimo e arguto editore siciliano,  mi dice: “Tu ami il mare. Devi leggere questo libro”.
Il libro che mi dona Angelo Mazzotta è quello scritto dall’attuale Assessore alla Cultura, il prof. Sebastiano Tusa.  Ho sempre apprezzato la sua storia personale e professionale.
” Una carriera professionale incredibile, un curriculum davvero prestigioso ed oggi un ruolo politico-istituzionale delicatissimo. Forse è più facile trovare reperti straordinari nel mare che governare la cultura in Sicilia?

a ok

-Governare la cultura in Sicilia significa affrontare ostacoli la cui natura è spesso imprevedibile poiché generata da cause di difficile interpretazione e di difficile superamento. La difficoltà più grande che riscontro nel mio compito di assessore è superare la burocrazia e la lentezza dell’apparato pubblico. A mare non c’è burocrazia ed è tutto più semplice e meno noioso!
Quale è il suo rapporto con il mare? Lo ama sempre? Ha paura, rispetto, passione pura?

b ok

-Lo amo quasi incondizionatamente ma con grande rispetto.
Nella mia lunga esperienza di mare, la paura è sempre stata presente e ritengo che sia indispensabile averla poiché ti salva la vita.
La passione è il cemento che ti fa superare le difficoltà e ti aiuta nel rispettare il mare e nel comprenderlo.

c ok

Cosa conserva il nostro mare che ancora non è stato scoperto?
-Immensi giacimenti culturali sotto forma di insediamenti sommersi e migliaia di relitti di navi che purtroppo si persero tra i flutti. Nell’ambito della lunga storia della navigazione e del rapporto tra uomo e mare ancora sappiamo veramente poco o nulla dei periodi più antichi, della preistoria e protostoria.
Il suo libro “Euploia Buona navigazione “è una storia bellissima raccontata benissimo o è la dimostrazione che si può fare tanto anche andando contro l’eredità che Tomasi di Lampedusa ci ha lasciato? In fondo lei è stato rivoluzionario?

d ok

-La volontà di cambiare e di fare qualcosa di positivo per questa terra ha sempre animato la mia vita avendo come principale modello il lavoro di mio padre.
La ricerca archeologica subacquea rimane nella percezione di tutti spettacolare e difficilmente descrivibile. Ci racconta episodi per lei indelebili?
-Una delle emozioni maggiori la provai in Libia, precisamente in Cirenaica qualche anno fa.
Avevamo individuato i resti di una nave attraverso la presenza di numerosi cannoni in ferro sul fondo del mare.
Stavo lavorando presso uno di questi per ripulire la parte posteriore onde capire l’origine attraverso il simbolo araldico che in genere è in rilievo in quella parte dell’affusto. A un certo punto, rimuovendo con cura la concrezione, mi apparve chiarissimo il leone alato di Venezia.
Era come se quell’oggetto mi avesse voluto svelare la sua storia.
Da quell’indizio riuscimmo a trovare il nome della nave e a riscoprirne la storia.
Si è mai chiesto come è possibile non amare il mare della Sicilia, fargli del male?

-Purtroppo me lo sono chiesto e l’unica risposta che riesco a dare è: ignoranza e voglia spasmodica di profitto a tutti i costi.
La prima si può contrastare, e ci stiamo riuscendo grazie ai giovani sempre più coscienti. La seconda è dura a morire.
C’è un libro che sogna di scrivere o qualcosa che vuole ancora narrare?

e ok

-Le mie storie dell’attività in Oriente.
Penso di essere stato fortunato poiché ho vissuto l’Oriente quando ancora non era stato contaminato dalla guerra.
Sarebbe bello oltre che giusto raccontarle”
.

Il prof.Calogero Carità:“ Carissima Nella, ormai sul prof. Sebastiano Tusa si stanno consumando fiumi di inchiostro.
Direi che il pensiero più bello e più sentito l’ha espresso il dott. Fabio Amato che il prof. Sebastiano Tusa ha conosciuto bene e con lui ha lavorato sul campo.
Tutti scrivono che gli si dedichi una strada.
Non conoscono le norme sulla toponomastica.
Devono trascorrere dieci anni di tempo, a meno che la prefettura non dia una deroga speciale su motivata richiesta.
In ogni caso nessuna strada del centro storico di Licata può essergli dedicata, nè si possono modificare intitolazioni già esistenti.
Restano solo liberi da intitolare vicoletti chiusi, stradine di pochi metri nei labirinti delle zone molto periferiche di Licata.
Io ho già espresso il mio pensiero per la scomparsa di questo grande studioso e di questo qualificatissimo assessore ai BB.CC. unendomi a diversi post.
Ho proposto, ed è anche la soluzione migliore, di intitolargli il MUSEO DEL MARE allestito
nel chiostro Sant’Angelo di Licata da lui voluto e da lui sostenuto.
La città di Licata sia a lui sia al papà Vincenzo, già soprintendente alle antichità di Palermo e Trapani, deve tantissimo.
Suo papà salvò il castel Sant’Angelo dalla vendita all’asta e lo fece transitare dal demanio dello Stato al demanio dei beni culturali della Regione Siciliana.
E’ una battaglia che io ho vinto grazie al suo appoggio che garantì al castello anche un custode ed avviò l’iter per il suo recupero con opere di consolidamento e restauro”.

La prof.ssa Rosaria Merro: “ Una notizia terribile. Una perdita inaspettata e gravissima per il mondo dell’Archeologia”.

AAL (Associazione Archeologica Licatese): ” Una notizia terribile che ci lascia tutti sgomenti.
Una gravissima perdita per il mondo dell’Archeologia e per tutta la comunità scientifica nazionale e internazionale”.

La prof.ssa Vitalba Sorriso, presidente dell’Associazione Archeologica Licatese, ha scritto: “ E’morto Sebastiano Tusa in un incidente aereo in Etiopia. Grande perdita per la Sicilia. Con lui è morta l’archeologia in Sicilia”.
Sebastiano Tusa è stato a Licata, negli ultimi anni, a più riprese. L’ultima volta era venuto, da assessore regionale, il 19 di novembre u.s. e aveva partecipato a un vertice, con l’amministrazione comunale e con le associazioni, durante il quale era stato fatto il punto sulla situazione dei beni monumentali di Licata ed era stata stilata una road map per il recupero e la fruizione
”.

LICATA IN RETE: “ Il prof. Sebastiano Tusa conosceva e apprezzava la nostra città.
Anche a lui si devono le campagne di ricerca, condotte nel mare di Licata.
La morte di Sebastiano Tusa è una grave perdita anche per Licata.
Così è vista da tutti la scomparsa dell’assessore regionale Sebastiano Tusa avvenuta nell’incidente aereo verificatosi questa mattina in Etiopia.
Tusa era archeologo di fama internazionale, profondo conoscitore della storia siciliana oltre che della nostra città.
Diverse, infatti, le ricerche sostenute, insieme alle associazioni locali, nel nostro mare quando era alla Soprintendenza del Mare.
Anche di Licata si stava occupando durante il suo mandato da assessore.
Sul suo tavolo, infatti, era arrivata la relazione tecnica in cui si avvalora la tesi dell’esistenza di un teatro greco nella nostra città.
A Licata era stato lo scorso 19 novembre quando, durante un incontro con l’amministrazione comunale, affermava che Licata aveva tutte le potenzialità per puntare sul turismo attraverso la valorizzazione dei beni monimentali, archeologici, paesaggistici e ambientali di cui Licata è ricca.
Una grave perdita per la Sicilia, quella di Sebastiano Tusa. Una grave perdita, anche per la nostra città
”.

QUI LICATA: ” Siamo vicini alla famiglia del prof. Sebastiano Tusa alla quale rivolgiamo, come consiglio comunale, le più sentite condoglianze per la gravissima perdita”. A dirlo è Giuseppe Russotto, il presidente del consiglio comunale di Licata, intervenendo sull’incidente aereo di stamani in Etiopia in cui hanno perso la vita 158 persone tra cui l’assessore regionale ai Beni Culturali Sebastiano Tusa. Per tutta la nostra isola si tratta di una perdita gravissima”.

Gruppo Archeologico Geloi: ” Addio Prof. Tusa.
Vogliamo ringraziarLa per tutto quello che ha fatto per il nostro gruppo e per la grande fiducia che ha sempre voluto accordarci.
Per la vicinanza e per l’amore verso la cultura e l’archeologia che ha sempre accompagnato i suoi passi.
Gela e la Sicilia perdono un grande uomo”.

20 gruppo aRCHEOLOGICO geloi OK

 Il  Gruppo Archeologico Geloi

Esattamente a tre mesi di distanza dalla tragica scomparsa, lunedì 10 giugno 2019 la famiglia Tusa e la Regione Siciliana hanno dato l’ultimo saluto al congiunto e  assessore ai Beni Culturali Sebastiano Tusa con il rito di una Santa Messa di suffragio celebrata dall’arcivescovo Corrado Lorefice nella cattedrale di Palermo sita in Corso Vittorio Emanuele. La Sicilia, la famiglia, il mondo della cultura hanno voluto ricordare l’uomo, l’archeologo, l’assessore che, con la sua tragica scomparsa, ha lasciato un grande vuoto e una notevole eredità di idee e di progetti da perseguire.
Mancavano le spoglie mortali del prof. Tusa, non recuperate dopo l’incidente.
Alla moglie, signora Valeria Li Vigni e alla sorella, signora Lidia Tusa, è stato consegnato un vasetto contenente un pugnetto di terra prelevata sul luogo dell’impatto, in Etiopia.
Nello Musumeci, il presidente della Regione Siciliana, è stata una delle prime persone giunte sul sagrato della cattedrale di Palermo.
Dentro la chiesa c’era tutta la giunta regionale, il presidente dell’Assemblea regionale siciliana Gianfranco Micciché e i rappresentanti dei gruppi parlamentari e i deputati che hanno voluto rendere omaggio all’assessore-archeologo Sebastiano Tusa. Presenti anche Leoluca Orlando, il sindaco di Palermo,  i rappresentanti delle forze militari e dell’Università e tanta gente comune.
Nella omelia l’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice ha detto: “Solo nella fede in può spiegare l’improvvisa e prematura morte di Sebastiano Tusa.  I gesti di bellezza umana che il professore Tusa ha espresso nella sua breve, ma meravigliosa permanenza nella casa degli uomini che è la terra, sono indistruttibili e votati all’eternità. Questa è la consolazione che ci dà la fede e di cui ci parla l’apostolo Paolo: <<La nostra speranza nei vostri riguardi è salda. Sappiamo che come siete partecipi delle sofferenze lo siete anche della consolazione>>.
In seguito, in una grande sala del palazzo d’Orleans hanno esposto i loro interventi commemorativi: Nello Musumeci,  Presidente della Regione Siciliana, Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo, Fabrizio Micari, Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Valerio Massimo Manfredi, scrittore e storico. Nello Musumeci, visibilmente commosso, ha detto: “In ciascuno di noi domina un sentimento di dolore, di sconforto di impotenza, di rabbia. Avremmo voluto commemorare questa cerimonia davanti a una bara sulla quale depositare un fiore. Per questo abbiamo atteso tre mesi, un’illusione che abbiamo inseguito tutti. Non sappiamo se quella bara un giorno arriverà o se dovremo accontentarci di ricordare Sebastiano Tusa per la sua nobile esistenza“.
La commozione dei presenti per la tragica fine del prof. Tua è stata tantissima.

Print Friendly
feb 26, 2019 - Senza categoria    No Comments

“LA LEGGE SCOUT IERI E OGGI” CONVEGNO ORGANIZZATO DAL MASCI DI LICATA

0 OK

Sabato, 23 febbraio 2019 si è tenuto a Licata il convegno sul tema: “La legge Scout ieri e oggi” programmato e realizzato dal Masci (Movimento adulti scout cattolici italiani).

0a

Teatro della cerimonia è stato l’oratorio della chiesa parrocchia  Beata Maria Vergine di Monserrato,  sita a Nord-Est di Licata, in via  Generale La Marmora,  dove nell’accogliente salone sono stati ricevuti gli intervenuti.

1 ok

CLICCA QUI

Il merito dell’organizzazione del convegno è del dott. Giovanni Bilotta, magister della comunità Masci di  Licata.

2 ok

Hanno relazionato: il signor Mario Montana, il signor Enzo Baldacchino, il prof. Francesco Pira.

3 ok

II tavolo dei relatori
Da sx: Enzo Baldacchino- Mario Montana-Francesco Pira-Giovanni Bilotta

Ha aperto il lavori il dott. Giovanni Bilotta che, dopo avere salutato l’assemblea e ringraziato tutte le associazioni, ha spiegato le motivazioni necessarie all’organizzazione del convegno:” Siamo felici  di ricevere a Licata tante uomini e tante donne del Masci con i quali condividiamo il percorso di fratellanza. Abbiamo voluto ripercorrere il cammino della Legge Scout per rivendicare i valori e i principi e interrogarci sull’attualità. Per questo abbiamo chiesto a due sociologi di approfondire il tema aprendo tra tutti noi una riflessione”.
Ha preso la parola il signor Enzo Rapisarda, capogruppo di “AGESCI  LICATA 4” che ha parlato dell’importanza dell’oratorio della chiesa nel popoloso quartiere oltreponte di Licata.

4 enzo rapisarda ok

Enzo Rapisarda

L’intervento del giovane Marco Bernasconi, che ha parlato della legge scuot, è stato molto discorsivo e piacevole: “E’ difficile dare un significato corretto alla legge scout. Parlare di stile di vita anche questo è un modo che non rende pianamente quella che è la nostra legge scout. La legge scout è un modo di confrontarsi. Messa al centro di una vita associativa, permette di avere un punto di riferimento, di avere qualcosa su cui confrontarci  e di avere sempre il  Nord della bussola orientato  verso le indicazioni che Robert Baden-Powell, il fondatore dello scoutismo, ha dato tanti anni fa. E’ un modo di vivere  anche al di fuori di quelle regole anche canoniche che la quotidianità ci propone e ci ha applicare. E’ un modo per essere scout al di fuori dell’uniforme che indossiamo come divisa”.

5 MARCO BERNASCONI copia

Marco Bernasconi

La premesse e l’introduzione dei lavori sono state affidate  al signor Mario Montana, magister della Comunità Masci di Agrigento. I valori dello scoutismo hanno dato lo spunto a tante costruttive riflessioni.

6 montana ok

Mario Montana

Il suo discorso integrale

7 prima parte ok8 seconda parte ok9 ok

Il signor Enzo Baldacchino ha incentrato il suo discorso con la proiezione delle immagini.  Ha parlato della legge scout ieri e oggi e dello stile. “Che cos’è lo scout nell’immaginario collettivo?Si è scout quando si sanno riconoscere le piste, i sentieri, le tane, si sanno tracciare le rotte, si sanno leggere le mappe, si sa usare la bussola? Assolutamente no!
Sono delle caratteristiche particolari, ma non è importante sapere fare queste cose. Si è buoni scout quando si sanno fare altre cose. Gesù disse:<<Vi dò un comandamento nuovo:Che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Tutti sapranno che siete i miei discepoli>>. Quindi, dal modo di agire si riconoscerà chi si comporta in una certa maniera. Si accorgeranno di noi scout per lo stile. Lo stile è il comportamento che lo scout adotta nel vivere quotidiano, nel rapportarsi con gli altri, nel seguire le azioni di ogni giorno. Lo stile scout ha origine con la promessa, ma si concretizza con la legge.   Ha spiegato
LA PROMESSA:  <<Con l’aiuto di Dio prometto, nel mio onore, di fare del mio meglio per -compiere il mio dovere verso Dio e verso il mio paese-di aiutare gli altri in ogni circostanza – di osservare la legge scout>>.
Le Inclinazioni degli scout devono essere: cercare di meritare fiducia, aiutare gli altri, amare e rispettar la Natura. La Positività invita ad essere laboriosi, economi, lieti e sorridenti.  La Moralità invita ad essere puri di cuore, accorti nei pensieri e nelle parole, cortesi. La Disponibilità è sapere obbedire, essere amici di tutti, fratelli tra loro. La Correttezza invita alla lealtà. La Conclusione invita ad abbracciare comportamenti improntati alla valorizzazione delle inclinazioni personali dimostrando positività, moralità disponibilità, correttezza seguendo le indicazioni della legge secondo uno stile qualificante”.

10 ENZO baladacchino ok
Enzo Baldacchino

Il prof. Francesco Pira, sociologo e docente di comunicazione dell’Università di Messina, ha relazionato sul tema: “Attualità: valore o chimera”.
Le sue parole: “Cosa sono i valori? Che cosa sono la fedeltà, il rispetto dell’altro. La società che viviamo non ci permette di fare sconti.
La nostra è una società travolta dalle paure. La paura dell’altro sta generando delle forme di razzismo. Cosa significa attualità? Attualità significa  vivere il presente. Nella legge scout sono condensate le coordinate fondamentali di un’esperienza  di felicità.  Il filosofo Luciano De Crescenzo, in un’intervista al Quotidiano del Mattino, ha detto:<< Siamo angeli con un’ala sola. Possiamo volare solo se restiamo abbracciati>>.
Tutti dovremmo vivere l’esperienza della felicità, cioè di  meritare la fiducia degli altri, la lealtà, mettersi in aiuto, costruire amicizia, essere gentili, rispettare  la Natura. Soprattutto la legge scout è l’ascolto dell’altro. Oggi la società è fragile.
Non facciamo perdere ai giovani il supporto delle persone che hanno saggezza
”.

francesco pira OK

Francesco Pira

Ha concluso i lavori Giovanni Bilotta:  “La legge che è stata annunciata , la promessa sono per lo scoutismo valori irrinunciabili attuali nel nostro tempo e quotidianamente dobbiamo controllare i nostri gesti, anche quelli più piccoli e apparentemente insignificanti. Noi scout testimoniamo questi valori facendo educazione permanente. In altre parole vuol dire autoeducarsi , imparare facendo.
Ciò deve essere inteso come una missione per sapere cogliere i segni dei tempi ed identificare quei valori fondamentali altamente condivisi da proporre come stile di vita e di crescita personale per se stessi e per il prossimo.
Oggi spetta allo Stato il difficile compito di assumersi la responsabilità del promuovere la crescita sociale ed educativa che si ispiri a questi valori. La scuola, la chiesa, le istituzioni, accentuando  la distanza tra coscienza e società, tra coscienza e prossimo, anche quello a noi familiarmente più vicino, aiutano poco. Riflettere sull’educazione degli adulti vuol dire addentrarsi  nel quotidiano per cercare luoghi dove si realizza la vera umanità alimentando l’attitudine a decifrare le condizioni per poter vivere una vita piena e reale”.

giovanni OK

Giovanni Bilotta

Hanno concluso la serata: l’offerta del fazzolettone al prof Francesco Pira, del libro del prof. Mario Montana e degli abbracci.

10afazzoletto ok

10b libro ok

10c ok

Gli applausi dei presenti sono stati abbondanti e calorosi.

12 ok

13 OK

Infine la mostra fotografica a tema, allestita al primo piano dell’oratorio, ha attirato piacevolmente l’attenzione dei visitatori.

14IMG_20190223_163939 OK

15 OK

16 OK

17 OK

 Domenica, 24 febbraio, molto emozionante è stata la funzione dell’issa bandiera nel piazzale davanti alla chiesa.

18 OK

19 OK

20 OK

21 OK

Successivamente  è stata celebrata la Santa Messa, officiata da don Carmelo Rizzo e dal diacono Rosario Bellavia , per festeggiare il 50° Anniversario della Promessa Scout .

21a OK

22 copia

il diacono Rosario Bellavia

23 OK

23A OK

Don Carmelo Rizzo

Tutti  gli Scout hanno rinnovato la Promessa.

23B OK

Mario Montana

23C OK

23D OK

Coloro i quali hanno ragiunto il 50° anno di scoutismo hanno ricevuto il fazzolettone della ricorrenza (custodi del fuoco) con lo stemma perché continuino ad essere custodi del fuoco. Come dice il motto: “Semel Scout, Semper Scout”.

24 OK

25 OK

26 OK

Molti fedeli hanno riempito la chiesa per assistere alla funzione religiosa.

28 OK

 Un grande applauso a tutti gli Scout del mondo!

 

 

 

Print Friendly
Pagine:1234567...29»

Powered by AlterVista


Hit Counter provided by Sign Holders