ott 4, 2021 - Senza categoria    No Comments

4° EDIZIONE DEL CONCORSO “BALCONE FIORITO” A MISTRETTA ANNO 2021

0 ok

L’Associazione Oceano­_Mistretta-Messina, l’organizzazione no-profit presente a Mistretta e formata da tanti bravi giovani volontari amanti della Natura e del bello, ha organizzato la 4° Edizione del Concorso “BALCONE FIORITO” per l’anno 2021, concorso di arredo e di allestimento floreale dei balconi, dei cortili e degli spazi urbani.
Il 2021 è ancora un anno particolare per  la persistenza della pandemia del COVID_19.  Tuttavia la manifestazione di premiazione avvenne con la presenza diretta dei  partecipanti.

0a ok

Il concorso “Balcone Fiorito” ha voluto simboleggiare la ripresa delle varie attività in questo difficile anno, ma, soprattutto, ha voluto stimolare a guardare al futuro con ottimismo, con entusiasmo, con la consapevolezza che la bellezza è un elemento fondamentale della vita di ogni società.
Pertanto  la 4° edizione del “Balcone Fiorito” vuole dimostrare quanto è importante curare l´immagine della città di Mistretta da parte di tutti i mistrettesi che hanno risposto positivamente all’invito di colorare e di ingentilire i balconi delle loro abitazioni, dei cortili e degli spazi urbani esponendo svariate composizioni floreali.
I partecipanti al concorso “Balcone Fiorito” sono stati in numero di 40. Sono stati abbelliti 11 balconi, 18 cortili e 11spazi urbani per la categoria COLORIAMO INSIEME .

1 ok

2 ok

3 ok

4 ok

5 ok

6 ok

7 ok

8 ok

9 ok

10 ok

11 ok

12 ok

13 ok

14 ok

15 ok

16 ok

17 ok

18 ok

19 ok

20 ok

21 ok

22 ok

23 ok

24 ok

25 ok

26 ok

27 ok

28 ok

29 ok

30 ok

31 ok

32 ok

33 ok

34 ok

35 ok

36 ok

37 ok

38 ok

39 ok

40 ok

Un meritato ringraziamento è diretto non solo all’Associazione OCEANO e al presidente, al signor Alvaro Biffarella, ma alla giovane Simona Spinnato che, con notevole spirito di collaborazione, con tanta fantasia e con grande entusiasmo, ha seguito tutte le fasi del concorso “Balcone Fiorito”.
Il concorso, attraverso l’ornamento floreale dei balconi, dei cortili e degli spazi urbani, ha sempre avuto lo scopo di “valorizzare e di rendere più attraenti le vie,  le facciate delle abitazioni dell’intero paese, di promuovere i valori ambientali e la cultura del verde come elemento di decoro e di valorizzazione di tipologie costruttive tipicamente mistrettesi”.
I balconi fioriti, i cortili, gli spazi urbani, ciascuno contrassegnato da un numero ROSA, esposto nel proprio balcone o cortile o spazio urbano per tutto il periodo del concorso, affacciati lungo la via Libertà e in altre strade, vie e viuzze del paese, hanno mostrato più accogliente e più bella la nostra Mistretta. Sicuramente, la vista di un balcone, di un cortile, di uno spazio urbano in fiore fa brillare gli occhi, fa gioire il cuore e lo spirito!
Nella premessa del programma si legge: ”I fiori hanno la capacità innata di abbellire, con i loro colori e profumi, un balcone spoglio, una finestra disadorna, un vicolo, una strada, una piazza, un angolo di quartiere”.
Sui balconi, sui cortili e sugli spazi urbani hanno vegetato bene tantissime varietà di piante.
I generi più frequenti sono stati: i gerani, dalle tonalità rossa, rosa, bianca, come simbolo del pregio floreale e come stimolo verso la “cultura del bello, e i Pelargoni.  Ho notato anche alcuni Girasoli, alcune piante di Agapanthus praecox dai fiori viola, i Tagetes, la Dipladenia dai colori bianco e rosa, qualche Gazania, un solo Glicine, diverse Aloe e Cactus, tante Hidrangea macrofilla ( le Ortensie), molte Surfinie e Petunie, molte Margherite bianche e roseti bianchi e rossi, le Zinnie, la Lavandula e la Lippia citriadora, la Salvia, molti Cycas revoluta, qualche Hibiscus seriacus, l’Oleandro, l’Altea, moltissime composizioni di piante grasse, il Buxus rotundifolia, il raro Pittosforo e il Mioporo, qualche Yucca, la Tuja piramidalis, alcune piccole Phoenix canariensis, la Chamaerops humilis (la palma nana), anche alcuni cladodi di Ficorindia, un albero di ciliegi e un tralcio con l’uva bianca.
Personalmente, penso che la lodevole iniziativa di istituire la 4° Edizione del concorso “Balcone fiorito” non solo abbia stimolato la promozione dei valori ambientali e turistici della nostra amata Mistretta, ma abbia dato la prova che gli amastratini posseggono il “pollice verde” nel saper curare abilmente piante e fiori, di essere maggiormente sensibilizzati a valorizzare il verde, a rispettare la Natura, in particolare a proteggere il patrimonio naturalistico che la città di Mistretta possiede, esattamente le due ville comunali, la villa “Giuseppe Garibaldi” e la villa “Chalet”.
Per valutare la 4° edizione del concorso “Balcone Fiorito” è stata nominata la GIURIA TECNICA composta dai giurati che hanno espresso i propri criteri di valutazione.
NELLA SEMINARA: Mistrettese, ma abitante a Licata, laureata in Scienze Naturali, è stata docente di Scienze matematiche, chimiche, fisiche e naturali nelle Scuole Statali di Licata. E’ autrice di innumerevoli articoli botanici, storici e architettonici su Mistretta e su Licata che pubblica nel suo blog molto visitato e tanti filmati caricati sul suo canale YuoTube. Ha pubblicato il video libro dal titolo: “ La Villa Comunale <<G. Garibaldi>> di Mistretta un giardino all’italiana” e il videolibro dal titolo “Mistretta in immagini tra passato e presente”. Ha anche pubblicato il libro “Da Licata a Mistretta, un viaggio naturalistico”.  Ha curato la pubblicazione dei libri: ”Sintiti, Sintiti”, del prof. Carmelo De Caro, e “Amoenitates”, del prof. Gaetano Todaro.
I Criteri di valutazione di Nella Seminara: 1) Eleganza nella composizione floreale 2) Accostamento dei colori e dei profumi 3) Adattamento all’ambiente 4) Facilità di coltivazione 5) Tipo di riproduzione per la conservazione della specie 6) Resistenza alle azioni meccaniche 7) Pianta innocua o causa di allergie.
SEBASTIANO CARACOZZO: mistrettese, artista poliedrico,amante dell’arte pittorica e scultorea, dipinge su vari supporti tela,tessuti e superficie lignee. Vincitore di numerosi concorsi di pittura nei comuni siciliani di: Valledolmo, Raddusa,  Nicolosi, Villafranca tirrena ecc. Sue opere sono presenti in collezioni private e pubbliche e alcune  presso il museo degli Angeli, (Santangelo di brolo), alla fondazione mandralisca di Cefalù, al museo diocesano di Palermo e al museo contro la Mafia a Palermo. Attualmente ê impegnato enlla realizzazione di una megalografia di mt.16×3,raffigurante la pentecoste.
I Criteri di valutazione di Sebastiano Caracozzo: 1) Accoppiamento dei colori 2) profumazione 3) cura della pianta 4) aspetto artistico e pittoresco nel contesto paesaggistico 5) tipologie delle piante 6) disposizione delle piante 7) eleganza rappresentativa.
ANTONIO TURCO:  ha realizzato dei reportage per il programma radiofonico “Tre Soldi” di Rai Radio 3. Il suo film documentario “Il Francesco di Palermo” vinse al Foggia Film Festival – University Award come miglior cortometraggio e con “Caravaggio 107″ vinse il premio del pubblico al Modena doc film festival. Attualmente lavora come corrispondente per BlogSicilia.
Criteri di Antonio Turco: 1) Tipologia delle piante 2) Unicità rappresentativa 3) Combinazione con facciata e quartiere 4) Colori 5) Fantasia espositiva 6)Unicità del contesto 7) Profumo.
Organizzatrice del Concorso “Balcone Fiorito” , come già detto, è stata la bravissima Simona Spinnato.
SIMONA SPINNATO, diplomata al Liceo Scientifico di Mistretta, recentemente all’Università di Palermo ha conseguito la laurea Magistrale in “Ingegneria edile-architettura”.
Amante di viaggi e di nuove culture e tradizioni, negli anni 2014 – 2015 studiò a Madrid vivendo l’esperienza dell’Erasmus nell’Università politecnica di Madrid, una delle università più importanti al mondo. Molto attiva nella comunità amastratina, ha fatto parte di innumerevoli Associazioni di Mistretta. Attualmente fa parte del Coro “Claudio Monteverdi” e dell’”Associazione Oceano”.
Amante di arte e di architettura, decise di impegnarsi in una nuova associazione musicale, culturale e sportiva per organizzare eventi che valorizzino le architetture mistrettesi tra cui il “BALCONE FIORITO” della prima edizione del 2018, della seconda edizione del 2019, della terza edizione del 2020 e della quarta edizione del 2021.

La Giuria ha valutato:
- Varietà e composizione di fiori e piante;
- Migliore combinazione di colori;
- Originalità e creatività;
- Sana e rigogliosa crescita della pianta durante il concorso;
- Inserimento armonico nel contesto urbano;
- Qualità dei materiali dei vasi utilizzati;
- Tipologia architettonica del balcone.
Gli obiettivi del concorso sono stati pertanto: Promozione dei valori ambientali e della cultura delle piante e dei fiori; educazione al rispetto dell’ambiente e alla salvaguardia del decoro urbano.

Il concorso “ Balcone Fiorito” si è articolato in tre categorie:
- CATEGORIA CON GIURIA con tre sottocategorie:
-BALCONE FIORITO
- CORTILE FIORITO
- COLORIAMO INSIEME
I premi sono consistiti nella consegna ai vincitori dell’attestato di partecipazione e di tre manufatti  in ceramica realizzati e decorati a mano dall’artista amastratino Antonio Manno.

0b ok ok

LA  CATEGORIA LIKE- “BALCONE FIORITO” MISTRETTA 2021
Tutti i balconi, i cortili e gli spazi urbani sono stati fotografati e inseriti all’interno di un album sulla pagina facebook dell’Associazione organizzatrice pubblicato il 17 Luglio.  La fotografia, che entro le ore 23,00 del 17 luglio 2021  ha ricevuto il maggior numero di like ha vinto questa categoria.
Vincitore della Categoria like è stata la signora Angela Manno COL CORTILE N° 9.

0d ANGELA MANNO VINCITRICE CAT. LIKE

 Il premio è consistito nella consegna dei Buoni spesa per fornitura offerti dai Fiorai e che si potranno usufruire  entro il 31 maggio 2022.
Hanno contribuito: la fioreria “S. Antonio” di Alfieri Andrea, la fioreria “Non solo fiori” di Lavinia  Provinzano.

Alla CATEGORIA A SORPRESA hanno partecipato tutti gli iscritti attraverso il proprio numero d’iscrizione.
Il premio è consistito nella consegna di un Kit Pollice Verde offerto dalla ferramenta e Colori Iraci e dalla Ferramente Volo Sebastiano.

La bravissima Simona Spinnato nel suo discorso introduttivo nella sala delle conferenze della Società dei Militari in Congedo di M.S ha detto: ”L’associazione, costituita nel 2014 come associazione culturale, musicale e sportiva, nasce dalla voglia di questi bravi giovani di unirsi insieme per valorizzare le bellezze della nostra città. Anche per quest’anno 2021 hanno pensato di ripetere l’evento del concorso “Balcone Fiorito” sensibilizzando i cittadini ad abbellire i balconi, i cortili e gli spazi urbani con piante e con fiori colorati. L’evento ha avuto grande successo perchè hanno partecipato 40 concorrenti. Cari mistrettesi, avete reso la nostra cittadina colorata, radiosa, con tutti questi fiori che hanno portato una ventata di freschezza e di bellezza“.

Il giovane Alvaro Biffarella, presidente dell’Associazione Oceano, ha detto: ” Anche quest’anno, grazie il concorso “Balcone Fiorito”, abbiamo voluto valorizzare le bellezze architettoniche della nostra città che è ricca di tante opere d’arte”.
La cerimonia di proclamazione dei classificati per categoria è avvenuta venerdì 21 Agosto 2021 nella sala delle conferenze della Società dei Militari in Congedo di M.S. sita in Via primavera a Mistretta.

0c GIUSEPPE LA VIA ok

Simona Spinnato- Giuseppe La Via

SI E’ NCONCLUSA COSÍ LA 4° EDIZIONE DEL CONCORSO “BALCONE FIORITO” ANNO 2021 a MISTRETTA

I premiati “BALCONE FIORITO”:
1°classificato: signora Teresa Sirni COL BALCONE n°5

1 TERESA SIRNI 1° CATE BALCONE FIORITO ok

2°classificato: signora Maria Grazia Spinnato COL BALCONE N° 7

2 MARIA GRAZIA SPINNATO FIGLIO 2° BALCONE FIORITO ok

 3°classificato: la signora Valentina Antoci COL BALCONE N°3

3 VALENTINA ANTOCI 3°BALCONE FIORITO RITIRA LA MADRE ok

Per la CATEGORIA CON GIURIA “CORTILE FIORITO”

1°classificato: la signora Daniela Dainotti COL CORTILE  N° 15

4 DANIELA DAINOTTI 1° CAT okok

 2°classificato: il signor Francesco Rinaudo COL CORTILE  N° 30
3°classificato: la singora Gaetana Del Monte COL CORTILE  N° 25

5 GAETANA DEL MONTE ok

 PER LACATEGORIA CON GIURIA “COLORIAMO INSIEME”

1°classificato: Gruppo: I Parrocchiani di Santa Nicola

2°classificato: Gruppo: Piazzetta del Carmine N°17

3°classificato: Gruppo: Via Granata Vito N° 6

Per la CATEGORIA SORPRESA vincitrice è stata la signora Ninfa Nobile.

6 NINFA NOBILE PREMIO CATE okok

E’ stato estratto a sorte il BALCONE N° 8 che ha ricevuto in omaggio un kit di floricultura “POLLICE VERDE” offerto da Ferramenta Iraci e Volo Sebastiano.
I vincitori di tutte le categorie

7A i clasificati di tutte le categorie

L’ ASSOCIAZIONE OCEANO, rappresentata dalla dott.ssa Simona Spinnata,   ha ringraziato la Società dei Militari in Congedo nella figura del Presidente signor Giuseppe La Via e del signor  G. Liddino per avere concesso di svolgere nella loro sede la premiazione di questa 4°Edizione del “BALCONE FIORITO”.

Si ringraziano i 40 concorrenti per aver colorato e abbellito la città di Mistretta!
Si ringrazia la Giuria Tecnica di quest’anno composta da:
Nella Seminara
Sebastiano Caracozzo
Antonio Turco

Si ringraziano inoltre:
~ le Fiorerie: Non solo Fiori di Lavinia Provinzano e Sant’Antonio di Andrea Alfieri che hanno offerto i buoni premio della categoria like.

8 ok

~ le Ferramenta: Iraci e Volo che hanno offerto i premi del kit pollice verde della categoria a sorpresa.
~ Ceramiche Artistiche del bravissimo artista  Antonio Manno per aver realizzato i premi del concorso soddisfacendo, come sempre, le nostre esigenze nel migliore dei modi.

9

 ~ Arkigraf di Giovanni Ribaudo per la sua pazienza e disponibilità nel realizzare attestati e altro occorrente per il concorso in qualunque orario e momento.
Si ringraziano i soci Leonardo Lorello, Simona Spinnato e Carmen Giangarrá per aver reso possibile la realizzazione dell’evento attraverso la loro collaborazione fattiva.
Si ringraziano anche le seguenti attività per tenere esposti nelle loro vetrine i premi del Concorso Balcone Fiorito 2021:
~BenOttica

~ Emporio dei desideri/Turco Liveri gioielli

~ La Via della Notizia

Anche questa 4° Edizione del concorso “Balcone Fiorito” è stata una bellissima esperienza che ha coinvolto gli amastratini che hanno partecipato con entusiasmo a un evento così importante che ha reso Mistretta elegante, accogliente e ammirata.
Bravi tutti!

 

 

 

Print Friendly
ott 1, 2021 - Senza categoria    No Comments

LA CALENDULA ALGERIENSIS OFFICINALIS DAL FIORE ARANCIONE ABBONDANTEMENTE PRESENTE NELLA PERIFERIA DI LICATA

1 ok

E’ il mese di aprile 2021. La presenza di questi fiori spontanei, dal colore arancione, è molto frequente in tutto il territorio di Licata ed io non posso fare a meno di fotografarli per la loro bellezza!

2 ok

Sono i fiori della “CALENDULA ALGERIENSIS OFFICINALIS”, pianta nota anche come “Oro di Maria” per le proprietà del suo infuso di alleviare i dolori femminili.
Altri sinonimi sono: “Garofano di Spagna, Fiorrancio, Calta, Margaita, Fior d’mort, Fior de San Peder, Calendria, Madalenis, Calandla, Fior d’ogni mese, Cappuccina, Primo fiore, Calenna, Mamlina, Catinedda, Frore de cada mese”.

3 ok

https://www.youtube.com/watch?v=IwW6IIh7AZQ

CLICCA QUI

Il nome “Calendula” deriva dal latino “Kalendae”, “calende”, parola con la quale i Romani indicavano il “primo giorno del mese nel loro calendario. Ciò sta a indicare che la pianta fiorisce una volta al mese durante tutta l’estate. Un’altra ipotesi suppone che si chiami “Calendula” da “calendario”, poiché segna il ritmo del giorno aprendosi alle prime luci del mattino e chiudendosi al tramonto. La tradizione contadina vuole che, se al mattino i fiori sono chiusi, probabilmente pioverà. I latini e i greci erano soliti chiamare la “Calendula” “Solsepium” “ Seguace del sole” proprio per il fatto che i fiori di Calendula si aprono al sorgere del sole e si chiudono al calare del sole.

4 ok

La Calendula è un genere di piante erbacee, annuali, biennali o perenni, appartenenti alla famiglia delle Asteraceae. Sono molto diffuse in Europa mediterranea, in Africa e in Asia. Il genere comprende 12 specie di cui la più conosciuta è la Calendula officinalis.
Un elemento determinante per l’esatta identificazione delle varie specie è dato dalla forma del frutto ”rostrato” se ricurvo e prolungato in una specie di becco privo di spine; “cimbiforme” se ricurvo, alato, ma privo di becco; “anulare” se molto ricurvo, spesso tanto da chiudersi ad anello, privo di ali e di spine.

5 ok

La Calendula algeriensis officinalis è una pianta erbacea annuale legata al suolo mediante una radice a fittone da cui partono numerose radichette laterali. Il fusto, con portamento eretto, variamente ramificato, angoloso, è alto circa 30 cm.
Le foglie, prive di picciolo, di colore verde, spesse, lanceolate, alterne e con il margine intero o leggermente dentato, sono ricoperte da una fitta peluria che le conferiscono un aspetto vellutato.
Le foglie inferiori sono più piccole e disposte a rosetta rispetto a quelle superiori, che rimangono più slanciate e più grandi.

6 ok

I fiori, ligulati, inseriti al termine dei rametti, di colore arancione, da cui il nome popolare “Fiorrancio” , sono riuniti in capolini e circondati da brattee. Tutta la pianta è ricoperta da peli scabri e da ghiandole.
La fioritura avviene ogni mese in ogni stagione dell’anno.

7 ok

I fiori e le sommità fiorite si raccolgono preferibilmente nei mesi di aprile-giugno e nei mesi di settembre-novembre.
La pianta, se strofinata, emana un gradevole odore.
I frutti sono degli acheni rugosi o muniti di aculei. Il seme, uncinato, ricorda una falce di luna.

9 frutti ok

10 fruttiok

11 SEMI ok

 La Calendula è diffusissima come pianta spontanea nelle regioni dell’Europa meridionale, in particolar modo lungo le coste del Mediterraneo, ma anche nelle località collinari, fino a 600 m di altitudine, nei prati e nei terreni incolti.
Gradisce vegetare su terreni sciolti e ricchi di sostanze organiche, ma teme i ristagni idrici, che favoriscono la presenza del fungo “Entyloma”, il cosidetto “carbone”,  che deposita sulle foglie una muffa bianca. Le foglie ingialliscono e muoiono. Teme anche l’attacco degli Afidi.
Ama l’esposizione diretta ai raggi del sole, sopporta il calore estivo e la siccità.
La Calendula officinalis, pur essendo una pianta spontanea, data la particolare bellezza del fiore, si più coltivare a scopo ornamentale donando colore e vivacità ai balconi, alle ville e ai giardini. Spesso è coltivata per le straordinarie proprietà officinali.
Infatti, una pianta ricca di storia e rappresenta un “concentrato di salute”.
Fin dai tempi  antichi è stata utilizzata dalla medicina naturale come rimedio fitoterapico proprio per le sue infinite proprietà curative in grado di intervenire su una serie di disturbi. Nell’antichità i guaritori le attribuivano poteri magici.
Della Calendula si utilizzano tutte le parti della pianta perché ricche di principi attivi quali: olio essenziale, vitamina c, flavonoidi, resina, mucillagini, triterpenoidi, steroli e carotenoidi.
Hildegard von Bingen ( 1098 – 1179), meglio  conosciuta come Santa Ildegarda, mistica benedettina, vissuta in Germania e studiosa di medicina, rese famosa questa pianta come rimedio per tante malattie. Ancora oggi in Germania la pianta è coltivata in maniera intensiva ed è iscritta nella farmacopea tedesca.
E’ considerata un ottimo antisettico, antispasmodico, cicatrizzante. Ha anche notevoli proprietà idratanti, emollienti e lenitive. La sua virtù fondamentale è l’utilizzo cosmetico sotto forma di creme naturali, per dare sollievo e per curare la pelle grazie a una decisa azione antinfiammatoria. I fiori freschi, leggermente tritati, possono essere applicati sulla superficie della pelle delicata.
Le foglie di Calendula hanno proprietà callifughe applicandole fresche più volte al giorno sulla parte interessata.
Per uso esterno le sue attività antinfiammatorie, rinfrescanti, emollienti e dermopatiche rendono la pianta il rimedio elettivo per le scottature, per le ferite,  per le ulcere della bocca e per le infiammazioni gengivali.
Gli estratti alcolici e acquosi determinano una leggera riduzione della pressione arteriosa e una riduzione dell’attività cardiaca.
In ambito ginecologico la Calendula ha azione antispasmodica nelle disfunzioni dell’apparato genitale femminile favorendo la regolarizzazione del ciclo mestruale e attenuando i dolori femminili.
L’olio di Calendula, ricco di antiossidanti e vitamina A, possiede proprietà lenitive. Ottimo da applicare sulla delicata epidermide dei neonati.
Per l’utilizzo della Calendula non sono note controindicazioni o effetti collaterali. Anche il rischio di allergia alla pianta è molto basso.
La Calendula è utile anche in cucina.
I petali e l’intero fiore possono essere utilizzati per preparare zuppe, risotti, insalate conferendo alle pietanze il caratteristico sapore amarognolo. I fiori in boccio possono essere raccolti e preparati come sottaceti. I petali essiccati sono usati per aromatizzare l’aceto o trasformati in deliziosi canditi.
La Calendula è un fiore molto utile. Attira gli insetti impollinatori, come api e vespe e bombi, interessati al nettare del fiore.
Il suo apparato radicale allontana i vermi nematodi dal terreno in modo naturale perché l’essudato radicale della Calendula è sgradito a questo parassita terricolo. I fiori sono usati per tingere con varie sfumature di giallo-arancio tessuti quali la lana e la seta.
La Calendula è stata una pianta citata anche dalla mitologia greca.
Un’antica leggenda greca racconta che la Calendula ha suggerito l’idea che questa pianta fosse simbolo “di sottomissione e di dolore”. Infatti, si narra che Afrodite crebbe con Adone, figlio di Mirra e Tia, poichè la madre Mirra, per punizione, era stata trasformata dagli Dei in un albero. Afrodite s’innamorò del giovane Adone. Marte, il dio della guerra, suo marito, si ingelosì. Marte, per vendicarsi, con l’intenzione di ferirlo a morte, scagliò contro Adone un cinghiale. Adone, ferito, fu accolto e protetto da Afrodite che lo nascose in una cassa affidandola alle cure di Proserpina, la regina degli Inferi. Proserpina, incuriosita dal contenuto della cassa, la aprì.
Anche Proserpina s’innamorò del giovane e bello Adone. Quando Afrodite le chiese la restituzione della cassa, Proserpina si rifiutò. Allora Afrodite chiese aiuto a tutti gli Dei dell’Olimpo per sanare il torto subito. Zeus, il padre degli dei, stabilì che Adone dovesse trascorrere una parte dell’anno con Afrodite, tra i vivi, e l’altra parte con Proserpina, tra i morti.
Quando Adone tornò negli Inferi, Afrodite pianse lacrime amare.
Le sue lacrime, cadute a terra, si trasformarono in tanti fiori di Calendula che, come Adone, sarebbe stata destinata a vivere periodi di vita alternati a periodi di morte.
Per questo motivo, nell’Ottocento, il fiore di Calendula era sempre associato a simbologie tristi causate da pene d’amore.
La Calendula è da sempre stata associata al dolore e al rancore. In particolare, per i messicani è il fiore simbolo della morte. Infatti, una leggenda narra che le Calendule, portate dai conquistatori, si siano sviluppate e diffuse nel territorio messicano a causa del sangue versato dagli indigeni, vittime della colonizzazione dei bianchi.
Per gli inglesi la Calendula è simbolo di gelosia.
Infatti, secondo le credenze popolari, le donne non sposate, che non sono mai state amate da nessuno, alla loro morte si trasformano in Calendule gialle dalla rabbia. Tuttavia, il suo lato triste e malinconico, che lega il fiore alle pene d’amore, alla gelosia e al rancore, trova la sua giustificazione nelle eccellenti proprietà curative.
Anche William Shakespeare nel sonetto XXV nomina il fiore di Calendula:

Coloro che hanno le stelle favorevoli

“Coloro che hanno le stelle favorevoli

si vantano pure di pubblici onori e di magnifici titoli,

mentre io, cui la fortuna nega un simile trionfo,

gioisco, non visto, di ciò che più onoro.

I favoriti dei grandi principi schiudono i loro bei petali

Come la calendula sotto l’occhio del sole,

e in loro stessi il loro orgoglio giace sepolto,

poiché, a un cipiglio, essi nella loro gloria muoiono.

Il provato guerriero, famoso per le sue gesta,

sconfitto che sia una volta pur dopo mille vittorie,

è radiato per sempre dal libro dell’onore,

e dimenticato è tutto ciò per cui si era impegnato.

Allora felice io, che amo e sono riamato

da chi non posso lasciare, né essere lasciato”.

12 ok

In questo sonetto Shakespeare insegna che la vita vale solo se si pongono in essa i semi per far crescere l’amore. L’amore è più importante di qualsiasi altra cosa. Senza l’amore non c’è nulla per cui valga la pena di vivere e di lottare. I giorni sono stati trascorsi inutilmente senza amare ed essere amati!
E non c’è nulla di ciò che è terreno che può eguagliare il sentimento e la gioia dell’amore, vero alimento del fuoco della vita.
Si vantino, dunque, i principi e i signori delle loro glorie e delle loro ricchezze, mostrandole al mondo intero, ma nessuna gloria terrena sarà mai uguale alla forza che un sentimento d’amore può dare agli esseri umani.
Occhi di chi amiamo, specchio del puro sentimento, guardarli è già ricchezza che né oro né argento potranno eguagliare!
Nel linguaggio dei fiori la Calendula simboleggia “sofferenza, dolore, pene d’amore”.

Print Friendly
set 18, 2021 - Senza categoria    No Comments

LE TANTE PIANTE DI MEDICAGO ARBOREA PRESENTI NELLA SALITA SANT’ANTONINO, IN CONTRADA MONTESOLE A LICATA.

1 ok

La salita Sant’Antonino è una strada che attraverso quasi quotidianamente per raggiungere il mio villino.
Quindi, non avrebbe potuto sfuggire alla mia vista la presenza di queste tantissime e bellissime piante di Medicago arborea in piena fioritura.
Sono tantissime!
Sostenute dai muretti a secco o aggrappate alle reti dei vari recinti delle proprietà private.

2 ok

La Medicago appartiene a un genere di piante erbacee e  arbustive della famiglia delle Fabacee che  comprende oltre un centinaio di specie, di cui circa una quarantina vegetano in Italia. E’ originaria dell’Europa, della regione mediterranea e dell’Africa meridionale.
La specie più diffusa è la Medicago sativa, nota come erba medica, largamente coltivata come foraggio.
E’ una pianta perenne, con steli pelosi e fogliame verde bluastro.
Fiorisce da giugno a ottobre producendo fiori in grappoli di colore viola.
Altre specie sono:
La Medicago arborea subsp. Citrina, che assomiglia alla specie tipo ma i fiori sono giallo limone.
La Medicago arabica, Erba medica macchiata, con fogliame verde, macchiato di nero al centro.
La fioritura è gialla ed estiva. Altezza da 20 a 60 cm.
La Marina di Medicago, l’Erba medica marittima, con portamento strisciante, fogliame grigiastro e bianco infeltrito.
I fiori, gialli brillanti, fioriscono da marzo a luglio.
La Medicago arborea è la mia amica, la specie che ammiro sempre nella strada che dalla città di Licata conduce nella mia campagna. .
Il suo nome botanico italiano è: “MEDICAGO ARBOREA”.

https://youtu.be/G0bYl0PFseY

CLICCA QUI

3 ok

Sinonimi sono: ” Erba medica arborea, Ginestrone, Trifoglio di ginestra, Setiso, Bottone di seta o Corniolo reale”.
Il suo nome inglese è: “ Moon trefoil”.
Etimologicamente il termine della specie “Medicago” deriva dal greco “μεδιқόϛ”, che significa “Media”, un’area geografica storica conquistata dai Medi, e che occupava gran parte dell’attuale Iran centrale e occidentale a sud del Mar Caspio, il territorio da cui Teofrasto credeva provenisse la pianta.
Il nome della specie “arborea” deriva dall’albero legnoso con portamento arboreo.
La Medicago arborea è una specie tipica delle zone del Mediterraneo nord-orientale poco diffusa, che forma una macchia compatta con portamento piuttosto allargato e vegetazione cespugliosa. Cresce spontanea anche in Italia.

6 ok

E’ un arbusto sempreverde molto ramificato, alto fino a 2 metri. Ha il fusto ricoperto dalla corteccia biancastra, con strisce longitudinali.
Le foglie, trifogliate, con foglioline ovali, allungate, con punta dentellata, persistenti, di colore grigio-verde intenso, nella pagina inferiore sono ricoperte da una peluria argentata e hanno margine finemente seghettato.

7 ok

Sono presenti anche due stipole.
Anche i rami giovani sono ricoperti da una peluria grigiastra. I rami adulti sono legnosi, bianchi e ben disposti a formare una densa massa di vegetazione.
I fiori, di colore giallo-dorato, irregolari, con la tipica corolla papilionacea delle Fabacee, riuniti in infiorescenze a grappolo, emergono dall’ascella delle foglie nelle parti apicali dei rami giovani.

9 ok

14 ok

La fioritura è prolungata.
Inizia a febbraio e si protrae, senza interruzione, fino a ottobre.
I fiori attirano molti insetti impollinatori. I frutti, originali e ornamentali, sono dei baccelli gialli poi marrone appiattiti, arrotolati a chiocciola su se stessi in modo tale da creare un foro centrale. Contengono da 3 a 15 semi dal colore bruno-giallo-marrone.

16 ok

17 ok

La riproduzione avviene per dispersione dei semi in primavera, o per talea nello stesso periodo di tempo.
Le radici ospitano batteri simbionti in grado di fissare l’azoto atmosferico.
La pianta di Medicago arborea è di facile coltivazione. Il suo habitat preferito è quello delle zone caratterizzate dal clima caldo estendendosi dalla pianura fino ai 300 m. s.l.m. La pianta può essere utilizzata come esemplare unico o anche per formare siepi e bordure che danno colore brillante al giardino in mesi solitamente senza grandi fioriture.

5 ok

 Vegeta bene posta su terreni sabbiosi e rocciosi, calcarei e asciutti.  Infatti, tollera bene la siccità e la salinità. L’irrigazione deve essere sporadica. Ama essere esposta ai raggi diretti del sole o appena in semiombra, perché l’ombra garantisce una crescita regolare, ma con una bassa produzione di fiori. Dopo la pausa estiva, nella ripresa vegetativa autunnale, può essere necessaria una leggera potatura per l’asportazione di parti secche e danneggiate, per stimolare uno sviluppo fitto e una successiva fioritura più intensa.
La specie sa resistere alle comuni malattie del giardino. Tuttavia, può essere suscettibile ad attacchi di certi parassiti e di roditori.
La Medicago arborea era già nota agli antichi romani e greci come pianta da foraggio per il bestiame e ancora oggi è ampiamente coltivata per questa utilità nel bacino del Mediterraneo, e non solamente come pianta ornamentale.
Il legno è estremamente duro ed è stato utilizzato, a volte, nell’artigianato, per il suo bel colore scuro e per la tessitura stretta, che, una volta lucidato, gli conferisce un aspetto brillante notevole. Questo arbusto può svolgere un ruolo importante nel contenere i fenomeni di erosione del suolo.
I ricercatori spagnoli hanno dimostrato che ha la capacità di ridurre notevolmente l’erosione del suolo causata dall’acqua e dal vento.
Nella cucina popolare le foglie di Medicago arborea e i teneri germogli sono commestibili.
Si possono utilizzare cotti o crudi nelle insalate e anche mescolati ad altre erbe aromatiche.

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly
set 1, 2021 - Senza categoria    No Comments

LA PIANTA DI LYSIMACHIA ARVENSIS MOLTO FREQUENTE NELLE SPONDE DEL FIUME SALSO A LICATA.

0 OK

Fermati! Guardami! Sono io!
Sono la Lysimachia arvensis!

1 OK

Infatti, al suo richiamo, mi sono fermata per ammirare la sia bellezza, per fotografarla, per descriverla.
La Lysimachia è una pianta tropicale apprezzata per la sua abbondante fioritura che crea splendide macchie di colore in piena terra, nelle aiuole dei giardini pubblici e anche nei vasi dei balconi delle abitazioni private.

3 OK

Il genere Lysimachia comprende circa 200 specie di piante erbacee perenni appartenenti alla famiglia delle Primulacea e originarie delle regioni temperate e diffuse allo stato spontaneo nei luoghi umidi, nelle zone boschive e montane delle regioni del Centro, del Nord Italia e in Sicilia, vicino al fiume Salso di Licata.
Le varietà più diffuse e coltivate a scopo ornamentale sono: la Lysimachia nummularia,varietà a portamento tappezzante formata da lunghi fusti ricoperti da foglie ovali o tondeggianti di colore verde lucido. I fiori, che sbocciano all’ascella delle foglie, da maggio a luglio, sono solitari e di colore giallo oro.
La Lysimachia punctata è la varietà che presenta fusti eretti, foglie di forma ovale-lanceolata e fiori gialli che sbocciano da giugno ad agosto.
La Lysimachia barystachys, varietà che forma cespugli alti 60 cm composti da fusti eretti ricoperti da foglie tomentose, lineari-lanceolate che in autunno assumono una bella colorazione giallo-arancio. Durante il periodo delle fioritura, che va da giugno ad agosto, la pianta si ricopre di fiori bianchi riuniti in infiorescenze a grappolo fitte e pendule.
La Lysimachia ciliata è  la varietà che si differenzia dalle altre specie per il caratteristico colore delle foglie che, dalla tonalità cioccolato bianco, diventa verde e poi giallo-arancio. Da giugno ad agosto produce fiori piatti e gialli.
La Lysimachia congestiflora è la varietà a portamento tappezzante con foglie di colore verde scuro e fiori di colore giallo dorato.
La Lysimachia clethroides, varietà che, da luglio a settembre, produce piccoli fiori stellati e bianchi riuniti in lunghi grappoli.
Attrae le farfalle.
La Lysimachia ephemerum, pianta diffusa in Europa, formata da fusti eretti ricoperti da foglie di colore grigio-verde, lineari, lisce, opposte e riunite alla base. In estate produce piccoli fiori bianchi riuniti in spighe sottili.
La Lysimachia vulgaris presenta fusti eretti, foglie lanceolate di colore verde intenso e fiori gialli con margini di colore arancio.
La Lysimachia arvensis, la pianta che ho osservato e fotografato, vegeta nelle aree calde del pianeta ed è riconoscibile perché produce fiori azzurri.

Etimologicamente, il nome del genere “Lysimachia” deriva dal greco “Λυσίμαχος” in onore di Lisimaco (~361 a.C.-281 a.C.), sovrano e militare macedone antico. Fu uno dei diadochi di Alessandro Magno, che seguì nell’impresa d’Asia (334-323).
Alla morte del re (323 a.C.), dalla spartizione dell’impero macedone ottenne la satrapia di Tracia. Poi divenne re di Tracia, dell’Asia minore e della Macedonia.
Nel 284 a.C. fece uccidere il figlio Agatocle con l’accusa di congiura nei suoi confronti nella guerra contro Seleuco. Morì nella battaglia di Corupedio nel 281 a.C
Una leggenda narra che Lisimaco alimentasse i suoi buoi nutrendoli con questa pianta per tenerli buoni. Secondo Linneo potrebbe derivare da “Lysimachus”, re di Sicilia, di cui parla anche Plinio.
Λυσίμαχος “ deriverebbe da “λύσις μάχη lýsis máche” “che scioglie la battaglia”.
Il nome della specie “arvensis” deriva dal latino “arvum”campo, suolo arativo”.
Nomi italiani sono: ”Centonchio dei campi, Anagallide dei campi, Mordigallina.
Altri sinonimi sono: “Anagallis phoenicea, Anagallis arvensis”.
La Lysimachia arvensis è una pianta erbacea annuale, glabra, legata al suolo mediante una radice rizomatosa da cui si diramano altre piccole radici secondarie. Il fusto, prostrato o ascendente, alto 7-20 cm, un poco radicante ai nodi inferiori, ha sezione quadrangolare ed è molto ramoso.

3a
Le foglie, ovate-oblunghe appuntite, con margini interi, sono sessili e normalmente opposte, le superiori a volte verticillate, punteggiate di nero nella pagina inferiore.

4 OK

All’ascella delle foglie superiori spuntano i peduncoli fiorali che portano i fiori, ermafroditi, a forma di stella. Essi hanno il calice con 5 lacinie lanceolato-acute, con bordo ampiamente scarioso e saldate alla base. La corolla, rotata, formata da 5 petali obovati, cuneati, con bordo intero, lunghi un poco più dei sepali, è di colore azzurro con anello rosso alla gola.
La pianta produce copiose fioriture da aprile ad agosto e, in condizioni ambientali favorevoli, si prolunga fino alla fine del mese di Settembre.

5 OK

6 OK

Il frutto è una capsula a pisside sferica che si apre orizzontalmente in due semisfere lasciando fuoriuscire 20-35 semi.  I semi sono piccoli e di colore scuro.
La pianta si riproduce per seme, ma si può propagare anche per divisione dei cespi e per talea erbacea.
La Lysimachia arvensis vegeta nei terreni incolti e coltivati, compatti, ricchi e ben drenati, nel bordo delle strade e delle aree antropizzate, dal piano fino a 1200 metri di altitudine. Preferisce le esposizioni al sole o nelle aree parzialmente ombreggiate e mostra anche una buona resistenza al freddo, purchè al riparo dai venti gelidi.
La Lysimachia arvensis si può coltivare in vaso ed è apprezzata come pianta ricadente nei panieri sospesi dei balconi.

7 OK

E’ resistente agli attacchi degli afidi e della cocciniglia, ma è sensibile alle malattie fungine, come l’oidio o mal bianco, che si manifestano soprattutto nelle zone calde ed eccessivamente umide. Le foglie tenere sono gradite alle chiocciole e alle lumache.
La pianta, per i contenuti di triterpenoidi e di saponina nelle parti aeree, di glicoside nelle radici, di primina nelle parti pelose, di tannino, di flavonoidi ha proprietà bechiche, diaforetiche, espettoranti, colagoghe, omeopatiche, purganti, stimolanti, vulnerarie, diuretiche e nervine, ma è una pianta tossica. Le parti più tossiche sono i semi.
Gli uccelli, e anche gli animali da cortile, che eventualmente se ne cibano, possono rimanere intossicati.
E’ rifiutata dagli animali domestici ad eccezione dalle galline.
Questa piantina può rivelarsi tossica anche per l’uomo se, raccolta accidentalmente, è consumata come insalata.

 

 

Print Friendly
ago 15, 2021 - Senza categoria    No Comments

LA PIANTA DI HYOSCYAMUS ALBUS DAI FIORI DAL COLORE GIALLO CHIARO

1 OK

L’Osservazione delle piante spontanee è un fenomeno che ha sempre attratto la mia attenzione e la mia curiosità di conoscerle meglio scientificamente.
Oggi, 16 aprile 2021, percorrendo a piedi la piccola strada in salita che porta al cimitero di Marianello, a Licata, nel ciglio laterale destro ho notato tante piante spontanee fiorite, molto belle.  Volendo conoscere meglio una di esse, la bellissima pianta, dai fiori dal calore bianco-giallastro, mi sono subito documentata.

E’ la HYOSCYAMUS ALBUS.

2 OK

https://youtu.be/R23Ww9g5jmU

 

CLICCA QUI

 

Hyoscyamus è uno dei generi più grandi della famiglia delle Solanaceae che comprende circa 84 generi e oltre 3000 specie.
Etimologicamente il nome del genereHyoscyamus”deriva dal gecokyoskyamos” composto di hyós” ” “porco, maiale” e da “κύαμος” “fava” col significato di “fava del porco” per la sua capsula fruttifera simile alla fava e perché i maiali sono gli unici animali che possono mangiare la pianta, non nociva per essi, ma tossica per l’uomo.
Il nome della specie deriva dal latino “albus” “chiaro” per il colore chiaro dei fiori.
Il suo nome italiano è “Giusquiamo bianco”.
Il genere Hyoscyamus comprende una dozzina di specie, tra cui: “Hyoscyamus aureus, Hyoscyamus muticus, Hyoscyamus niger, che differisce per le nervature reticolate di colore porpora sui petali bianco-giallastri, Hyoscyamus pusillus, Hyoscyamus reticulates”.
In Italia sono presenti: l’Hyoscyamus albus  e l’Hyoscyamus niger.
L’Hyoscyamus albus è una pianta erbacea annuale, talvolta biennale o perennante, appartenente alla famiglia delle Solanaceae.

3 OK

Possiede una larga radice ramificata da cui si solleva il fusto eretto, ramificato, di forma cilindrica, alto da 20 a 80 cm, assumendo spesso un aspetto cespuglioso, lanuginoso, appiccicoso, talvolta legnoso alla base.

4 OK

Le foglie sono alterne, picciolate, di consistenza piuttosto carnosa, lunghe fino a 10 cm, ovato-lanceolate, di colore verde scuro sulla pagina superiore, di colore verde glauco chiaro in quella inferiore, con nervature rilevate e a margine lobato, ottusamente dentato.
Le inferiori sono sorrette da un picciolo lungo. Le superiori sono attenuate in un picciolo corto e largo.
Diminuiscono la loro grandezza nella parte più alta della pianta.
Il fusto e le foglie sono ricoperti da una caratteristica peluria lanosa e l’intera pianta emana un forte odore fetido.

5 OK

6 OK

Da maggio ad agosto nella parte superiore produce delle infiorescenze in spighe fogliose, quasi unilaterali; nella parte mediana emette fiori solitari all’ascella delle foglie.
I fiori sono costituiti: da una corolla zigomorfa tubuloso-campanulata con 5 lobi arrotondati di colore giallo chiaro, senza venature, e con la fauce verdastra o porpora o violetta, ricoperta esternamente da peluria, dal calice, gamosepalo, lungo poco più della metà della corolla, verde, esternamente villoso-glanduloso, campanulato, con 5 lobi ovato-lanceolati saldati alla base di cui i 3 superiori più grandi degli inferiori, dai 5 stami disuguali, leggermente più lunghi della corolla, con antere ovali di colore porpora, nere quando seccano, da uno stilo.
Fiorisce da aprile ad agosto. La fioritura inizia fin dal primo anno di vita.

7 OK

8 OK

8a OK

9 OK

Il frutto è un pissidio arrotondato, una sorta di capsula a due sezioni, ovale, glabra, di colore verdastro, che rimane racchiusa nel caratteristico calice allungato. All’apertura del piccolo coperchio, racchiuso nel calice persistente, disperde i suoi numerosi semi di colore glauco, e poi giallastro e marrone Di forma ovata, simili alle fave, sono crestati e con un’appendice sferico-conica.

10 OK

Presente in quasi tutte le regioni italiane, la pianta è comune al Centro, al Sud dell’Italia e nelle isole, è assente nel Trentino Alto Adige e nella  Valle d’Aosta.

11 OK

 Cresce dal mare fino a 800-900 metri di altitudine nelle zone ruderali, negli incolti, negli anfratti delle rocce, sui muri a secco, nei bordi delle strade, nei luoghi pietrosi e sabbiosi.
La diffusione dell’Hyoscyamus albus si è propagata facilmente lungo le antiche vie della transumanza in quanto parte della pianta, grazie alla sua viscosità, rimaneva attaccata al vello degli ovini che, involontariamente, favorivano la diffusione dei semi nei sentieri che attraversavano. Oggi la pianta è ritenuta piuttosto rara per la difficoltà di conservazione del suo habitat naturale.
L’Hyoscyamus albus è una pianta officinale altamente tossica, molto pericolosa.  Era già conosciuta come pianta medicinale dai Babilonesi, dagli Egizi, dagli Arabi, dai Greci e dai Romani che la usavano come calmante e come veleno.
Plinio la descrive come pianta che altera la mente e disturba la testa, effetti da cui deriva, probabilmente, il nome volgare antico di “disturbio”, con cui l’Hyoscyamus è stato pure chiamato. L’assunzione di piccole quantità fa manifestare sintomi quali lo sdoppiamento della vista, accessi di follia e aggressività.
L’ingestione di 20-30 semi può causare la morte di un bambino, mentre una dose quintuplicata può causare la morte di un uomo adulto. Se si eccettuano i maiali, gli altri animali, al pari degli uomini, sono estremamente sensibili alla velenosità dell’ Hyoscyamus tanto che anche gli uccelli che si cibano dei semi di questa pianta muoiono in pochi minuti.
Per questo motivo dovrebbe essere usata con grande cautela. Nelle foglie, nei semi e nelle radici sono contenuti principalmente due alcaloidi: la josciamina e la scopolamina che, durante il riscaldamento o l’essiccamento delle parti, si trasformano in atropina. La loro assunzione causa assopimento, sonno profondo e può addirittura la morte.
Le foglie vanno raccolte quando la pianta è in fiore e possono essere essiccate per un uso successivo.
Molto conosciuta sin dai tempi più antichi come erba medicinale, la pianta era usata come potente sedativo e antidolorifico per sopportare il dolore durante le operazioni chirurgiche e, principalmente, per curare il mal di denti. Infatti, era conosciuta con il nome di “Dente cavallino”, o con quello di “Erba di Sant’Apollonia”, la Santa invocata per la protezione dei mali di denti.
La pianta è utilizzata internamente nel trattamento di asma, di pertosse, di cinetosi, di epilessia. Il suo effetto sedativo e antispasmodico è un valido trattamento per i sintomi del morbo di Parkinson alleviando tremore e rigidità durante le prime fasi della malattia. Sotto forma di olio è utile per alleviare nevralgie e dolori reumatici. Diffuso nel medioevo come narcotico, anestetico e sudorifero, l’assunzione di questa pianta è stata abbandonata per l’alto rischio di tossicità. L’Hyoscyamus albus ha fatto parte anche della tradizione magica certamente per il potente effetto allucinogeno.
In “Zadig” o “Il destino”, opera di Voltaire, si legge “… Intanto sul far del giorno, il farmacista di Sua Maestà entrò in camera mia con una pozione di giusquiamo, oppio, cicuta, elleboro nero e aconito …”. Una miscela mortale racchiudente alcuni degli ingredienti vegetali più venefici conosciuti sin dall’antichità e con i quali si usava porre fine a discordie più o meno regali.
L’Hyoscyamus albus è la pianta nominata da William Shakespeare nell’Amleto. “… il re, padre di Amleto, viene ucciso per avvelenamento da Giusquiamo versatogli nell’orecchio durante il sonno”.
Nel romanzo “Salammbô”, al cap. XIII, Gustave Flaubert si riferisce ai «bevitori di giusquiamo» come i più feroci difensori della città di Cartagine, assediata dai suoi ex-mercenari. Inaffidabili, però, perché, «quando erano assaliti da una crisi, si credevano bestie feroci e balzavano sui passanti, sbranandoli».
Nel linguaggio dei fiori l’Hyoscyamus albus è il simbolo del “difetto”.
L’intera pianta non ha alcun elemento apprezzabile essendo maleodorante e velenosa.

Print Friendly
ago 1, 2021 - Senza categoria    No Comments

LA MORICANDIA ARVENSIS, LA PIANTA CHE CAMBIA IL COLORE DEI FIORI NELLE DIVERSE STAGIONI DELL’ANNO.

1 OK

La Natura è una scoperta continua di conoscenze e di esperienze nuove.
Appoggiata al muro, sotto il cimitero di Marianello, a Licata, in una giornata molto ventosa ho notato una modesta pianta dai fiori violacei a forma di croce.
Il suo nome scientifico è “Moricandia arvensis”.

2 OK

 

https://youtu.be/7Ux_oEJHIpI

CLICCA QUI

Il nome italiano è “ Moricandia dei campi”.
Altri sinonimi sono: “Brassica arvensis, Moricandia longirostris, Sinapis arvensis”.
Gli inglesi la chiamano “Violet Cabbage”
Gli americani degli Stati Uniti la chiamano “Purple Mistress”.
I tedeschi la chiamano “Acker-Morikandie”.
Gli spagnoli la chiamano “ Berza arvense”
I francesi la chiamano “Moricandie”.

3 OK

Etimologicamente il nome del genere “Moricandia” è in onore  di S. Moricand (1780-1854), commerciante e naturalista ginevrino che scrisse una Flora di Venezia.
Il nome specifico “arvensis” deriva dal latino “arvum”, ossia “campo coltivato”.
La Moricandia arvensis è una pianta straordinaria, capricciosa, perché produce fiori di diverso colore a seconda della stagione.

4 OK

In primavera produce fiori grandi, di colore lilla, che attirano le api per l’impollinazione.
In estate, essendo l’aria secca e calda, produce i fiori più piccoli, arrotondati, di colore bianco, in grado di assorbire i raggi ultravioletti.
Inoltre, i fiori “estivi” attirano insetti vari che facilitano l’impollinazione, permettendo alla pianta di riprodursi con più efficacia in condizioni difficili come quelle più secche e più calde.
I ricercatori dell’Università di Granada (UGR) descrivono, infatti, un fenomeno di “plasticità fenotipica”, cioè quella capacità di un essere vivente di riprodurre, tramite il proprio genotipo, fenotipi diversi, in questo caso in risposta a qualche fattore ambientale, quale la differenza di temperatura fra la primavera e l’estate, soprattutto a Licata, città di mare, di fronte all’Africa, che modifica la sua espressione genica.
Il dott. Francisco Perfectti Álvarez, professore di genetica dell’UGR e autore principale dello studio, ha così spiegato il fenomeno: “Ciò è dovuto alla sua plasticità nei principali tratti vegetativi e fotosintetici che regolano il suo metabolismo a queste condizioni estreme di alta temperatura e di deficit idrico”.
I ricercatori dell’Università di Granada hanno realizzato lo studio lavorando assieme ai  colleghi del Consiglio superiore spagnolo per la ricerca e delle università di Vigo, Pablo Olavide e Rey Juan Carlos.
La Moricandia arvensis è una pianta erbacea annuale, glabra e glauca, appartenente alla famiglia delle Brassicaceae.

5 FOGLIE OK

Possiede radici superficiali dalle quali si innalzano i fusti cilindrici, suffruticosi, ramosi dalla base con i rami ascendenti e flessuosi.

5A  fusti e foglie OK

Le foglie carnose, sono di colore verde. Le basali sono spatolate, con breve picciolo, spesso scomparse alla fioritura.
Le cauline sono lanceolate, tondeggianti, sessili, profondamente scavate alla base con due orecchiette larghe e tonde che abbracciano interamente il fusto.

6 OK

I fiori sono raccolti in racemi allungati, che portano da 10 a 20 fiori, su peduncoli erettiti, dritti o un po’ curvi, cilindrici, più corti del calice.
I sepali del calice sono eretti, appressati alla corolla, ottusi, verdastri o rossicci; due di essi sono più grandi e allungati, gli altri due sono quasi lineari.
La corolla è formata da 4 petali spatolati, patenti, roseo-violetti, con vene delicate di colore più scuro, lunghi fino a 22 mm. Gli stami sono gialli o biancastri, tutti più lunghi del calice. L’antesi avviene da aprile a settembre

7 OK

8 OK

9 OK

Il frutto è una siliqua compressa, quasi tetragonale, con valve a un nervo, lunga fino a 7 cm.
I semi sono ellissoidi, apteri, brunastri.

10 OK

Gli habitat preferiti dalla Moricandia arvensis sono i terreni incolti, aridi, i pendii ripidi dei calanchi argillosi, i muri, i ruderi.
Vegeta bene dal livello del mare fino a 600 m di altitudine.
Diffusa in Spagna meridionale e nel Nord Africa, da dove proviene, in Italia è presente in Liguria, in Toscana, nell’Umbria, in Puglia, in Calabria, in Basilicata, in Molise, in Lombardia, in Sicilia, in Sardegna limitatamente ai luoghi caratterizzati da bioclima termo mediterraneo secco o subumido. La Moricandia arvensis è una specie commestibile, utilizzata a scopi alimentari in Spagna, in Sardegna e in Sicilia.
In cucina le foglie sono ottime bollite, fritte utilizzate come contorno di carni.
In Tunisia la pianta è chiamata “prosciutto” ed è consumata bollita o fritta, condita con aglio e con peperoncino rosso.

Print Friendly
lug 13, 2021 - Senza categoria    No Comments

BARTSIA TRIXAGO LA PIANTA DAI FIORI ORIGINALI

1 ok

Passeggiando, come spesso faccio nella mia campagna, a Licata, improvvisamente ho notato questa meraviglia: una pianta dal fiore molto bello.
Ne rimasi stupita!

2 ok

3 ok

Il nome scientifico è Bartsia trixago!
Il nome italiano è “Perlina minore”. Nel tempo ha avuto diverse nomenclature.
Il sinonimo più frequente è: “Bellardia trixago”, nome attribuito in onore  di Carlo Antonio Lodovico Bellardi (1741-1826), botanico a Torino e “Trixago apula”.Etimologicamente il nome del genere “Bartsia” è stato assegnato in onore del botanico prussiano Johann Bartsch (1709-1738) di Königsberg, medico coloniale a Suriname.
Il nome della specie “trixago” è formato da due parole latine: “trix” “ capello, pelo”, e “ago” , un suffisso latino usato per indicare “simile a...”. Il nome  scientifico della Bartsia trixago è stato attribuito da Carl von Linné (1707 – 1778), biologo e scrittore svedese, autore della pubblicazione “Species Plantarum” econsiderato il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi.
Il genere Bartsia si compone di circa cinquanta specie le cui aree di origine sono le zone mediterranee dell’Europa, Infatti sono distribuite in Europa, in Africa e in America.
In Italia la Bartsia trixago è presente in Abruzzo, in Basilicata, in Calabria, in Campania, in Emilia Romagna, nel Lazio, in Liguria, nelle Marche, in Molise, in Piemonte, in Puglia, in Toscana, in Umbria, nella Valle d’Aosta. In Sardegna, in Sicilia.
Appartenente alla famiglia delle Orobanchaceae, secondo i nuovi sistemi di classificazione filogenetica, mentre prima il suo genere apparteneva alla famiglia delle Scrophulariaceae, secondo la classificazione ormai classica di Cronquist La Bartsia trixago è una piccola pianta erbacea, annuale, vischiosa, alta da cinque a 50 cm.

4 ok

Possiede radici sono a fittoni da cui si sollevano gli assi forali eretti con peli rivolti verso il basso.

4a ok

Le foglie hanno delle forme lanceola-lineari con bordi dentati. Le foglie non sono tutte uguali. Le inferiori sono spatolate, le medie sono strette e le superiori sono triangolari. Le foglie superiori vicine all’infiorescenza sono bratteiformi.

5 FOGLIE ok

6 FOGLIE 1 ok

6a ok

Le infiorescenze sono formate da alcuni fiori pedicellati, spaziati e disposti all’ascella di brattee o anche da brevi spighe piramidali.
I fiori sono ermafroditi, zigomorfi e tetra ciclici cioè provvisti di calice gamosepalo, di corolla simpetala, bilabiata con cinque lobi, il colore del labbro superiore del petalo è roseo o purpureo, gli altri petali sono bianchi o gialli, di androceo, che contiene gli stami didinami (due lunghi e due corti), le antere sono conniventi ed hanno una loggia portante un cornetto allungato, le sacche polliniche hanno l’estremità inferiore a forma di freccia, di gineceo formato di due carpelli e formano un ovario supero biloculare. Lo stilo è unico lievemente più lungo degli stami ed è inserito all’apice dell’ovario; lo stimma è capitato. Fiorisce da aprile a luglio.

7 ok

8 ok

9 ok

10

Il frutto è una capsula deiscente di forma oblungo-acuta, cavato-compressa e contiene diversi piccoli semi.
La riproduzione avviene per impollinazione entomogama tramite gli insetti.
I semi, cadendo a terra, sono successivamente dispersi soprattutto da insetti come le formiche secondo la disseminazione mirmecoria.L’habitat tipico per questa pianta sono i pascoli, i terreni incolti e le garighe delle zone marine, collinari e montane su una distribuzione altitudinale da 0 fino a 1200 metri s.l.m.
Il substrato preferito è calcareo, ma anche siliceo. Preferisce essere esposta alla luce del sole, ma non per molto tempo. Allora si fa proteggere dalle altre piante più alte.
Per quanto riguarda l’acqua si accontenta della pioggia abbondante della stagione.

11 ok
La pianta non ha nessun’altra utilità tranne la sua bellezza che impreziosisce i luoghi dove nasce e fiorisce.

 

 

 

 

 

 

Print Friendly
lug 1, 2021 - Senza categoria    No Comments

LA PIANTA DI MESEMBRYANTEMUM ACINACIFORMIS DAI BEI FIORI ROSSI NELLA MIA CAMPAGNA DI LICATA

1 ok

Nel giardino roccioso della mia campagna, in contrada Montesole a Licata, vegeta bene il Mesembryanthemum acinaciformis che copre come un tappeto e colora la roccia con la sua splendida e ricca fioritura estiva.

2 ok

https://youtu.be/-e9Oz0vjDts

CLICCA QUI

https://youtu.be/8YcNq3pdSVE

CLICCA QUI

Il genere Mesembryanthemum, originario dell’Africa meridionale, comprendeva circa mille specie, oggi è stato diviso in numerosi generi.
Il nome del genere “Mesembryanthemum” deriva dal vocabolo greco “μεσημβρία” “mezzogiorno”, unito alla parola “αντέμι“ “fiore” col significato di “ fiore che si apre a mezzogiorno”.
Del genere Mesembryanthemum esistono varie specie, annuali e perenni, differenti soprattutto per i fiori dalla luminosità serica e dai colori vivaci: porpora, arancione, viola, giallo, cremisi.
Alcune varietà sono diffuse allo stato spontaneo, altre coltivate a scopo ornamentale. Le più comuni:
Il Mesembryanthemum criniflorum o Dorotheanthus bellidiflorus è una specie annuale, semirustica, a portamento prostrato e presenta foglie strette e cilindriche. In estate produce fiori larghi 2,5 cm, di vari colori (bianco, arancio-dorato o rosso cremisi), che hanno la particolarità di aprirsi solo in pieno sole e di richiudersi di notte o nelle giornate particolarmente coperte. Cresce fino a 10 cm. di altezza.
Il Mesebryanthemum crystallinum, meglio conosciuto come “Erba ghiaccio”, è una specie annuale, spontanea, che cresce anche nelle nostre regioni litoranee. Presenta portamento prostrato e foglie ovali di colore verde chiaro coperte da particolari formazioni sferiche che sembrano cristalli di ghiaccio. Fiorisce da giugno ad agosto producendo fiori bianchi o rosa pallido.
Il Mesembryanthemum edulis o Carpobrotus edulis, originaria dell’Africa meridionale, è una specie perenne che produce fiori gialli o porpora che sbocciano da maggio a luglio e frutti carnosi e commestibili.
Il M esembryanthemum tricolor o Dorotheanthus gramineus, originaria dell’Africa meridionale, è una specie annuale, semi rustica, dalle foglie strette e cilindriche. Produce fiori di colore rosa intenso o bianco, più scuri all’interno, che sbocciano da giugno ad agosto.
Il MESEMBRYANTHEMUM ACINACIFORMIS  o Carpobrotus acinaciforme o più comunemente conosciuto come “Fico degli Ottentotti”, è la specie presente nel mio giardino a Licata.

3 ok

E’ una pianta succulenta, appartenente alla famiglia delle Aizoaceae, originaria dell’Africa meridionale, ma cresce spontaneamente in Italia. Presenta un portamento strisciante caratterizzato da una crescita molto veloce.

4 ok

La pianta è provvista di una robusta radice fascicolata e da una parte aerea formata da numerosi steli cilindrici, erbacei, consistenti, carnosi, di colore verde chiaro –argenteo. Le foglie, falcate, lunghe e carnose, di colore verde grigiastro, contengono una sostanza vischiosa.

5 ok

Alla base delle ascelle fogliari o sugli apici degli steli da maggio a luglio sbocciano i grandi fiori di colore rosso porpora molto decorativi.
La corolla è composta da numerosi lunghi petali ligulati che fanno da corona a un bottone centrale e a lunghi stami gialli molto appariscenti.

6 ok

La fioritura del Mesembryanthemum è  uno spettacolo molto gradevole. I fiori durano circa una settimana ed hanno la caratteristica di aprirsi al mattino, in pieno sole, per chiudersi il pomeriggio al calare del sole.
Durante la notte i fiori emanano un odore gradevolissimo, mentre di giorno non hanno nessun odore.

7 ok

Ai fiori seguono i frutti, piccole capsule secche, non commestibili, contenenti piccoli semini scuri dotati di un’ottima capacità di germinazione.
I frutti, bagnandosi con l’umidità o con l’acqua piovana, si aprono e disperdono i semini che si trovano all’interno favorendo la moltiplicazione della specie.
La pianta si propaga oltre che per semi, sparsi sul terreno in primavera, senza interrarli, anche per talea di foglia o di fusto, operazione eseguita alla fine dell’estate, e per divisione dei cespi. La moltiplicazione per talea di ramo si effettua in autunno e consiste nel fare radicare, in un miscuglio di sabbia e torba, dei rametti lunghi circa 10 cm, sani e vigorosi, recisi direttamente dalla pianta con forbici ben affilate e disinfettate.
I rametti recisi prima di essere interrati si devono fare asciugare all’ombra per almeno un giorno.
Questa pianta è davvero bella! E’ perfetta per arredare il giardino roccioso con macchie di colore che crescono molto rapidamente.
Nella sua coltivazione, basta avere qualche accorgimento perché la pianta ci regali molti fiori. Attenzione alle radici perchè sono tossiche.  Contengono una sostanza alcaloide che può portare a delirio se viene ingerita in grandi quantità.
La coltivazione del Mesembryanthemum è semplice. Può essere coltivato sia in piena terra, preferibilmente su suolo arido e roccioso, sia in vaso. Necessita di un terreno sciolto, leggero e ben drenato, misto a sabbia o a ghiaia grossolana, e un’esposizione soleggiata per molte ore al giorno per garantire le sue meravigliose e abbondanti fioriture. Un’adeguata esposizione lo rende meno suscettibile agli attacchi di funghi e di insetti. Sopporta il caldo intenso, la salsedine e i venti salmastri.
Trattandosi di una pianta succulenta, ha esigenze idriche modeste per cui bisogna prestare attenzione a non innaffiarla troppo.
Coltivato in piena terra il Mesembryanthemum si accontenta delle acque piovane, ma va comunque irrigato nei periodi di prolungata siccità per favorire la fioritura. In autunno e in inverno, quando, entra in riposo vegetativo, l’apporto idrico va ridotto al minimo indispensabile.
Durante il periodo vegetativo, che inizia a maggio e termina a settembre, è opportuno aggiungere all’acqua di annaffiatura del fertilizzante liquido che garantisce una completa nutrizione alla pianta.
Se la pianta è concimata, spesso produce molte foglie a discapito della fioritura. Il Mesembryanthemum non necessita di veri e propri interventi di potatura. Devono essere recisi solo i fusti secchi e i fiori appassiti.
Per quanto riguarda le malattie e i parassiti il Mesembryanthemum teme la cocciniglia, che si annida negli interstizi delle foglie e lascia macchie bianche, gli afidi, favoriti dell’eccessiva umidità dell’aria, che rendono la pianta appiccicosa, il marciume radicale, se il terreno non è ben drenato, e qualche virus che costringerebbe a bruciare tutta la pianta per evitare la diffusione delle malattie alle piante vicine.
Nel linguaggio dei fiori il Mesembryanthemum è simbolo “dell’amore” e quindi è il regalo perfetto da donare alla persona amata.

 

Print Friendly
giu 15, 2021 - Senza categoria    No Comments

IL CONVOLVULUS TRICOLOR NELLA CAMPAGNA DI LICATA

1 ok

Quale emozione provo ogni volta nell’osservare i gioielli che madre Natura regala a noi umani e che, molto spesso, neanche li ammiriamo!
Le dico soltanto GRAZIE!
I Convolvulus sono delle piacevolissime e allegre piante che incontro molto facilmente osservando la campagna di Licata dove ho notato: il Convolvulus tricolor, il convolvulus althaeoides e il convolvulus arvensis.

https://youtu.be/CP5aSnkOIO4

CLICCA QUI

Il Convolvulus è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Convolvulaceae e comprende circa 250 specie comunemente note col nome di “Convolvoli”. Sono piante annuali, perenni, arbustive o addirittura cauditiformi e che si differenziano per il colore dei fiori, per la tipologia delle foglie e per i fusti che possono essere striscianti o eretti.
Etimologicamente il nome del genere “ Convolvulus” deriva dal latino “convol-vo” “avvolgere”, in riferimento al portamento dei fusti volubili e avvolgenti, che si aggrappano ai vari sostegni.
In Italia crescono sia specie spontanee, sia varietà da coltivare in giardino.
Una specie è il “Convolvulus sabatius” o meglio noto come “Convolvulus mauritanicus”, una pianta erbacea, sempreverde, rizomatosa, perenne, con fiori di colore viola e con portamento strisciante.
Un’altra specie di Convolvolo che si adatta in modo particolare alla coltivazione in vaso o in giardino è il “Convolvulus cneorum” dallo sviluppo arbustivo e non rampicante.  La chioma, rigogliosa, è formata da rami ricoperti di foglie coriacee che presentano una peluria esterna e un colore verde argenteo. Nel periodo della fioritura sulla pianta sbocciano splendidi fiori bianchi a campana.
ll “Convolvulus althaeoides”, il cui nome della specie deriva dal greco “altainomai”, col significato di “guarire, risanare”, è originario del bacino del Mediterraneo. E’ una pianta erbacea perenne, dal portamento semirampicante o prostrato.
Possiede fusti sottili, lunghi, flessuosi, striscianti e rampicanti. Le foglie, di colore verde argentato, sono picciolate e con la lamina variamente conformata. A partire dal mese di aprile la pianta si riveste di numerosi fiori, solitari o appaiati, a forma di imbuto, dal colore rosa- lilla più intenso al centro. L’antesi si protrae fino al mese di giugno.

2

3 ok

 Il “Convolvulus arvensis” è la pianta dei campi. E’ conosciuto anche col nome di “Vilucchio comune”.
E’ una specie originaria dell’Africa ed è molto comune in tutta Italia, dalla pianura alla media montagna. E’ una pianta perenne, rizomatosa, strisciante o rampicante. I fusti, volubili, sono lunghi fino a 2 metri.  Si aggrappa alle altre piante erbacee, alle recinzioni.
Le foglie, di colore verde, sono picciolate, con la lamina allungata o arrotondata e con il margine intero spesso ondulato.
I fiori, solitari o in coppia, sono imbutiformi ed hanno la corolla dal colore biancastro a rosato.
Il frutto è una capsula glabra, di forma ellissoidale, che contiene 3-4 semi scuri.

4 ok

Il “Convolvulus tricolor”, dal latino “tres” “ tre” e “color” “colore”, è una pianta erbacea, perenne, appartenente alla famiglia delle Convolvulaceae.

5 ok

La specie è originaria dell’’Africa e abbondantemente diffusa per l’abbondanza e per la lunga durata della sua fioritura, che inizia dalla tarda primavera e si protrae fino all’estate avanzata.
Possiede fusti molto ramificati, inizialmente striscianti, poi ascendenti, alti da 20 a 60 cm.

6 ok

Le foglie, sempreverdi, quelle basali hanno un corto picciolo e sono ovate, quelle superiori sono sessili e spatolate, disposte a spirale Iniziano a cadere in autunno.

7 ok

Il fiore, solitario, a forma di imbuto, ha la corolla di tre colori: di colore blu nella parte esterna, di colore bianco alla base dei petali e di colore giallo al centro. Fiorisce dalla primavera fino a tutta l’estate.

8 ok

9 ok

10 ok

I fiori sbocciati durano solo un giorno, ma altri fiori sono prodotti in continuazione. I fiori fecondati producono frutti che sono capsule tomentose che contengono semi spessi e coriacei lunghi circa 3 mm e di colore marrone chiaro.
Il Convolvolo si può riprodurre per seme e anche per talea erbacea.
Il Convolvolo si può coltivare in piena terra, per creare aiuole e bordure, e in vaso, per abbellire terrazze e balconi.
Già dalla fine del 1700 la specie è stata utilizzata per la fioritura abbondante e di lunga durata e per i colori intensi dei suoi fiori come pianta ornamentale nei giardini del Nord Europa e dell’Inghilterra raggiungendo il massimo della popolarità per tutto il 1800.
Il Convolvolo necessita di poche cure dal momento che la sua rusticità e il suo adattamento lo hanno portato a diventare una pianta spontanea e invasiva in molti luoghi.
Molto tollerante sulla natura del terreno, il Convolvolo predilige i terreni alcalini, sciolti, ben drenati e poco compatti.
Richiede l’esposizione soleggiata perchè i suoi fiori non si schiudono all’ombra.
Sopporta la siccità, pertanto le annaffiature devono essere sporadiche e poco abbondanti e vanno effettuate esclusivamente alla base della pianta evitando ristagni d’acqua sulle foglie.
La potatura è indispensabile per garantire uno sviluppo armonioso alla chioma. In autunno si devono accorciare i rami più esterni e più lunghi. Tollera molto bene temperature basse, fino a 10 °C sotto lo zero.
Nelle zone temperate la fioritura si protrae fino ad inverno inoltrato.
Le concimazioni devono essere moderate per evitare che la pianta emetta una vegetazione copiosa a scapito della fioritura.
Il Convolvolo può essere soggetto a parassiti fungini.
Le malattie fungine si manifestano con la presenza di macchie sulle foglie che, se non trattate in modo tempestivo, possono far deperire la pianta fino a farla seccare. Tali patologie vanno trattate con l’utilizzo di prodotti specifici.
Il Convolvolo teme l’Oidio o Mal bianco, causato dall’eccessiva umidità ambientale, e il marciume radicale se il terreno non è ben drenato.
Sul Convolvolo si sviluppano i bruchi della “Sfinge del Convolvolo“, una falena il cui nome scientifico è “Agrius convolvoli”.
Si nutre del nettare dei fiori del Convolvolo aspirandolo mediante la sua lunga spiritromba. I bruchi raggiungono notevoli dimensioni e, se presenti in gran numero, possono defogliare completamente gli arbusti giovani della pianta lasciando integri solo i rami più duri e coriacei.
Fin dai tempi antichi il Convolvolo è stato utilizzato per le proprietà lassative per la forte presenza di saponine all’interno della linfa che scorre nelle radici e nelle foglie. Ha inoltre un effetto depurativo per il fegato e per i reni.
Ancora oggi, in Germania, con le sue foglie si usa preparare un infuso utile per trattare la leucorrea. L’infuso serve per purificare l’intestino e per combattere l’ insufficienza epatica.
Le foglie, essiccate e ridotte in polvere, conservano le proprietà curative a lungo. Se ne sconsiglia vivamente l’uso domestico se non si è esperti conoscitori di nozioni di erboristeria. Alcune specie del genere Convolvulus possono anche essere tossiche.
La bellezza del Convolo e la sua profumazione sono motivo di apprezzamento che si evince nelle favole dei fratelli Grimm, in particolare nel racconto “La tazzetta della Madonna“.
Si narra che in un giorno di primavera la Madonna s’imbatté in un carrettiere col carro sprofondato nel fango; se le avesse offerto del vino, lo avrebbe aiutato a liberare il carro dal fango. Dal momento che l’uomo non aveva tazze o bicchieri, allora la Madonna raccolse un fiore di Convolvolo e vi si fece versare il vino, liberando cosi il carro dell’uomo. Da allora il Convolvolo è conosciuto come “tazzina della Madonna“.
Il fiore del Convolvolo, per la sua delicatezza, simboleggia “debolezza di spirito, arrendevolezza, sottomissione”.
Plinio il Vecchio attribuiva al genere Convolvulus lugubri significati. Con i rametti carichi di fiori erano allestite ghirlande mortuarie.
Credevano che nei fiori fosse rimasto imprigionato lo spirito della ninfa Smilax trasformata in pianta per essersi innamorata del giovane Krocus.

 

Print Friendly
giu 1, 2021 - Senza categoria    No Comments

LE PIANTE DI BAUHINIA VARIEGATA ADORNANO IL GIARDINETTO DELLA CHIESA DI SANTA MARIA DEI SETTE DOLORI A LICATA

1 ok

Davanti alla chiesetta di “Maria SS.ma Dei Sette Dolori”, meglio conosciuta come la chiesa di “Sette Spade”, a Licata, si possono ammirare
4 bellissime piante di “Bauhinia variagata” che, in questo mese di maggio 2021, mostrano una delle più lunghe, eccezionali e spettacolari fioriture. Abbelliscono anche il giardinetto e la piazzetta di San Pio dove è collocato il monumento a San Pio da Pietralcina.

2 ok

3 ok

4 ok

https://youtu.be/ziXBC_2Js1o

 

CLICCA QUI

 

Un po’ di storia sulla chiesetta!
la chiesetta di Sette Spade fu costruita a Licata nel 1844 dal maestro Vincenzo Cibella, incaricato dalla confraternita degli Argillai per svolgere le attività liturgiche.
Fu costruita in periferia, in aperta campagna, posta al centro della confluenza fra la via Palma e la via Campobello, perché queste strade conducono nei paesi vicini di Palma di Montechiaro e di Campobello di  Licata.
La chiesetta misura 23 metri di lunghezza e 8,50 metri di larghezza.
Davanti all’ingresso fu realizzato un giardinetto, circondato da aiuole, e protetto da una bassa ringhiera lavorata in ferro battuto favorendo la visibilità dei veicoli in transito lungo le due arterie stradali della città molto trafficate.
La navata unica della chiesetta non presenta decorazioni particolari.  Ospita la statua lignea dell’Ecce Homo, il busto del Cristo dolente, posto su un piedistallo di legno e collocato in una nicchia chiusa da una lamina di vetro, e la statua di Santa Caterina d’Alessandria, una scultura in legno dipinto.
La veste della Santa martire è azzurra, il velo giallo, il manto rosso con risvolto giallo, la corona e la palma del martirio in argento.
La statua di Santa Caterina d’Alessandria, su richiesta del governatore della confraternita di Maria SS.ma della Carità, il prof. Francesco
La Perna, è stata trasferita e custodita nell’omonima chiesa della Carità.

???????????????????????????????

 Nel prospetto spicca  il campanile con le tre campane, quella centrale è più grande, quelle due laterali sono più piccole.

6 ok

Non ricordo il suono di queste campane perrchè la chiesetta è chiusa al culto da tanti anni. So che nel 1939 in questa chiesetta si sono uniti in matrimonio i miei suoceri, il signor Salvatore De Caro, pittore,  e la signora Dorotea Lauria.
A causa della notevole espansione urbanistica della città di Licata, soprattutto con il lavoro dei tanti emigrati all’estero, principalmente in Germania, che hanno realizzato le loro case abitative per la famiglia, viste le piccole dimensioni della chiesetta e notato il numero crescente dei fedeli parrocchiani, è stato necessario edificare una chiesa.
Nel 1989, con lo stesso nome, a pochi metri di distanza dalla chiesetta, in Corso Filippo Re Capriata, è stata costruita una nuova chiesa molto più capente e più accogliente.
Gli alberi di Bauhinia variegata, che abbelliscono la chiesetta di “Sette Spade”,  in questo periodo sono “tutti in fiore”, ricoperti di una moltitudine di racemi di grandi fiori dal colore rosa e che fanno ben meritare alla specie l’appellativo attribuito dagli americani di “albero delle orchidee” per la bellezza dei fiori molto simili a quelli delle orchidee e molto profumati.

7 ok

 Il genere “Bauhinia” comprende circa 300 specie di piante erbacee o a portamento arboreo tra le quali ricordiamo:
La “Bauhinia grandiflora”, una pianta originaria dell’Argentina e dell’Uruguay che produce fioriture spettacolari per tutta l’estate.
La “Bauhinia purpurea”, una pianta originaria dell’Asia e diffusa soprattutto in India e in Cina. Produce fiori vistosi, rosa, profumati, con cinque petali.
La “Bauhinia corniculata,” una specie che teme il freddo e necessita di una posizione soleggiata e alla luce diretta del sole per molte ore del giorno.
La “Bauhinia tomentosa”, una specie originaria di Ceylon con foglie ovali bilobate. Produce bellissimi fiori gialli campanulati con corolla composta da 5 petali tomentosi e vellutati al tatto. I fiori durano solo un giorno e al tramonto del sole virano al colore rosa malva.
La “Bauhinia alpinii”, una specie originaria dell’Africa meridionale. Ha dimensioni più contenute e portamento arbustivo. I fiori, grandi, vistosi e di colore rosso vivo, sono una fonte di attrazione per le farfalle.
La “Bauhinia inermis”, una pianta che produce grandi infiorescenze a spighe composte da fiori di colore bianco. Questa specie è originaria del Messico.
La “Bauhinia blakeana” è rappresentata, in forma stilizzata, come emblema floreale della bandiera di Hong Kong in quanto la pianta è stata scoperta per la prima volta ad Hong Kong nel 1880.
L’areale di origine della specie di Bauhinia comprende la Cina meridionale, il Myanmar, la Thailandia settentrionale, e il Vietnam settentrionale.
È stata introdotta, e si è naturalizzata, in molti paesi tropicali dell’America, dell’Africa e dell’Asia e, allo stato spontaneo, nei boschi e nelle foreste fino a circa 1000 metri di altitudine. In Europa e in Italia le piante del genere Bauhinia sono coltivate soprattutto come piante ornamentali nei parchi pubblici, nei giardini privati e nei vasi in tutti i paesi caratterizzati da un clima invernale mite.
La pianta di “Bauhinia variegata” è un piccolo, ma robusto albero originario dalla Cina  appartenente alla famiglia delle Fabaceae.

8 ok

Questa specie è coltivata non solo a scopo ornamentale, ma anche a scopo medicinale.
La sua parte ipogea è una radice fascicolata abbastanza robusta e profonda.
La parte aerea è formata da un corto tronco, alto 3 – 4 metri, semilegnoso, rivestito di una sottile corteccia grigio verdastra che sorregge una grande chioma globosa.

9 ok

9a ok

9b ok

 La chioma è composta dai lunghi rami allargati e dalle foglie che compaiono subito dopo i fiori.

10 ok

Le foglie, picciolate, composte, di colore verde intenso, cuoriformi, sono leggermente settate all’estremità e divise in due lobi con punte largamente arrotondate e con nervature evidenti. Per la forma settata della foglia, che si divide in due lobi come le ali di una farfalla, è chiamata “albero delle farfalle “.

11 ok

11a ok

Per la particolare forma delle foglie la Bauhinia è chiamata “Zampa di cammello o di bue” . Alla particolare simmetria dei due lobi fogliari si deve la nomenclatura del genere “Bauhinia” che Linneo dedicò ai fratelli  gemelli Bauhin, botanici e naturalisti svizzeri.
I fiori, raccolti in infiorescenze a grappolo, che spuntano sulle estremità apicali dei rami o tra le ascelle fogliari, sono lievemente profumati, grandi, composti da 5 petali di colore rosato con variegature rossastre e con fasci di stami sporgenti e ricurvi verso l’alto.

12 ok

13 ok

14 ok

La fioritura inizia dalla fine della primavera e si protrae fino a giugno-luglio. Alla fioritura, dopo l’impollinazione entomofila, segue la produzione dei frutti, lunghi baccelli deiscenti, di colore marrone, che pendono in gran numero dalla chioma.
Contengono da 10 a 15 semi, che sono dei dischi piatti, di forma lenticolare, rivestiti di un tegumento duro di colore marrone scuro alloggiati in cavità interne del baccello separate tra loro da setti legnosi. La facile germinabilità ne garantisce la moltiplicazione.

1

2 FRU

3

mde

In questa fase vegetativa la specie perde parte della sua bellezza per i fiori che appassiscono e per le foglie che seccano, si staccano e cadono volando malinconicamente.

15 ok

4 FOGLIE MORTE  OK

In primavera, prima del risveglio vegetativo, la Bauhinia può essere propagata anche per via agamica mediante talea semilegnosa.
La pianta di Bauhinia variegata, pur essendo originaria delle regioni tropicali e sub tropicali, si è bene adattata all’ambiente mediterraneo vegetando bene nelle aree dove non si verificano inverni rigidi. Può sopportare temperature fino a 5°C a discapito della sua fioritura.
Gradisce essere posta su un qualunque tipo di terreno, anche se predilige quello alcalino, sciolto, ricco di sostanza organica e, soprattutto, ben drenato. Non tollera la salsedine.
Ama il caldo, l’esposizione in luoghi soleggiati e riparati dal vento.
Coltivata all’aperto, gradisce le zone in cui il clima invernale è mite, mentre nelle zone a clima freddo deve essere coltivata in vaso per essere spostata in un ambiente interno quando le temperature iniziano a scendere sensibilmente.
E’ una pianta che non cresce molto, ma fornisce una bella ombra. Per quanto riguarda le annaffiature, si accontenta delle acque piovane.
Nei periodi di prolungata siccità e in estate è opportuno irrigare il terreno ogni 15 giorni, soprattutto se è completamente asciutto e arido.
La pianta giovane o quella allevata in vaso necessita di abbondanti apporti idrici per tutto il periodo primaverile e estivo.
Per stimolare un’abbondante fioritura, la pianta deve essere regolarmente concimata per tutto il periodo vegetativo con un concime composto da azoto fosforo, potassio e una buona percentuale di microelementi utili allo sviluppo armonioso della pianta.
La potatura serve a contenere la crescita della pianta e a mantenere una forma armoniosa della chioma per ottenere fioriture abbondanti ed eleganti.

16 ok

Dopo la fioritura, alla fine dell’inverno si devono accorciare i rami più lunghi, togliere quelli secchi o danneggiati utilizzando delle cesoie ben affilate, pulite e disinfettate per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.
Infatti, la Bauhinia è una pianta sensibile agli attacchi degli afidi, che generalmente si annidano alla base dei fiori e tra le ascelle delle foglie, ma non teme l’attacco delle cocciniglie o di altri parassiti animali.
E’ sensibile al marciume delle radici causato dagli apporti idrici troppo abbondanti.
E’ molto resistente alle malattie fungine o crittogame.

17 ok

La corteccia e le radici della Bauhinia variegata trovano ampia applicazione in erboristeria.
La corteccia è utilizzata dalla medicina tradizionale per il controllo del diabete, per la cura delle emorroidi, dei tumori, delle infiammazioni delle vie aeree superiori, delle infestazioni da vermi.
Gli estratti delle radici  sono rimedi naturali contro il bruciore di stomaco, la diarrea e i gonfiori addominali.
Una curiosità: nella cucina indiana sia i boccioli dei fiori, sia le foglie sono usati come insalate.
Dai semi si ottengono gli oli.

Print Friendly
Pagine:1234567...39»

Powered by AlterVista


Hit Counter provided by Sign Holders