Crea sito
giu 10, 2019 - Senza categoria    No Comments

UNA PAGINA DELLA STORIA MUSICALE DI LOCOROTONDO:CATALDO CURRI – IL LIBRO DI DONATO FUMAROLA E DI GIUSEPPE TURSI PRESENTATO A LICATA

 

1 ok

Oggi, 7 giugno 2019, l’aula Falcone-Borsellino è stata teatro di un importante evento culturale.
Infatti, in questa sala, ospitata presso la Parrocchia di San Giuseppe Maria Tomasi, a Licata, la confraternita di San Girolamo della Misericordia ha organizzato questo evento per ricordare la figura umana e professionale del M° Cataldo Curri, insigne musicista e compositore di opere famose.
E’ stato presentato il libro “UNA PAGINA DELLA STORIA MUSICALE DI LOCOROTONDO: CATALDO CURRI” . degli autori Donato Fumarola e Giuseppe Tursi.

2 ok

2a ok

” Una pagina della storia musicale di Locorotondo: Cataldo Curri ” è il libro che racconta la biografia e la storia delle attività artistiche dell’insigne M° Cataldo Curri grazie al minuzioso lavoro di ricerca del prof. Donato Fumarola e del prof Giuseppe Tursi.
Nel testo è inserito il catalogo delle sue opere corredato da oltre 70 foto inedite. Insieme al libro sono allegate alcune foto in formato grande che documentano varie e importanti occasioni. Le appendici finali del volume narrano fatti inediti riguardanti la banda bianca e alcuni dei suoi componenti.
La presentazione del lbro è del M° Angelo Schirinzi, la copertina illustrata è del disegnatore e grafico pubblicitario Alberto Camarra. Il grazie per la pubblicazione del volume va all’Associazione culturale Santa famiglia della c.da Lamie di Olimpia, alla Banca Popolare di Bari e al gruppo Macomed per il loro contributo.
A sollecitare l’evento per la presentazione del libro è stato il rev.padre Totino Licata, parroco della Parrocchia di San Giuseppe Maria Tomasi e assistente spirituale della confraternita di San Girolamo della Misericordia.
Ha condotto i lavori il prof. Francesco Pira Delegato alla Cultura della Confraternita.
Sono intervenuti: il prof. Donato Fumarola e il dott. Angelo Gambino.

3 ok
Il tavolo dei relatori

Dax: Francesco Pira- Donato Fumarola, Angelo Gambino

Purtroppo era assente  Giuseppe Tursi, co-autore del libro assieme a Donato Fumarola perché improvvisamente è venuto a mancare il 6 maggio u.s.

CLICCA QUI

Ha introdotto i lavori il dott. Angelo Gambino, governatore della confraternita di San Girolamo della Misericordia, che, dopo il benvenuto e i cordiali saluti, ha ringraziato padre Totino Licata per l’ospitalità, i licatesi presenti e, soprattutto, l’autore del libro, il prof Donato Fumarola per essere giunto a Licata da Locorotondo per partecipare alla presentazione del suo libro sulla vita e le opere del M° Cataldo Curri. Ha affermato che ancora oggi i brani musicali del M° Curri sono eseguiti dalle bande locali durante le Celebrazioni del Venerdì Santo amministrate dalla stessa Confraternita.

4 ok
Padre Totino Licata, nel suo intervento, ha letto  il suo contributo al libro: “Ricordo il Maestro Curri, la sua tenacia e la sua affabilità, il suo modo discreto e perfettamente educato di relazionarsi con gli altri. La sua presenza a Licata ha contribuito ad una crescita culturale non indifferente. Insegnava musica. Non dobbiamo dimenticare che il corpo bandistico di Licata era divenuto Banda di Giro. Il Comune lo aveva assunto, dopo un regolare concorso, e la sua vita la spese per questa nostra città”.

5 ok

Durante la cerimonia della presentazione dl libro il prof. Francesco Pira ha ripetutamente stimolato il prof. Donato Fumarola a raccontare aneddoti del grande compositore e direttore d’orchestra Cataldo Curri. Come lui stesso ha affermato: ”E’ stata una bellissima conversazione sul grande Maestro”.

6 ok

Cordiale è stato il dialogo del prof Donato Fumarola. Le se parole: “A Licata, fra di voi,  mi sono sentito subito a casa per la calorosa accoglienza”. Quindi ha raccontato parte della sua storia privata. Ha citato la frase scritta dal professor Calogero Carità:”Durante i suoi quindici anni di permanenza a Licata il M° Curri educò la gente, anche gli strati più popolari, ad accostarsi all’attività concertistica esibendosi ogni sabato sera e domenica mattina con musiche in palco in piazza Progresso o alla villa Regina Elena alla presenza di un numeroso pubblico entusiasta”. Infine ha ringraziato: Don Totino Licata, Angelo Gambino, Francesco Pira, Pierangelo Timoneri Giuseppe Nogara e la grande Banda Musicale Bellini – Curri. Il ringraziamento più sentito è andato al carissimo amico Pinuccio Tursi, nonchè co-autore del libro su Cataldo Curri. Senza il suo apporto, e senza il sostegno dell’ass.ne Santa Famiglia di Lamie D’Olimpia e della Banca popolare di Bari questo progetto non sarebbe stato realizzato.

7 ok

Hanno dato la loro testimonianza sulla presenza del M° Curri a Licata: l’amico Pierangelo Timoneri,

8 ok

il poeta Lorenzo Peritore,

9 ok

 il musicista Angelo Onorio,

10 ok

  la signora Anna Dainotto,

11 ok

il dott. Angelo Gambino che hanno raccontato episodi della vita del M° Curri o vissuti personalmente o appresi dalle persone, padri e fratelli, che l’hanno conosciuto.

12 ok

 Riporto integralmente il discorso di Pierangelo Timoneri: “L’amicizia con Donato Fumarola nasce nell’estate del 2009 quando mi scrisse questo messaggio: <<Vorrei avere notizie sul M° Cataldo Curri. Un grazie di cuore da parte di tutti i locorotondesi per il tuo lavoro di ricerca>>. In quell’anno ero alla ricerca di marce di Curri e di autori di banda per la mostra fotografica sulla Settimana Santa a Licata. Da qui sono nati la corrispondenza con Fumarola e lo scambio di materiale su Curri. L’ho fatto mettere in contatto con don Totino Licata e con Giuseppe Nogara, capobanda della Bellini-Curri. Nel 2016, all’improvviso e inaspettatamente, Fumarola mi chiese di scrivere un capitolo sul suo libro, sulla presenza di Curri a Licata e sulle processioni, così sentite e partecipate nella nostra città. Ho accettato con qualche timore ed ecco che nel libro trovate un mio contributo. Non ho avuto modo di conoscere il M° Curri, ero piccolino quando per l’ultima volta diresse il concerto del Venerdì Santo a Licata, ma ho i ricordi di mio padre, amante della musica classica e della lirica, che me ne parlava e che faceva parte della filarmonica. Egli mi ha trasmesso questa passione. Con don Totino Licata nel 1994 e nel 1995 ho fatto parte del coro per il Venerdì Santo ed oggi faccio parte del coro polifonico “Luigi Cherubini” che quest’anno abbiamo ripreso i brani che venivano eseguiti dalla Filarmonica. Per questo evento della presentazione del libro ho realizzato la mostra fotografica e di documenti relativi al M° Curri. Concludo questo mio breve intervento con quanto ho scritto sul libro. <<Grato al carissimo Donato Fumarola per avermi invitato a scrivere un intervento sul suo libro dedicato al M° Curri>>. Concludo con il desiderio che si possa indicare il maestro come una persona che ha lasciato un segno tangibile nella storia delle due città, Licata e Locorotondo, ed in ogni luogo dove è stato chiamato per dirigere bande musicali. Importante in questo senso è conservarne e tramandarne la memoria attraverso valide iniziative. A Licata qualche anno fa gli è stata intitolata una via e una banda musicale ne porta il suo nome. Sarebbe interessante proporre all’Amministrazione Comunale di Licata la realizzazione di un busto o l’installazione di una lapide del maestro da collocare nella villa Regina Elena, luogo dei suoi concerti, per farlo conoscere agli alunni delle scuole e per dedicare al compianto maestro ogni iniziativa bandistica e musicale”.

Durante il convegno hanno dato prova della loro bravura i musici della Banda Bellini-Curri, diretti dal capobanda Giuseppe Nogara, che hanno suonato “La Dolente” e “Lacrime” opere del M° Cataldo Curri. La Banda Musicale Bellini- Curri, attraverso le parole del capobanda Giuseppe Nogara, ritenendosi onorata di partecipare all’evento organizzato dalla confraternita di San Girolamo della Misericordia per la presentazione del libro del prof. Donato Fumarola, ringrazia gli organizzatori.

12a ok

13 ok

14 ok

15 ok

16 ok

 

CLICCA QUI

 

La visita alla mostra delle fotografie e dei documenti relativi al M° Curri, curata dall’operatore culturale Pierangelo Timoneri, è stato un altro momento di arricchimento culturale.

23 ok

24 ok

29 ok

30 ok

31 ok

32 ok

34 ok

35 ok

La cerimonia ha suscitato grande interesse e gli applausi della platea sono stati calorosi e abbondanti.

36 ok

36a ok

37 ok

37a ok

Alla fine il prof. Donato Fumarola ha firmato la dedica al suo libro e ha salutato gli amici

38 ok

39 ok

40 ok

41 ok

CATALDO CURRI  nasce a Locorotondo (BA) il 17 gennaio 1892.

42 ok

Musicista e compositore, diplomatosi al Conservatorio di Napoli e completati gli studi divenne direttore di banda. Nel 1931 emigrò in Argentina dove si inserì a suonare il primo corno nell’orchestra diretta dal maestro Arturo Toscanini.
Alla fine della seconda guerra mondiale ritornò in Italia. Nel 1947 partecipò e vinse il concorso per maestro di banda musicale bandito dal Comune di Licata dove M° Curri rimase fino al 1962 da egregio direttore della banda musicale. Non solo fu un eccellente direttore della banda, ma seppe unire alla musica le voci di diverse persone amanti del canto per la costituzione della Filarmonica “Petrella” che ogni anno, nella ricorrenza del Venerdì Santo, si esibiva sul palco allestito in piazza Progresso la sera dopo la deposizione del Cristo che scende dalla Croce. Per questa ricorrenza Curri compose varie marce funebri, tra le quali: LACRIME, LA DOLENTE, ULTIMO GIORNO. Dopo essere andato in pensione, il M° Cataldo Curri si ritirò a Pistoia, nella casa della figlia, dove morì l’11 maggio 1978 e per suo desiderio fu sepolto nella sua città natale esprimendo il desiderio di accompagnare il suo feretro col  suono di “Lacrime”.

DONATO FUMAROLA, nato a Locorotondo, all’età di dieci anni ha iniziato gli studi musicali diplomandosi in seguito in Pianoforte, Musica Jazz e Didattica Della Musica presso i conservatori di Matera e Monopoli . Nel 1991vince il suo primo premio assoluto al VI Con.Naz.Pianistico “Città di Valentino” di Castellaneta (Ta) seguiranno altri cinque primi premi assoluti in altrettanti Conc. Naz. ed Internazionali con formazioni cameristiche. Nell’ estate 98 ottiene una borsa di studio I.S.M.E.Z. al Conc. Inter. di musica da camera “ Città di Gubbio”. Dopo aver praticato un lungo apprendistato e perfezionamento nei campi della musica classica, e contemporanea, in diversi Conservatori e Accademie Musicali italiane con i maestri tra i quali: R.Corlianò,R.Cognazzo, T.Lievitina, K.Bogino,C.Grante (pianoforte e musica da camera), S.Gorli, D.Ghezzo (composizione), S.Miceli F.Piersanti (musica per film) tappa fondamentale nella sua evoluzione artistica è stata l’immersione nell’improvvisazione totale, nel 1999, nell’ensemble“Labirinto” del M. Gianni Lenoci. Seguiranno numerosi seminari con Maestri e Performer quali: Bruno Tommaso, Jean Derome, Gerardo Iacoucci, Francesco de Grassi, Stefano Battaglia,Marco Fumo. Diverse sue composizioni, sono state eseguite in numerosi recital, festival e rassegne musicali nazionali quali: Bologna (Accademia Filarmonica 1997 e 2000), Bari (Dipartimento di musica contemporanea ’99 in collaborazione con la New York University), Otranto (Salento musica XXedizione ’99), Alberobello Jazz 2004, Monopoli (III, IV eV Meeting della Scuola di Didattica Della Musica 2007,2008e 2009). Le sue collaborazioni vanno dalla musica classica a quella contemporanea, dal jazz al tango, alla musica gospel, alla sonorizzazione di film muti. Una sua sonorizzazione del film Emak-Bakia (1926)di Man Ray è stata segnalata alla terza edizione del festival “Harlock 2001-Rimusicazioni Film Festival di Bolzano. Nel maggio 2008 il direttore del Cons. “Nino Rota” di Monopoli e il comitato scientifico del corso di Didattica Della Musica, gli hanno conferito un Diploma di Merito per le sue composizioni, molto intense sia dal punto di vista artistico, sia da quello dell’ impegno civile, morale e umano. Suoi lavori sono pubblicati presso la casa editrice Florestano di Bari. Insegna pianoforte presso la Carl Orff di Putignano e Alberobello.
Dal web:http://www.donatofumarola.com/

Dalla seconda di copertina del libro

43 donato ok

44 ok

  Dalla seconda di copertina del libro

GIUSEPPE TURSI

45 giuseppe ok

 

 

 

 

Print Friendly

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!

*

Powered by AlterVista


Hit Counter provided by Sign Holders