Crea sito
mar 1, 2020 - Senza categoria    No Comments

LE BOUGANVILLE AURANTIACA E SANDERIANA PRESENTI NELLA MIA CAMPAGNA DI LICATA

 

0 ok

Amici  miei, vi è mai capitato di incontrare un recinto, una parete, un muro rivestiti dai rami fioriti della bellissima Bouganvilleae di rimanere affascinati dalla straordinaria bellezza dei suoi fiori?
Ebbene, nella mia campagna, in contrada Montesole, a Licata, sono presenti due varietà di Bouganvillee: la varietàaurantiaca”, caratterizzata da brattee che circondano i fiori dal color rosso mattone scuro, e la varietàSanderiana”, che ha ifiori circondati da brattee di colore rosso-violaceo.

CLICCA QUI

La Bouganvillea è una pianta rampicante che, dalla primavera e fino al tardo autunno, con la sua abbondante fioritura, regala splendide macchie di colore.
In Brasile, nel 1768, fu notata dal botanico francese Philibert Commerson, ma il suo nome è un omaggio a Louis Antoine de Bouganville, il navigatore francese che scoprì questa pianta durante uno dei suoi tanti viaggi e la introdusse in Europa.
La Bougainvillea, chiamata anche Bouganvillea Buganvillea, è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Nyctaginaceae.
È diffusa in tutti quei Paesi dove il clima è mite. In Italia è coltivata in piena terra, all’esterno, solo nelle regioni più calde poichè necessita di una temperatura non inferiore ai 7 °C. A Licata la temperatura non scende quasi mai al di sotto dei 7°C neanche in inverno!
Quindi, la pianta ha trovato il suo ambiente ideale.
Le mie piante sono molto belle e vistose e ravvivano l’aspetto del mio giardino!
La Bouganvillea aurantiaca possiede rametti legnosi provvisti di spine e foglie ovate di colore verde lucente lungo tutto il fusto.
I piccoli fiori sono circondati da grandi brattee di colore rosso mattone scuro.

1 ok

2 ok

2a ok

La Bougainvillea Sanderiana è una pianta molto rustica, di forma raccolta, con foglie piccole, verdi, lucide e con fiori circondati da brattee di colore rosso-violaceo brillante. Possiede rametti legnosi provvisti di spine.

???

4 ok

5 ok

Esistono in Natura 18 varietà di Bouganvillee che differiscono tra di loro per il colore dei fiori. Le grandi brattee, che circondano il fiore vero e proprio, possono essere di colore bianco, giallo, arancio, rosa, viola. Colori più frequenti per le Bouganvillee sono: il rosa, il rosso, il fucsia e il viola.
L’interesse come piante ornamentali è dato, appunto, dai grappoli dei piccoli fiori tubolosi riuniti a gruppi di tre avvolti in un involucro di tre brattee vistosamente colorate. La fioritura si protrae per diversi mesi durante l’anno.
La Bouganvillea si moltiplica per seme, ma anche per talea. E’ sufficiente asportare dalla pianta un rametto di circa 8-10 centimetri di lunghezza e piantarlo nel terreno. Il periodo ideale per le talee è la primavera. Dopo circa  tre settimane dall’impianto si potrà vedere la comparsa delle piccole radici.
Le Bouganvillee, coltivate prevalentemente a scopo ornamentale, si possono ammirare lungo i muri, nei recinti, nei cortili e vicino alle verande.
Semplici da coltivare, le Bouganvillee sono delle piante vigorose, appariscenti, vistose ma, allo stesso tempo, delicate ed eleganti.
Sono in grado di svilupparsi abbastanza rapidamente producendo una cascata di rami, di foglie e di fiori colorati che abbelliscono l’ambiente dove vivono.
Le Bouganvillee, coltivate all’aperto, richiedono un terreno fertile e amano essere poste in luoghi esposti al sole e riparati dalle correnti fredde in modo da ottenere un’ottima fioritura. Il terreno deve contenere una buona quantità di umidità.
Bisogna annaffiare la Bouganvillee solo quando il terreno è ben asciutto.
Infatti, è una pianta che sopporta bene la siccità, ma le annaffiature periodiche sono indispensabili soprattutto nel periodo estivo.
Durante i mesi freddi, invece, bisogna annaffiare il terreno solo sporadicamente e solo quando è ben asciutto.
Poiché la Bouganvillea è una pianta che cresce piuttosto velocemente, per dare una forma armoniosa è necessario potare la pianta prima dell’arrivo della primavera, durante il mese di febbraio, al termine di ogni fioritura.
Si devono eliminare tutti i rami deboli o secchi e accorciare di un terzo circa i rami principali. Con le nuove foglie e con nuova la fioritura si riprenderà spettacolarmente.
Durante la potatura bisogna usare i guanti per proteggere le dita dalla puntura delle spine che, possedendo una leggera tossicità, potrebbero causare fastidiose dermatiti.
La Bouganvillea è una pianta molto resistente e, in genere, difficilmente è attaccata dagli insetti o colpita da malattie fungine.
Eventuali malattie e parassiti potranno essere sconfitti dai trattamenti chimici e biologici. Gli antiparassitari biologici rispettano l’ambiente, sono atossici per le persone, per gli animali domestici e per gli insetti utili.
Tra le malattie crittogame, cioè quelle causate da funghi microscopici che attaccano tutte le parti della pianta, dalle radici alle foglie, si evidenziano: il marciume fogliare, che si manifesta con l’accartocciamento delle foglie e la loro precoce caduta; il marciume radicale, causato dal ristagno idrico; la tracheomicosi, una malattia fungina che provoca il disseccamento parziale o totale dell’intero fusto.
Tra i parassiti animali, che maggiormente recano danni a questa meravigliosa pianta, quelli più frequenti sono: la Cocciniglia, un parassita che si nutre della linfa della pianta, gli Afidi, che attaccano fiori e foglie soprattutto quando l’aria è umida.
Gli attacchi degli Afidi predispongono la pianta all’aggressione del “virus del mosaico”, un virus che provoca l’ingiallimento delle foglie, l’arresto della fioritura e la produzione di germogli deformati e contorti.
Nel linguaggio dei fiori la Bougainvillea assume il significato di “benvenuto”.

 

Print Friendly

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!

*

Powered by AlterVista


Hit Counter provided by Sign Holders