Crea sito
dic 26, 2020 - Senza categoria    No Comments

“ASPITTANNU U CAPUDANNU” LA LIRICA DELLA POETESSA LICATESE ROSARIA INES RICCOBENE

 

“ASPITTANNU U CAPUDANNU” è la lirica della poetessa licatese Rosaria Ines Riccobene

Tratta dal suo libro “ Luci ombre voci e silenzi”

5-ok1

 

ASPITTANNU U CAPUDANNU

Aspittannu u Capudannu passa tuttu l’annu.

Minuti supra minuti uri appressu a uri

jorna doppu jorna e botti di simanati sani

comu diciano i nostri paisani – parlannu sicilianu –

che è u nostru dualettu isulanu.

Misi doppu misi,dudici ppessiri cchiù pricisi

passa n’autru annu e ni trasa unu picciliddru

ca sempri si spera sia megliu di chiddru.

Quanti sonna ad occhi aperti e ad occhi chiusi.

Quanti prumisi e quanti prieri si fannu,

puru giaculatori e quanti scungiuri ci sunnu.

E nill’aria casteddi si costruisciunu

mentri i pinzera crisciunu.

Stasciuni doppu stasciuni: caudu, friddu,

simini sciura,frutti, travagliu e sudura.

Furmini du celu caduti ca mancu t’aspetti

E vudeddri sturciuti e un sa cchi fari

unni ta riparari e ti metti ad aspittari

tempi cchiu megliu c’hanno a viniri.

Speri ca i guai hannu a passari, ca quetu a stari

e ca u suli ppi tutti ava a spuntari.

Ma a vita accussì è cuminata:gioi guai spiranzi

attesi dilusioni, festi e festini e puru morti e funirali.

Signuri miei ci sunni chiddri ca ci hannu a campari

e tutti sti cosi  intra a na grossa pignata hannu a stari

e accussì sunnu, accussì hannu a giri

u munnu ava a firriari, ppi tutti ava a girare.

Ogni annu è a solita minestra

anchi se all’urtimu dill’annu

si iettinu cosi vecchi da finestra

-si tenunu luntanu guai e malanni si dica-

ma poi tutti i cosi l’ominu unni ficia.

E ora aspittannu u novu annu un brindisi

ccu tutti vogliu fari  spirannu  – comu sempri –

ca u 2013 sulu cosi boni ava a purtari.

 

 

 

 

Print Friendly

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!

*

Powered by AlterVista


Hit Counter provided by Sign Holders